Siamo stati in Val di Susa e abbiamo capito

lunedì, 5 marzo, 2012 14:57 1 commento

Siamo stati in Val di Susa ospiti degli abitanti della valle: insegnanti, agricoltori, pensionati, studenti e abbiamo visto:
Un luogo attraversato da due strade statali, un’autostrada, un traforo, una ferrovia, impianti da sci, pesanti attività estrattive lungo il fiume
Persone che continuano a curare questo territorio già affaticato da infrastrutture ed attività commerciali e cercano di recuperare un rapporto equilibrato con l’ambiente e la propria storia.
Una comunità che crede nella convivialità e nella coesione sociale e coltiva forti rapporti intergenerazionali.

Abbiamo capito che in Val di Susa non è in gioco la realizzazione della ferrovia Torino-Lione, bensì un intero modello sociale. Un popolo unito e coeso, una comunità forte non può essere assoggettata a nessun interesse nè politico, nè economico. E’ interesse di tutti i poteri forti dividere, isolare, smembrare per poter meglio controllare e favorire interessi particolari.

Abbiamo capito
perché tutto l’arco costituzionale vuole la TAV, non è dificile, basta guardare alle imprese coinvolte:
Cmc (Cooperativa Muratori e Cementist) cooperativa rossa, quinta impresa di costruzioni italiana, al 96esimo posto nella classifica dei principali 225 «contractor» internazionali che vanta un ex-amministratore illustre, Pier Luigi Bersani, si è aggiudicata l’incarico (affidato senza gara) di guidare un consorzio di imprese (Strabag AG, Cogeis SpA, Bentini SpA e Geotecna SpA) per la realizzazione del cunicolo esplorativo a Maddalena di Chiomonte. Valore dell’appalto 96 milioni di Euro.

Rocksoil s.p.a società di geoingegneria fondata e guidata da Giuseppe Lunardi il quale ha ceduto le sue azioni ai suoi familiari nel momento di assumere l’incarico di ministro delle Infrastrutture e dei trasporti del governo Berlusconi dal 2001 al 2006. Nel 2002, la Rocksoil ha ricevuto un incarico di consulenza dalla società francese Eiffage, che a sua volta era stata incaricata da Rete Ferroviaria Italiana (di proprietà dello stato) di progettare il tunnel di 54 Km della Torino-Lione che da solo assorbirà 13 miliardi di Euro. Il ministro si è difeso dall’accusa di conflitto di interessi dicendo che la sua società lavorava solo all’estero.

Impregilo è la principale impresa di costruzioni italiana. È il general contractor del progetto Torino-Lione e del ponte sullo stretto di Messina. Appartiene a:
33% Argofin: Gruppo Gavio. Marcello Gavio è stato latitante negli anni 92-93 in quanto ricercato per reati di corruzione legati alla costruzione dell’Autostrada Milano-Genova. Prosciolto successivamente per prescrizione del reato.
33% Autostrade: Gruppo Benetton. Uno dei principali gruppi imprenditoriali italiani noto all’estero per lo sfruttamento dei lavoratori delle sue fabbriche di tessile in Asia e per aver sottratto quasi un milione di ettari di terra alle comunità Mapuche in Argentina e Cile
33% Immobiliare Lombarda: Gruppo Ligresti. Salvatore Ligresti è stato condannato nell’ambito dell’inchiesta di Tangentopoli pattuendo una condanna a 4 anni e due mesi dopo la quale è tornato tranquillamente alla sua attività di costruttore.

Abbiamo capito che l’unico argomento rimasto in mano ai politico-imprenditori ed ai loro mezzi di comunicazione per giustificare un inutile progetto da 20 miliardi di euro mentre contemporaneamente si taglia su tutta la spesa sociale è la diffamazione. Far passare gli abitanti della Val di Susa come violenti terroristi. Mentre noi abbiamo visto nonni che preparavano le torte, appassionati insegnanti al lavoro, agricoltori responsabili, amministratori incorruttibili.

Abbiamo capito che questo è l’unico argomento possibile perchè ormai numerosi ed autorevoli studi, di cui nessuno parla, hanno già dimostrato quanto la TAV sia economicamente inutile e gravemente dannosa.

