Siamo stati in Val di Susa e abbiamo capito

lunedì, 5 marzo, 2012 14:57 1 commento

Siamo stati in Val di Susa ospiti degli abitanti della valle: insegnanti, agricoltori, pensionati, studenti e abbiamo visto:
Un luogo attraversato da due strade statali, un’autostrada, un traforo, una ferrovia, impianti da sci, pesanti attività estrattive lungo il fiume
Persone che continuano a curare questo territorio già affaticato da infrastrutture ed attività commerciali e cercano di recuperare un rapporto equilibrato con l’ambiente e la propria storia.
Una comunità che crede nella convivialità e nella coesione sociale e coltiva forti rapporti intergenerazionali.

Abbiamo capito che in Val di Susa non è in gioco la realizzazione della ferrovia Torino-Lione, bensì un intero modello sociale. Un popolo unito e coeso, una comunità forte non può essere assoggettata a nessun interesse nè politico, nè economico. E’ interesse di tutti i poteri forti dividere, isolare, smembrare per poter meglio controllare e favorire interessi particolari.

Abbiamo capito
perché tutto l’arco costituzionale vuole la TAV, non è dificile, basta guardare alle imprese coinvolte:
Cmc (Cooperativa Muratori e Cementist) cooperativa rossa, quinta impresa di costruzioni italiana, al 96esimo posto nella classifica dei principali 225 «contractor» internazionali che vanta un ex-amministratore illustre, Pier Luigi Bersani, si è aggiudicata l’incarico (affidato senza gara) di guidare un consorzio di imprese (Strabag AG, Cogeis SpA, Bentini SpA e Geotecna SpA) per la realizzazione del cunicolo esplorativo a Maddalena di Chiomonte. Valore dell’appalto 96 milioni di Euro.

Rocksoil s.p.a società di geoingegneria fondata e guidata da Giuseppe Lunardi il quale ha ceduto le sue azioni ai suoi familiari nel momento di assumere l’incarico di ministro delle Infrastrutture e dei trasporti del governo Berlusconi dal 2001 al 2006. Nel 2002, la Rocksoil ha ricevuto un incarico di consulenza dalla società francese Eiffage, che a sua volta era stata incaricata da Rete Ferroviaria Italiana (di proprietà dello stato) di progettare il tunnel di 54 Km della Torino-Lione che da solo assorbirà 13 miliardi di Euro. Il ministro si è difeso dall’accusa di conflitto di interessi dicendo che la sua società lavorava solo all’estero.

Impregilo è la principale impresa di costruzioni italiana. È il general contractor del progetto Torino-Lione e del ponte sullo stretto di Messina. Appartiene a:
33% Argofin: Gruppo Gavio. Marcello Gavio è stato latitante negli anni 92-93 in quanto ricercato per reati di corruzione legati alla costruzione dell’Autostrada Milano-Genova. Prosciolto successivamente per prescrizione del reato.
33% Autostrade: Gruppo Benetton. Uno dei principali gruppi imprenditoriali italiani noto all’estero per lo sfruttamento dei lavoratori delle sue fabbriche di tessile in Asia e per aver sottratto quasi un milione di ettari di terra alle comunità Mapuche in Argentina e Cile
33% Immobiliare Lombarda: Gruppo Ligresti. Salvatore Ligresti è stato condannato nell’ambito dell’inchiesta di Tangentopoli pattuendo una condanna a 4 anni e due mesi dopo la quale è tornato tranquillamente alla sua attività di costruttore.

Abbiamo capito che l’unico argomento rimasto in mano ai politico-imprenditori ed ai loro mezzi di comunicazione per giustificare un inutile progetto da 20 miliardi di euro mentre contemporaneamente si taglia su tutta la spesa sociale è la diffamazione. Far passare gli abitanti della Val di Susa come violenti terroristi. Mentre noi abbiamo visto nonni che preparavano le torte, appassionati insegnanti al lavoro, agricoltori responsabili, amministratori incorruttibili.

Abbiamo capito che questo è l’unico argomento possibile perchè ormai numerosi ed autorevoli studi, di cui nessuno parla, hanno già dimostrato quanto la TAV sia economicamente inutile e gravemente dannosa.

