Siamo stati in Val di Susa e abbiamo capito

lunedì, 5 marzo, 2012 14:57 1 commento

Siamo stati in Val di Susa ospiti degli abitanti della valle: insegnanti, agricoltori, pensionati, studenti e abbiamo visto:
Un luogo attraversato da due strade statali, un’autostrada, un traforo, una ferrovia, impianti da sci, pesanti attività estrattive lungo il fiume
Persone che continuano a curare questo territorio già affaticato da infrastrutture ed attività commerciali e cercano di recuperare un rapporto equilibrato con l’ambiente e la propria storia.
Una comunità che crede nella convivialità e nella coesione sociale e coltiva forti rapporti intergenerazionali.

Abbiamo capito che in Val di Susa non è in gioco la realizzazione della ferrovia Torino-Lione, bensì un intero modello sociale. Un popolo unito e coeso, una comunità forte non può essere assoggettata a nessun interesse nè politico, nè economico. E’ interesse di tutti i poteri forti dividere, isolare, smembrare per poter meglio controllare e favorire interessi particolari.

Abbiamo capito
perché tutto l’arco costituzionale vuole la TAV, non è dificile, basta guardare alle imprese coinvolte:
Cmc (Cooperativa Muratori e Cementist) cooperativa rossa, quinta impresa di costruzioni italiana, al 96esimo posto nella classifica dei principali 225 «contractor» internazionali che vanta un ex-amministratore illustre, Pier Luigi Bersani, si è aggiudicata l’incarico (affidato senza gara) di guidare un consorzio di imprese (Strabag AG, Cogeis SpA, Bentini SpA e Geotecna SpA) per la realizzazione del cunicolo esplorativo a Maddalena di Chiomonte. Valore dell’appalto 96 milioni di Euro.

Rocksoil s.p.a società di geoingegneria fondata e guidata da Giuseppe Lunardi il quale ha ceduto le sue azioni ai suoi familiari nel momento di assumere l’incarico di ministro delle Infrastrutture e dei trasporti del governo Berlusconi dal 2001 al 2006. Nel 2002, la Rocksoil ha ricevuto un incarico di consulenza dalla società francese Eiffage, che a sua volta era stata incaricata da Rete Ferroviaria Italiana (di proprietà dello stato) di progettare il tunnel di 54 Km della Torino-Lione che da solo assorbirà 13 miliardi di Euro. Il ministro si è difeso dall’accusa di conflitto di interessi dicendo che la sua società lavorava solo all’estero.

Impregilo è la principale impresa di costruzioni italiana. È il general contractor del progetto Torino-Lione e del ponte sullo stretto di Messina. Appartiene a:
33% Argofin: Gruppo Gavio. Marcello Gavio è stato latitante negli anni 92-93 in quanto ricercato per reati di corruzione legati alla costruzione dell’Autostrada Milano-Genova. Prosciolto successivamente per prescrizione del reato.
33% Autostrade: Gruppo Benetton. Uno dei principali gruppi imprenditoriali italiani noto all’estero per lo sfruttamento dei lavoratori delle sue fabbriche di tessile in Asia e per aver sottratto quasi un milione di ettari di terra alle comunità Mapuche in Argentina e Cile
33% Immobiliare Lombarda: Gruppo Ligresti. Salvatore Ligresti è stato condannato nell’ambito dell’inchiesta di Tangentopoli pattuendo una condanna a 4 anni e due mesi dopo la quale è tornato tranquillamente alla sua attività di costruttore.

Abbiamo capito che l’unico argomento rimasto in mano ai politico-imprenditori ed ai loro mezzi di comunicazione per giustificare un inutile progetto da 20 miliardi di euro mentre contemporaneamente si taglia su tutta la spesa sociale è la diffamazione. Far passare gli abitanti della Val di Susa come violenti terroristi. Mentre noi abbiamo visto nonni che preparavano le torte, appassionati insegnanti al lavoro, agricoltori responsabili, amministratori incorruttibili.

Abbiamo capito che questo è l’unico argomento possibile perchè ormai numerosi ed autorevoli studi, di cui nessuno parla, hanno già dimostrato quanto la TAV sia economicamente inutile e gravemente dannosa.