Questi i principali:

Interventi scientifici e studi relativi all’Alta Velocità Torino-Lione dei ricercatori del Politecnico di Torino: http://areeweb.polito.it/eventi/TAVSalute/

Analisi degli studi condotti da LTF in merito al progetto Lione-Torino, eseguiti da COWI, rinomato studio di consulenza che lavora stabilmente per le istituzioni europee: http://ec.europa.eu/ten/transport/priority_projects/doc/2006-04-25/2006_ltf_final_report_it.pdf

Contributo del Professore Angelo Tartaglia, del Politecnico di Torino: http:/www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2010_11-Angelo%20Tartaglia%20confuta%20teorie%20S%EC%20TAV%20On.%20Stefano%20Esposito.pdf

Analisi economica del Prof. Marco Ponti del Politecnico di Milano
http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002454.html

Rapporto sui fenomeni di illegalità e sulla penetrazione mafiosa nel ciclo del contratto pubblico del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro:
http://www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2008_Rapporto%20sugli%20appalti.pdf

Risultanze del controllo sulla gestione dei debiti accollati al bilancio dello Stato contratti da FF.SS., RFI, TAV e ISPA per infrastrutture ferroviarie e per la realizzazione del sistema “Alta velocità”:
http://www.notav-avigliana.it/doc/delibera_25_2008_g_relazione.pdf

Presentazione dell’Ingegnere Zilioli, in relazione a “EFFETTI TAV – STUDI EUROPEI/buone pratiche e cattivi esempi”
http:/www.comune.re.it/retecivica/urp/retecivi.nsf/PESIdDoc/CE2F74FF4EBDC0A7C125783000474080/$file/Presentazione%20Ing.%20Zilioli.pdf

Ricerca del Politecnico di Milano sull’alta velocità in Italia che svela un buco di milioni di utenti.
http://www.tema.unina.it/index.php/tema/article/view/486

NON POSSIAMO RESTARE IN SILENZIO, COSTRUIAMO LA NOSTRA INFORMAZIONE DAL BASSO, INOLTRA E DIFFONDI QUESTO MESSAGGIO.

Primi firmatari:
Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla, Paolo Carsetti, Andrea Baranes, Antonio Tricarico, Giulia Franchi, Luca Manes, Carlo Dojmi di Delupis, Elena Gerebizza, Luca Bianchi, Laura Boschetto, Vitaliana Curigliano, Chiara Berlingardi, Stefania Grillo, Pamela Teoli, Adriana Rosasco, Benedetto Calvo, Riccardo Carraro, Stefania Pizzolla, Andrea Cocco, Filippo Maria Taglieri, Sara Turra, Andrea Provvisionato, Michela Bortoli, Francesco Martino, Silvia Nesticò, Dario Radi, Elena Cavassa, Mario Martone, Anna Ferrari

per aderire posta un commento su:
http://siamostatiinvaldisusa.wordpress.com/

Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla e altre/i - Siamo stati in Val di Susa

1 Commento

Scrivi un commento


Other News

  • CULTURA Nicola Lagioia stregato dal «No» di Atene

    Nicola Lagioia stregato dal «No» di Atene

    Nicola Lagioia ha dedi­cato il pre­mio Strega, vinto con il romanzo La fero­cia(Einaudi), al popolo greco. La dedica è pas­sata sot­to­trac­cia all’indomani della serata a Villa Giu­lia a Roma. Lo scrit­tore barese ci ritorna nel giorno in cui ad Atene si vota su un que­sito deci­sivo per il futuro della Gre­cia e dell’Europa: accet­tare, o meno, le poli­ti­che di austerità. Nicola Lagioia, foto LaPresse «La Gre­cia è entrata nell’Euro in maniera disa­strosa — afferma Lagioia — Mi rife­ri­sco ai conti truc­cati dal governo con la com­pli­cità […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA Oltre il Pd: per una sinistra di governo, nazionale e popolare

    Oltre il Pd: per una sinistra di governo, nazionale e popolare

    Non inizio con i saluti di rito. Non ringrazio nessuno. Non per maleducazione. Ma perché qui non ci sono invitati. Siamo tutti protagonisti. Oggi, sabato 4 luglio, non è soltanto la festa dell’indipendenza degli Stati Uniti. Oggi, noi che abbiamo lasciato il Partito Democratico celebriamo l’indipendenza da una sinistra rassegnata e subalterna, chiusa alla partecipazione attiva degli uomini e delle donne, vincente senza vittoria. Perché siamo qui, oggi? Siamo qui perché vogliamo tentare di ricostruire una connessione con tante domande […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA Ttip, appello ai nostri parlamentari europei contro la clausola a favore delle lobby

    Ttip, appello ai nostri parlamentari europei contro la clausola a favore delle lobby