Questi i principali:

Interventi scientifici e studi relativi all’Alta Velocità Torino-Lione dei ricercatori del Politecnico di Torino: http://areeweb.polito.it/eventi/TAVSalute/

Analisi degli studi condotti da LTF in merito al progetto Lione-Torino, eseguiti da COWI, rinomato studio di consulenza che lavora stabilmente per le istituzioni europee: http://ec.europa.eu/ten/transport/priority_projects/doc/2006-04-25/2006_ltf_final_report_it.pdf

Contributo del Professore Angelo Tartaglia, del Politecnico di Torino: http:/www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2010_11-Angelo%20Tartaglia%20confuta%20teorie%20S%EC%20TAV%20On.%20Stefano%20Esposito.pdf

Analisi economica del Prof. Marco Ponti del Politecnico di Milano
http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002454.html

Rapporto sui fenomeni di illegalità e sulla penetrazione mafiosa nel ciclo del contratto pubblico del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro:
http://www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2008_Rapporto%20sugli%20appalti.pdf

Risultanze del controllo sulla gestione dei debiti accollati al bilancio dello Stato contratti da FF.SS., RFI, TAV e ISPA per infrastrutture ferroviarie e per la realizzazione del sistema “Alta velocità”:
http://www.notav-avigliana.it/doc/delibera_25_2008_g_relazione.pdf

Presentazione dell’Ingegnere Zilioli, in relazione a “EFFETTI TAV – STUDI EUROPEI/buone pratiche e cattivi esempi”
http:/www.comune.re.it/retecivica/urp/retecivi.nsf/PESIdDoc/CE2F74FF4EBDC0A7C125783000474080/$file/Presentazione%20Ing.%20Zilioli.pdf

Ricerca del Politecnico di Milano sull’alta velocità in Italia che svela un buco di milioni di utenti.
http://www.tema.unina.it/index.php/tema/article/view/486

NON POSSIAMO RESTARE IN SILENZIO, COSTRUIAMO LA NOSTRA INFORMAZIONE DAL BASSO, INOLTRA E DIFFONDI QUESTO MESSAGGIO.

Primi firmatari:
Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla, Paolo Carsetti, Andrea Baranes, Antonio Tricarico, Giulia Franchi, Luca Manes, Carlo Dojmi di Delupis, Elena Gerebizza, Luca Bianchi, Laura Boschetto, Vitaliana Curigliano, Chiara Berlingardi, Stefania Grillo, Pamela Teoli, Adriana Rosasco, Benedetto Calvo, Riccardo Carraro, Stefania Pizzolla, Andrea Cocco, Filippo Maria Taglieri, Sara Turra, Andrea Provvisionato, Michela Bortoli, Francesco Martino, Silvia Nesticò, Dario Radi, Elena Cavassa, Mario Martone, Anna Ferrari

per aderire posta un commento su:
http://siamostatiinvaldisusa.wordpress.com/

Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla e altre/i - Siamo stati in Val di Susa

1 Commento

Scrivi un commento


Other News

  • PARLIAMONE! L’Odissea gotica del presente

    L’Odissea gotica del presente

    Nel suo edi­to­riale di sabato 29 Norma Ran­geri invita ad una nuova resi­stenza con­tro l’assuefazione media­tica dalle morti dei migranti. Il tema viene ripreso da Tom­maso Di Fran­ce­sco con par­ti­co­lare riguardo alle respon­sa­bi­lità euro­pee nelle guerre da cui pro­ven­gono i pro­fu­ghi. Si tratta di un appello giu­sto e acco­rato, e di una ana­lisi sto­ri­ca­mente docu­men­tata, che com­pon­gono entrambi un qua­dro poli­ti­ca­mente pro­vo­ca­to­rio poi­ché chia­mano in campo non solo il sistema dell’informazione ma lo spi­rito stesso col quale ci pre­di­spo­niamo ad inter­pre­tare le notizie. […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO Jobs Act: se non è una bolla, sono bollicine

    Jobs Act: se non è una bolla, sono bollicine

    All’indomani dell’approvazione del Jobs Act alcuni auto­re­voli ana­li­sti si erano spinti a pre­ve­dere una “bolla lavoro”, cioè, una impen­nata dell’occupazione per effetto dei con­si­stenti incen­tivi asse­gnati a chi assu­meva col con­tratto a tutele cre­scenti. E sic­come in attesa della nuova legge alcuni impren­di­tori ave­vano rin­viato le assun­zioni neces­sa­rie, quell’attesa non era infondata. In quella stessa occa­sione il Pre­si­dente del Con­si­glio aveva pro­nun­ciato una frase che la dice lunga sulle sue inten­zioni e sulla sua idea di poli­tica e di eco­no­mia. Aveva detto, rivolto agli impren­di­tori, che […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI Casa Pound vuole fare la festa a Milano

