Siamo stati in Val di Susa e abbiamo capito

lunedì, 5 marzo, 2012 14:57 1 commento

Siamo stati in Val di Susa ospiti degli abitanti della valle: insegnanti, agricoltori, pensionati, studenti e abbiamo visto:
Un luogo attraversato da due strade statali, un’autostrada, un traforo, una ferrovia, impianti da sci, pesanti attività estrattive lungo il fiume
Persone che continuano a curare questo territorio già affaticato da infrastrutture ed attività commerciali e cercano di recuperare un rapporto equilibrato con l’ambiente e la propria storia.
Una comunità che crede nella convivialità e nella coesione sociale e coltiva forti rapporti intergenerazionali.

Abbiamo capito che in Val di Susa non è in gioco la realizzazione della ferrovia Torino-Lione, bensì un intero modello sociale. Un popolo unito e coeso, una comunità forte non può essere assoggettata a nessun interesse nè politico, nè economico. E’ interesse di tutti i poteri forti dividere, isolare, smembrare per poter meglio controllare e favorire interessi particolari.

Abbiamo capito
perché tutto l’arco costituzionale vuole la TAV, non è dificile, basta guardare alle imprese coinvolte:
Cmc (Cooperativa Muratori e Cementist) cooperativa rossa, quinta impresa di costruzioni italiana, al 96esimo posto nella classifica dei principali 225 «contractor» internazionali che vanta un ex-amministratore illustre, Pier Luigi Bersani, si è aggiudicata l’incarico (affidato senza gara) di guidare un consorzio di imprese (Strabag AG, Cogeis SpA, Bentini SpA e Geotecna SpA) per la realizzazione del cunicolo esplorativo a Maddalena di Chiomonte. Valore dell’appalto 96 milioni di Euro.

Rocksoil s.p.a società di geoingegneria fondata e guidata da Giuseppe Lunardi il quale ha ceduto le sue azioni ai suoi familiari nel momento di assumere l’incarico di ministro delle Infrastrutture e dei trasporti del governo Berlusconi dal 2001 al 2006. Nel 2002, la Rocksoil ha ricevuto un incarico di consulenza dalla società francese Eiffage, che a sua volta era stata incaricata da Rete Ferroviaria Italiana (di proprietà dello stato) di progettare il tunnel di 54 Km della Torino-Lione che da solo assorbirà 13 miliardi di Euro. Il ministro si è difeso dall’accusa di conflitto di interessi dicendo che la sua società lavorava solo all’estero.

Impregilo è la principale impresa di costruzioni italiana. È il general contractor del progetto Torino-Lione e del ponte sullo stretto di Messina. Appartiene a:
33% Argofin: Gruppo Gavio. Marcello Gavio è stato latitante negli anni 92-93 in quanto ricercato per reati di corruzione legati alla costruzione dell’Autostrada Milano-Genova. Prosciolto successivamente per prescrizione del reato.
33% Autostrade: Gruppo Benetton. Uno dei principali gruppi imprenditoriali italiani noto all’estero per lo sfruttamento dei lavoratori delle sue fabbriche di tessile in Asia e per aver sottratto quasi un milione di ettari di terra alle comunità Mapuche in Argentina e Cile
33% Immobiliare Lombarda: Gruppo Ligresti. Salvatore Ligresti è stato condannato nell’ambito dell’inchiesta di Tangentopoli pattuendo una condanna a 4 anni e due mesi dopo la quale è tornato tranquillamente alla sua attività di costruttore.

Abbiamo capito che l’unico argomento rimasto in mano ai politico-imprenditori ed ai loro mezzi di comunicazione per giustificare un inutile progetto da 20 miliardi di euro mentre contemporaneamente si taglia su tutta la spesa sociale è la diffamazione. Far passare gli abitanti della Val di Susa come violenti terroristi. Mentre noi abbiamo visto nonni che preparavano le torte, appassionati insegnanti al lavoro, agricoltori responsabili, amministratori incorruttibili.

Abbiamo capito che questo è l’unico argomento possibile perchè ormai numerosi ed autorevoli studi, di cui nessuno parla, hanno già dimostrato quanto la TAV sia economicamente inutile e gravemente dannosa.

Questi i principali:

Interventi scientifici e studi relativi all’Alta Velocità Torino-Lione dei ricercatori del Politecnico di Torino: http://areeweb.polito.it/eventi/TAVSalute/

Analisi degli studi condotti da LTF in merito al progetto Lione-Torino, eseguiti da COWI, rinomato studio di consulenza che lavora stabilmente per le istituzioni europee: http://ec.europa.eu/ten/transport/priority_projects/doc/2006-04-25/2006_ltf_final_report_it.pdf

Contributo del Professore Angelo Tartaglia, del Politecnico di Torino: http:/www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2010_11-Angelo%20Tartaglia%20confuta%20teorie%20S%EC%20TAV%20On.%20Stefano%20Esposito.pdf

Analisi economica del Prof. Marco Ponti del Politecnico di Milano
http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002454.html

Rapporto sui fenomeni di illegalità e sulla penetrazione mafiosa nel ciclo del contratto pubblico del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro:
http://www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2008_Rapporto%20sugli%20appalti.pdf

Risultanze del controllo sulla gestione dei debiti accollati al bilancio dello Stato contratti da FF.SS., RFI, TAV e ISPA per infrastrutture ferroviarie e per la realizzazione del sistema “Alta velocità”:
http://www.notav-avigliana.it/doc/delibera_25_2008_g_relazione.pdf

Presentazione dell’Ingegnere Zilioli, in relazione a “EFFETTI TAV – STUDI EUROPEI/buone pratiche e cattivi esempi”
http:/www.comune.re.it/retecivica/urp/retecivi.nsf/PESIdDoc/CE2F74FF4EBDC0A7C125783000474080/$file/Presentazione%20Ing.%20Zilioli.pdf

Ricerca del Politecnico di Milano sull’alta velocità in Italia che svela un buco di milioni di utenti.
http://www.tema.unina.it/index.php/tema/article/view/486

NON POSSIAMO RESTARE IN SILENZIO, COSTRUIAMO LA NOSTRA INFORMAZIONE DAL BASSO, INOLTRA E DIFFONDI QUESTO MESSAGGIO.

