Siamo stati in Val di Susa e abbiamo capito

lunedì, 5 marzo, 2012 14:57 1 commento

Siamo stati in Val di Susa ospiti degli abitanti della valle: insegnanti, agricoltori, pensionati, studenti e abbiamo visto:
Un luogo attraversato da due strade statali, un’autostrada, un traforo, una ferrovia, impianti da sci, pesanti attività estrattive lungo il fiume
Persone che continuano a curare questo territorio già affaticato da infrastrutture ed attività commerciali e cercano di recuperare un rapporto equilibrato con l’ambiente e la propria storia.
Una comunità che crede nella convivialità e nella coesione sociale e coltiva forti rapporti intergenerazionali.

Abbiamo capito che in Val di Susa non è in gioco la realizzazione della ferrovia Torino-Lione, bensì un intero modello sociale. Un popolo unito e coeso, una comunità forte non può essere assoggettata a nessun interesse nè politico, nè economico. E’ interesse di tutti i poteri forti dividere, isolare, smembrare per poter meglio controllare e favorire interessi particolari.

Abbiamo capito
perché tutto l’arco costituzionale vuole la TAV, non è dificile, basta guardare alle imprese coinvolte:
Cmc (Cooperativa Muratori e Cementist) cooperativa rossa, quinta impresa di costruzioni italiana, al 96esimo posto nella classifica dei principali 225 «contractor» internazionali che vanta un ex-amministratore illustre, Pier Luigi Bersani, si è aggiudicata l’incarico (affidato senza gara) di guidare un consorzio di imprese (Strabag AG, Cogeis SpA, Bentini SpA e Geotecna SpA) per la realizzazione del cunicolo esplorativo a Maddalena di Chiomonte. Valore dell’appalto 96 milioni di Euro.

Rocksoil s.p.a società di geoingegneria fondata e guidata da Giuseppe Lunardi il quale ha ceduto le sue azioni ai suoi familiari nel momento di assumere l’incarico di ministro delle Infrastrutture e dei trasporti del governo Berlusconi dal 2001 al 2006. Nel 2002, la Rocksoil ha ricevuto un incarico di consulenza dalla società francese Eiffage, che a sua volta era stata incaricata da Rete Ferroviaria Italiana (di proprietà dello stato) di progettare il tunnel di 54 Km della Torino-Lione che da solo assorbirà 13 miliardi di Euro. Il ministro si è difeso dall’accusa di conflitto di interessi dicendo che la sua società lavorava solo all’estero.

Impregilo è la principale impresa di costruzioni italiana. È il general contractor del progetto Torino-Lione e del ponte sullo stretto di Messina. Appartiene a:
33% Argofin: Gruppo Gavio. Marcello Gavio è stato latitante negli anni 92-93 in quanto ricercato per reati di corruzione legati alla costruzione dell’Autostrada Milano-Genova. Prosciolto successivamente per prescrizione del reato.
33% Autostrade: Gruppo Benetton. Uno dei principali gruppi imprenditoriali italiani noto all’estero per lo sfruttamento dei lavoratori delle sue fabbriche di tessile in Asia e per aver sottratto quasi un milione di ettari di terra alle comunità Mapuche in Argentina e Cile
33% Immobiliare Lombarda: Gruppo Ligresti. Salvatore Ligresti è stato condannato nell’ambito dell’inchiesta di Tangentopoli pattuendo una condanna a 4 anni e due mesi dopo la quale è tornato tranquillamente alla sua attività di costruttore.

Abbiamo capito che l’unico argomento rimasto in mano ai politico-imprenditori ed ai loro mezzi di comunicazione per giustificare un inutile progetto da 20 miliardi di euro mentre contemporaneamente si taglia su tutta la spesa sociale è la diffamazione. Far passare gli abitanti della Val di Susa come violenti terroristi. Mentre noi abbiamo visto nonni che preparavano le torte, appassionati insegnanti al lavoro, agricoltori responsabili, amministratori incorruttibili.

Abbiamo capito che questo è l’unico argomento possibile perchè ormai numerosi ed autorevoli studi, di cui nessuno parla, hanno già dimostrato quanto la TAV sia economicamente inutile e gravemente dannosa.