    Casa Pound vuole fare la festa a Milano

    Allarmi son fasci­sti. Lo si sapeva da un pezzo e gri­dare al lupo al lupo non serve più a niente. E così l’antifascismo mili­tante per l’ennesima volta si ritrova a gio­care sem­pre di rimessa, appel­lan­dosi alle “auto­rità” affin­ché evi­tino il solito pro­vo­ca­to­rio raduno di vec­chi e nuovi fasci­sti che ormai sono diven­tati di casa anche in quella che con un po’ di reto­rica viene defi­nita “città meda­glia d’oro della Resi­stenza”. Le posi­zioni e la capa­cità di fare poli­tica biso­gnerà ricon­qui­star­sele sul campo, ogni giorno e con nuove […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI Syriza, lo strappo dei giovani

    Syriza, lo strappo dei giovani

    A meno di tre set­ti­mane dalle ele­zioni del 20 set­tem­bre, il clima poli­tico torna a sur­ri­scal­darsi: innan­zi­tutto, ci si domanda quali saranno le mosse del nuovo governo, rispetto agli obbli­ghi impo­sti dai cre­di­tori con i tre memo­ran­dum che ha fir­mato il paese. Secondo quanto ripor­tato da Efi­me­rida ton Syn­tak­ton (Quo­ti­diano dei Redat­tori), gli obbli­ghi e i tagli in que­stione, impor­reb­bero decur­ta­zioni alle pen­sioni tali da far par­tire il trat­ta­mento minimo da 150 euro men­sili, per arri­vare a un mas­simo di 600 euro. Inu­tile sot­to­li­neare che […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI Al fianco di Assad sciiti in piazza e russi sul campo

    Al fianco di Assad sciiti in piazza e russi sul campo

    Dopo l’Iraq, anche gli sciiti siriani scen­dono in piazza. Non per chie­dere ser­vizi come a Bagh­dad ma per pre­mere sull’acceleratore della rispo­sta gover­na­tiva alle oppo­si­zioni isla­mi­ste. Mar­tedì e ieri si sono tenuti sit-in a Dama­sco, Aleppo e Homs: in cen­ti­naia hanno fatto appello all’esercito per­ché rompa l’assedio sulle città sciite di Kafraya e Foa, occu­pate dall’Esercito della Con­qui­sta, coa­li­zione di mili­zie isla­mi­ste gui­data da al-Nusra. A Dama­sco i mani­fe­stanti hanno mar­ciato verso l’aeroporto, ad Homs hanno bloc­cato alcune strade annun­ciando di volerci restare fino a quando il […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Referendum, maneggiare con cura

    Referendum, maneggiare con cura

    E dun­que il voto popo­lare può essere l’unico stru­mento utile a mani­fe­stare un dis­senso che — pur di massa — non rie­sce diver­sa­mente a farsi ascol­tare. Ma è uno stru­mento non facile da uti­liz­zare. Come va for­mu­lato un que­sito? Biso­gna anzi­tutto con­si­de­rare che il refe­ren­dum can­cella una legge o parti di essa, non la scrive. E la can­cel­la­zione non fa rivi­vere la legge prima vigente. Que­sto punto è ormai con­so­li­data giu­ri­spru­denza della Corte costi­tu­zio­nale (da ultimo con la sen­tenza 12/2014). Quindi, l’abrogazione lascia un vuoto nell’ordinamento […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO L’accoglienza dei profughi a Barcellona e Madrid: due esempi virtuosi

    L’accoglienza dei profughi a Barcellona e Madrid: due esempi virtuosi

    Men­tre il governo con­ser­va­tore del pre­mier Mariano Rajoy frena sull’accoglienza dei pro­fu­ghi, i muni­cipi di sini­stra mostrano l’altro volto della Spa­gna. Quello soli­dale. E le dif­fe­renze fra oppo­sti schie­ra­menti poli­tici, come dovrebbe essere sem­pre, emer­gono molto chiaramente. A gui­dare le città che dicono «refu­gia­dos bien­ve­ni­dos» è Bar­cel­lona, la cui sin­daca Ada Colau (nella foto reu­ters) è stata la prima a pren­dere l’iniziativa. La giunta gui­data dall’ex atti­vi­sta dei movi­menti anti-sfratti ha deciso di creare un «regi­stro dell’accoglienza»: tutte le fami­glie che inten­dono dare un aiuto […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Così muore un piccolo profugo

    Così muore un piccolo profugo

    A vederlo non sem­bra avere più di tre, quat­tro anni. E’ steso sulla bat­ti­gia con la testa rivolta verso il mare, i pan­ta­lon­cini blu e la maglietta rossa zuppi d’acqua. Le brac­cia sono distese lungo il cor­pi­cino immo­bile, ai piedi porta ancora le scar­pette con le quali è par­tito. Sem­bra sia solo caduto, o che si sia addor­men­tato lungo la spiag­gia come spesso capita ai bam­bini. Invece è morto. In un’altra imma­gine si vede un guar­da­co­ste fermo in piedi a un metro da lui che lo […]

    Leggi tutto →