Questi i principali:

Interventi scientifici e studi relativi all’Alta Velocità Torino-Lione dei ricercatori del Politecnico di Torino: http://areeweb.polito.it/eventi/TAVSalute/

Analisi degli studi condotti da LTF in merito al progetto Lione-Torino, eseguiti da COWI, rinomato studio di consulenza che lavora stabilmente per le istituzioni europee: http://ec.europa.eu/ten/transport/priority_projects/doc/2006-04-25/2006_ltf_final_report_it.pdf

Contributo del Professore Angelo Tartaglia, del Politecnico di Torino: http:/www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2010_11-Angelo%20Tartaglia%20confuta%20teorie%20S%EC%20TAV%20On.%20Stefano%20Esposito.pdf

Analisi economica del Prof. Marco Ponti del Politecnico di Milano
http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002454.html

Rapporto sui fenomeni di illegalità e sulla penetrazione mafiosa nel ciclo del contratto pubblico del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro:
http://www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2008_Rapporto%20sugli%20appalti.pdf

Risultanze del controllo sulla gestione dei debiti accollati al bilancio dello Stato contratti da FF.SS., RFI, TAV e ISPA per infrastrutture ferroviarie e per la realizzazione del sistema “Alta velocità”:
http://www.notav-avigliana.it/doc/delibera_25_2008_g_relazione.pdf

Presentazione dell’Ingegnere Zilioli, in relazione a “EFFETTI TAV – STUDI EUROPEI/buone pratiche e cattivi esempi”
http:/www.comune.re.it/retecivica/urp/retecivi.nsf/PESIdDoc/CE2F74FF4EBDC0A7C125783000474080/$file/Presentazione%20Ing.%20Zilioli.pdf

Ricerca del Politecnico di Milano sull’alta velocità in Italia che svela un buco di milioni di utenti.
http://www.tema.unina.it/index.php/tema/article/view/486

NON POSSIAMO RESTARE IN SILENZIO, COSTRUIAMO LA NOSTRA INFORMAZIONE DAL BASSO, INOLTRA E DIFFONDI QUESTO MESSAGGIO.

Primi firmatari:
Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla, Paolo Carsetti, Andrea Baranes, Antonio Tricarico, Giulia Franchi, Luca Manes, Carlo Dojmi di Delupis, Elena Gerebizza, Luca Bianchi, Laura Boschetto, Vitaliana Curigliano, Chiara Berlingardi, Stefania Grillo, Pamela Teoli, Adriana Rosasco, Benedetto Calvo, Riccardo Carraro, Stefania Pizzolla, Andrea Cocco, Filippo Maria Taglieri, Sara Turra, Andrea Provvisionato, Michela Bortoli, Francesco Martino, Silvia Nesticò, Dario Radi, Elena Cavassa, Mario Martone, Anna Ferrari

per aderire posta un commento su:
http://siamostatiinvaldisusa.wordpress.com/

Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla e altre/i - Siamo stati in Val di Susa

1 Commento

Scrivi un commento


Other News

  • CULTURA «Una crisi mai vista», un libro per discutere

    «Una crisi mai vista», un libro per discutere

    Una crisi mai vista. Il volumetto Una crisi mai vista sarà in vendita il prossimo 26 novembre con il manifesto e poi nelle edicole, sul sito e nelle librerie. Viviamo una crisi a livello mon­diale, non solo ita­liano o euro­peo. A que­sta crisi le forze di sini­stra non sanno dare una rispo­sta, anzi stanno per essere tra­volte. Penso, e voi sarete d’accordo, che prima di agire biso­gna stu­diare, capire natura e pro­fon­dità di que­sta crisi. È neces­sa­ria una ana­lisi (per una malat­tia si direbbe dia­gnosi). Senza […]

    Leggi tutto →
  • AMERICHE ESTERI C’è il Messico nel nostro futuro

    C’è il Messico nel nostro futuro

    Reportage. In una Città del Messico percorsa dalle proteste per i 43 studenti scomparsi, alla sbarra del Tribunale dei Popoli il Trattato che liberalizza gli scambi con il Nord America Resterà impressa nel ricordo di tutti quelli che erano lì (anche io, per­ché sono mem­bro della giu­ria inter­na­zio­nale) la ses­sione finale del Tri­bu­nale Per­ma­nente dei Popoli riu­nito a città del Mes­sico dal 12 al 15 novem­bre con il titolo «Libero com­mer­cio, violenza,impunità e diritti umani dei popoli. Capi­tolo mes­si­cano»: per l’orrore e la […]