    Il Ttip torna in aula. Il Parlamento europeo, infatti, il 7 e l’8 luglio prossimi sarà chiamato a riesaminare il testo della Risoluzione con cui darà le proprie indicazioni politiche alla Commissione sull’andamento del negoziato transatlantico di liberalizzazione degli scambi e degli investimenti tra Usa e Ue. Lo scoglio che si troverà di fronte intatto è l’inserimento o meno della clausola Isds, cioè quel meccanismo che permette agli investitori dell’altra parte dell’Oceano di citare uno Stato che avesse introdotto una […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO Intervista a Vladimiro Giacché su Grecia, crisi economica ed euro

    Intervista a Vladimiro Giacché su Grecia, crisi economica ed euro

    Le ultime vicende sulla crisi greca hanno mostrato come un governo democratico, fedele al suo mandato elettorale, possa mettere in discussione la governance europea, rigida su regole punitive che nulla hanno a che fare con la virtuosità dei paesi dell’eurozona. Il fallimento più grande è proprio l’architettura della UE e dei suoi Trattati, che negano la possibilità di agire su obiettivi realmente strutturali, come l’occupazione, la capacità produttiva e i redditi. In questo contesto, la moneta unica è uno strumento […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI Evviva Michele Prospero!

    Evviva Michele Prospero!

    Di fronte a un capolavoro ci si toglie il cappello. E l’intervento di Michele Prospero alla riuscita convention di Fassina oggi al Palladium di Roma è un vero capolavoro. Lo è per chiarezza, efficacia e anticonformismo. Lo è per il robusto retroterra culturale e ideologico che dimostra. Lo è per la capacità di sintesi e il coraggio di usare le parole giuste. Prospero ha parlato della indispensabilità di un partito del lavoro. E ha detto che a questa necessità bisogna […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI I sindacati europei si schierano per il no

    I sindacati europei si schierano per il no

    «Le ricette della troika sono state un disa­stroso fal­li­mento, e stanno met­tendo in peri­colo non solo la Gre­cia ma poten­zial­mente anche altri paesi dell’eurozona a causa di finan­zieri glo­bali e spe­cu­la­tori asse­tati di profitto». Sono le parole di Sha­ran Bur­row, segre­ta­rio gene­rale dell’ Ituc (la Con­fe­de­ra­zione sin­da­cale inter­na­zio­nale), per la quale è neces­sa­ria la ristrut­tu­ra­zione del debito. In Europa invece, il 30 giu­gno, Yanis Pana­go­pou­los, pre­si­dente della Con­fe­de­ra­zione gene­rale dei lavo­ra­tori (Gsee, il più grande sin­da­cato greco del set­tore pri­vato) ha fir­mato assieme al […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI Fassina: «Il Pse tifa sì? Non è più per il progresso»

    Fassina: «Il Pse tifa sì? Non è più per il progresso»

    Fas­sina, la sua assem­blea (oggi al Tea­tro Pal­la­dium alle 10, a Roma, con Cof­fe­rati, Civati, Pasto­rino, Lastri e Gre­gori, ndr) cade alla vigi­lia del refe­ren­dum greco, un giorno cru­ciale per l’Europa, non solo per la sini­stra. Paura? Il 5 luglio sarà una gior­nata sto­rica. È in gioco il senso della demo­cra­zia in Europa. Non fac­cio pre­vi­sioni, ma un dato è chiaro: Syriza e il governo Tsi­pras hanno rimesso in campo l’interesse nazio­nale di un paese peri­fe­rico in un qua­dro domi­nato dalla Ger­ma­nia. L’obiettivo del Memo­ran­dum è evi­tare un […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO James Galbraith, il consigliere di Varoufakis: “Matteo Renzi ci ha deluso. Ha sposato una minaccia vergognosa”

    James Galbraith, il consigliere di Varoufakis: “Matteo Renzi ci ha deluso. Ha sposato una minaccia vergognosa”

    E’ stato l’ombra e il fedele consigliere di uno dei protagonisti della crisi greca, il ministro delle Finanze Yanis Varoufakis. Lo ha seguito dappertutto in questi quattro mesi. E a poche ore dal referendum che può segnare il destino dell’Eurozona, è ancora ad Atene, al ministero delle Finanze, in compagnia del ministro greco. James Galbraith, docente all’università di Austin ha tutte le doti tipiche di un consigliere, tranne una: la diplomazia. E a meno di 24 ore dal voto usa […]

    Leggi tutto →