Questi i principali:

Interventi scientifici e studi relativi all’Alta Velocità Torino-Lione dei ricercatori del Politecnico di Torino: http://areeweb.polito.it/eventi/TAVSalute/

Analisi degli studi condotti da LTF in merito al progetto Lione-Torino, eseguiti da COWI, rinomato studio di consulenza che lavora stabilmente per le istituzioni europee: http://ec.europa.eu/ten/transport/priority_projects/doc/2006-04-25/2006_ltf_final_report_it.pdf

Contributo del Professore Angelo Tartaglia, del Politecnico di Torino: http:/www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2010_11-Angelo%20Tartaglia%20confuta%20teorie%20S%EC%20TAV%20On.%20Stefano%20Esposito.pdf

Analisi economica del Prof. Marco Ponti del Politecnico di Milano
http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002454.html

Rapporto sui fenomeni di illegalità e sulla penetrazione mafiosa nel ciclo del contratto pubblico del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro:
http://www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2008_Rapporto%20sugli%20appalti.pdf

Risultanze del controllo sulla gestione dei debiti accollati al bilancio dello Stato contratti da FF.SS., RFI, TAV e ISPA per infrastrutture ferroviarie e per la realizzazione del sistema “Alta velocità”:
http://www.notav-avigliana.it/doc/delibera_25_2008_g_relazione.pdf

Presentazione dell’Ingegnere Zilioli, in relazione a “EFFETTI TAV – STUDI EUROPEI/buone pratiche e cattivi esempi”
http:/www.comune.re.it/retecivica/urp/retecivi.nsf/PESIdDoc/CE2F74FF4EBDC0A7C125783000474080/$file/Presentazione%20Ing.%20Zilioli.pdf

Ricerca del Politecnico di Milano sull’alta velocità in Italia che svela un buco di milioni di utenti.
http://www.tema.unina.it/index.php/tema/article/view/486

NON POSSIAMO RESTARE IN SILENZIO, COSTRUIAMO LA NOSTRA INFORMAZIONE DAL BASSO, INOLTRA E DIFFONDI QUESTO MESSAGGIO.

Primi firmatari:
Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla, Paolo Carsetti, Andrea Baranes, Antonio Tricarico, Giulia Franchi, Luca Manes, Carlo Dojmi di Delupis, Elena Gerebizza, Luca Bianchi, Laura Boschetto, Vitaliana Curigliano, Chiara Berlingardi, Stefania Grillo, Pamela Teoli, Adriana Rosasco, Benedetto Calvo, Riccardo Carraro, Stefania Pizzolla, Andrea Cocco, Filippo Maria Taglieri, Sara Turra, Andrea Provvisionato, Michela Bortoli, Francesco Martino, Silvia Nesticò, Dario Radi, Elena Cavassa, Mario Martone, Anna Ferrari

per aderire posta un commento su:
http://siamostatiinvaldisusa.wordpress.com/

Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla e altre/i - Siamo stati in Val di Susa

1 Commento

Scrivi un commento


Other News

  • DALLE FABBRICHE ECONOMIA E LAVORO Il potere feudale di Thyssen Krupp

    Il potere feudale di Thyssen Krupp

    Per cent’anni, Terni e «la Terni» sono state un’unica cosa. La città sen­tiva che la fab­brica è stata costruita e fatta fun­zio­nare con il lavoro di gene­ra­zioni di ope­rai, fonte di sus­si­stenza per migliaia di fami­glie, era cosa sua. L’azienda sen­tiva a sua volta che la città le appar­te­neva – la domi­nava e, sia pure pater­na­li­sti­ca­mente, se ne sen­tiva respon­sa­bile. I diri­genti vive­vano in città, gli ope­rai li salu­ta­vano con defe­renza in piazza e li anda­vano minac­cio­sa­mente a cer­care a casa per punirli dei licenziamenti. Il rap­porto […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI MEDIO ORIENTE Bombe e armi all’Iraq: gli Usa non si sporcano le mani