    Leggi tutto →
  • AMERICHE ESTERI Negli Usa una guerra a bassa intensità

    Negli Usa una guerra a bassa intensità

    Ferguson e dopo . Per il rapporto del 2013 Operation Ghetto Storm, nel 2012 una persona afroamericana è stata uccisa ogni 28 ore da un agente, un poliziotto privato o un vigilante. E lo storico Robin Kelley ha elencato su Counterpunch tutti gli ultimi casi di ingiustificabile e mortale violenza poliziesca in Ohio, Illinois, Michigan, Utah, California, New York Di nuovo l’eruzione della pro­te­sta a Fer­gu­son, ma sta­volta i suoi lapilli incan­de­scenti rica­dono su tutto il resto degli Stati Uniti: mani­fe­sta­zioni di […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA «15–20», il gioco del lotto di Juncker. E il miracolo dell’effetto leva

    «15–20», il gioco del lotto di Juncker. E il miracolo dell’effetto leva

    Unione europea. La promessa fasulla dei 300 miliardi di investimenti. Contro la crisi bisognerebbe mettere in agenda due interventi più ambiziosi: ristrutturazione dei debiti pubblici dei paesi membri oltre il 60%. E un sussidio europeo di disoccupazione Più sono grandi le bugie e più sem­brano vere. Junc­ker e la Com­mis­sione Euro­pea mol­ti­pli­cano pane e pesci. Solo una per­sona molto spe­ciale è riu­scita nell’impresa ed era real­mente fuori dal comune. Ven­tuno miliardi di euro, le risorse finan­zia­rie che Junc­ker e la Com­mis­sione inten­dono desti­nare al nuovo […]

    Leggi tutto →
  • DALLE FABBRICHE ECONOMIA E LAVORO La ricchissima Alcoa licenzia

    La ricchissima Alcoa licenzia

    Sardegna. Landini a Cagliari: «Una crisi così grave non l’ha mai vissuta nessuno, serve coraggio, unità e soluzioni nuove». A Portovesme spedite le lettere di licenziamento a 800 operai. Trattativa con Glencore appesa a un filo. E nel frattempo il gigante Usa dell’alluminio fugge e rilancia A che gioco gioca Alcoa? Domanda più che legit­tima se a soli dieci giorni dall’inizio delle trat­ta­tive per veri­fi­care la pos­si­bi­lità dell’acquisto dello sta­bi­li­mento di Por­to­ve­sme da parte dei Glen­core — un altro dei colossi […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Contro il governo la Cgil imbocca la «via giudiziaria»

    Contro il governo la Cgil imbocca la «via giudiziaria»

    Jobs Act. Camusso annuncia: ricorso alla Corte europea su art.18, demansionamento e controlli a distanza. I giuristi di Corso Italia: «Sulle leggi del lavoro siamo alla guerriglia» Tempi lunghi per il giudizio sul decreto Poletti A chi la vor­rebbe par­tito poli­tico con­cla­mato dalla regia dell’astensione in Emilia-Romagna, risponde con il ritorno alla “via giu­di­zia­ria”. Con­tro il governo e il suo Jobs act, la Cgil imbocca la strada che porta nei tri­bu­nali, nello spe­ci­fico alla Corte di giu­sti­zia euro­pea in Lussemburgo. I […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Sacrosanto ministro Gentiloni

    Sacrosanto ministro Gentiloni

    “L’Italia sta attrez­zan­dosi per fron­teg­giare la guerra che le si pre­senta alle porte?”: Gad Ler­ner è andato a chie­derlo al nuovo mini­stro degli esteri, Paolo Gen­ti­loni, «for­ma­tosi nella cul­tura del paci­fi­smo e del disarmo, oggi rimessa dram­ma­ti­ca­mente in discus­sione dall’incendio che divampa lungo tutta la sponda sud del nostro mare, a comin­ciare dalla vici­nis­sima Libia». Nell’intervista (la Repub­blica, 26 novem­bre), che il mini­stero degli esteri riporta nel suo sito dan­dole carat­tere uffi­ciale, Gen­ti­loni riba­di­sce che, di fronte all’attuale crisi libica, «certo non rim­pian­giamo la caduta […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA DIBATTITI Quel partito vuole nascere!

    Quel partito vuole nascere!

    Di analisi sul voto delle regionali in Emilia e in Calabria se ne sono fatte tante e quasi tutte concordanti nei territori politici a Sinistra del Pd. E quindi, senza ripetere cose che tutti sanno e sulle quali tutti concordano, vorrei sottolineare una cosa soltanto ma decisiva per chi si batte per la costruzione di un nuovo soggetto politico non minoritario della sinistra. E questa cosa è che l’astensione clamorosa dal voto in Calabria ma soprattutto in Emilia non mostra […]

    Leggi tutto →