Primi firmatari:
Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla, Paolo Carsetti, Andrea Baranes, Antonio Tricarico, Giulia Franchi, Luca Manes, Carlo Dojmi di Delupis, Elena Gerebizza, Luca Bianchi, Laura Boschetto, Vitaliana Curigliano, Chiara Berlingardi, Stefania Grillo, Pamela Teoli, Adriana Rosasco, Benedetto Calvo, Riccardo Carraro, Stefania Pizzolla, Andrea Cocco, Filippo Maria Taglieri, Sara Turra, Andrea Provvisionato, Michela Bortoli, Francesco Martino, Silvia Nesticò, Dario Radi, Elena Cavassa, Mario Martone, Anna Ferrari

per aderire posta un commento su:
http://siamostatiinvaldisusa.wordpress.com/

Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla e altre/i - Siamo stati in Val di Susa

1 Commento

Scrivi un commento


Other News

  • APERTURA Le nostre nuove sfide

    Le nostre nuove sfide

    Per cambiare la sinistra dal basso serve anche un’operazione di indirizzo che parta anche dal vertice della lista Tsipras

    Leggi tutto →
  • APERTURA “Ci sono troppi Marchionne”

    “Ci sono troppi Marchionne”

    La denuncia del segretario nazionale della Fiom sul caso della grande industria italiana

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Super partes?

    Super partes?

    Matteo Renzi procede sul cammino delle controriforme spalleggiato dal Quirinale che si dimostra tutt’altro che garante della Costituzione

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA «Se cambiano metodo è un passo avanti»

    «Se cambiano metodo è un passo avanti»

    Sinistre. De Cristofaro: vediamo cosa dice la ministra in aula, non rinunciamo alla battaglia contro il danno alla democrazia La pro­po­sta delle oppo­si­zioni che sta­mat­tina dovrebbe essere fatta in aula dal dis­si­dente Pd Van­nino Chiti — riman­dare il sì finale al nuovo senato a set­tem­bre, ma comun­que appro­vare entro l’8 ago­sto le parti più impor­tanti — ieri pome­rig­gio cir­co­lava nei capan­nelli dei ’dis­si­denti’, nel tran­sa­tlan­tico del senato. È il sena­tore di lungo corso Chiti a far arri­vare la pro­po­sta al governo, che per […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO La “Strage dell’Eid”

    La “Strage dell’Eid”

    Striscia di Gaza. Missili contro il muro perimetrale dell’ospedale Shifa e al campo profughi di Shate. Dieci palestinesi morti, tra i quali otto bambini. Israele nega ogni responsabilità e punta l’indice contro Hamas. In serata uccisi nove israeliani, forse tutti soldati, e altri dieci palestinesi. Netanyahu annuncia che l’offensiva militare andrà avanti Tutto è pre­ci­pi­tato poco dopo le 5, nel pome­rig­gio, dopo una mat­tina di calma appa­rente. Anche se calma non è stata mai per dav­vero per­chè una can­no­nata aveva ucciso un […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Riforme, spunta l’ipotesi del sì a settembre

    Riforme, spunta l’ipotesi del sì a settembre

    Oggi a palazzo Madama il primo voto segreto sulle riforme costituzionali. Ma si tratta con le opposizioni su un possibile ritiro degli emendamenti. Chiti proporrà di rimandare a dopo l’estate il sì finale, approvando. entro l’8 agosto i punti più importanti. Renzi ai suoi: «Sono in un cul de sac, noi non dobbiamo segnare un punto, hanno tutta l’Italia contro. Ma se vogliono una settimana in più va bene» Sullo stallo del senato, dove è impan­ta­nato il pac­chetto delle riforme costi­tu­zio­nali, […]

    Leggi tutto →
  • DALLE FABBRICHE ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA «Eni non può lasciare l’Italia»

    «Eni non può lasciare l’Italia»

    Energia. Oggi lo sciopero nazionale del gruppo: i lavoratori temono una possibile delocalizzazione. Da Gela fino a Roma, le proteste nel campione dei fatturati italiani. Oggi un sit-in alla Camera. Camusso: «Renzi viene in Sicilia? Non faccia una visita di solidarietà, ma si comporti come il principale azionista dell’azienda» Ven­ti­mila per­sone a Gela, e oggi lo stop degli impianti Eni di tutta Ita­lia. Una pro­te­sta così forte nel gruppo non ha pre­ce­denti negli ultimi anni, e va tenuto conto del fatto che il […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI PALESTINA - ISRAELE La coalizione anti-Hamas impedisce accordo per la tregua

    La coalizione anti-Hamas impedisce accordo per la tregua

    Striscia di Gaza. Gli interessi convergenti di Israele, Egitto, Anp e Arabia saudita impediscono ancora il raggiungimento di una intesa per un cessate il fuoco che cambi radicalmente la condizione di Gaza Per Gaza la con­di­zione attuale è la più peri­co­losa, come dimo­strano le stragi di ieri. «Io non sparo se tu non spari», si fa per dire, rischia di sosti­tuirsi a un accordo com­ples­sivo di tre­gua, tra­sci­nando la crisi per set­ti­mane, se non per mesi. E all’orizzonte non si vedono pos­si­bi­lità con­crete […]

    Leggi tutto →