    Bombe e armi all’Iraq: gli Usa non si sporcano le mani

    Dopo due giorni di scuse a mezza bocca, ieri il Pen­ta­gono ha ammesso quello che si sapeva già: due dei 28 pac­chi di armi dirette ai kurdi di Kobane sono pio­vute sulle posta­zioni dello Stato Isla­mico. Prima la colpa era del buio, adesso del vento, fanno sapere fun­zio­nari Usa. Ma la coa­li­zione non si fa sco­rag­giare, tanto meno il pre­si­dente Obama che pro­se­gue nella stra­te­gia finora adot­tata: raid dal cielo e armi alle truppe locali. La Casa Bianca ha fatto sapere che ven­derà […]

    Leggi tutto →
  • IN MOVIMENTO INTERNI E domani tutti a San Giovanni

    E domani tutti a San Giovanni

    Cer­cansi pull­man dispe­ra­ta­mente per un palco fatto di soli lavo­ra­tori. La vigi­lia della mani­fe­sta­zione di piazza San Gio­vanni della Cgil per molti diri­genti ter­ri­to­riali e nazio­nali pas­serà al tele­fono con impro­ba­bili agen­zie estere, men­tre le cate­go­rie stanno sce­gliendo il lava­tore che li rap­pre­sen­terà tutti dal palco. In Ita­lia infatti i pull­man a dispo­si­zione sem­brano esau­riti su tutto il territorio. «La noti­zia deve essersi sparsa — rac­con­tano da Corso Ita­lia — per­ché sono arri­vati a chie­derci cifre folli: sva­riate migliaia di euro per affit­tare un […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Bruxelles, il segreto di Pulcinella

    Bruxelles, il segreto di Pulcinella

    Bar­roso, fosse per lui azzan­ne­rebbe. Voleva farlo mer­co­ledì, con tanto di richiamo uffi­ciale e inti­ma­zione di por­tare il taglio del defi­cit allo 0,6% invece che allo 0,1% come da ita­lica legge di sta­bi­lità. E’ stato fer­mato da Angela Mer­kel, per inter­po­sto Katai­nen. Si sa che il sacer­dote fin­lan­dese del rigore quando parla Frau Angela se non scatta poco ci manca. La let­tera è arri­vata, ma in forma ammor­bi­dita e inter­lo­cu­to­ria. Ma quanto poco si sia rab­bo­nito Bar­roso lo si è capito ieri, quando il […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Le invasioni barbariche

    Le invasioni barbariche

    «Lupi soli­tari», «Cel­lule dor­mienti», «jihad della porta accanto»: si sono affan­nati a spie­gare il feno­meno che sem­bra esplo­dere all’attenzione dell’«innocente» mondo occi­den­tale. L’urgenza di com­pren­dere diventa ine­lu­di­bile a fronte di quello che è acca­duto in que­sti giorno in Canada, prima con l’uccisione di due sol­dati poi ad Ottawa, in pieno par­la­mento, con l’assalto armato — di un solo atten­ta­tore — con spa­ra­to­rie, morti e feriti. È in fran­tumi l’immagine di un Paese appa­ren­te­mente fuori dalla mischia delle guerre e della crisi mondiale. Chi sono, dun­que, e che […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Le promesse e la democrazia

    Le promesse e la democrazia

    Il Governo infonde ogni giorno mes­saggi posi­tivi per scac­ciare i gufi dalla notte buia della crisi. 800 mila nuovi occu­pati in tre anni, 18 miliardi di inve­sti­menti, 80 euro per i dipen­denti e le neo mamme, sono i numeri vin­centi che l’esecutivo ha estratto per per­met­tere ai for­tu­nati di vin­cere alla ruota della fortuna. Del resto una ragione ci sarà pure se nono­stante l’aumento dei disoc­cu­pati, della povertà, della desco­la­riz­za­zione e delle tasse, una parte impor­tante degli ita­liani con­fida nel Pre­si­dente del Con­si­glio. Trat­tare la […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Ciò che Renzi divide, il 25 ottobre può unire

    Ciò che Renzi divide, il 25 ottobre può unire

    Ciò che cam­mina nelle piazze deve cam­mi­nare anche nelle aule e nei voti in parlamento.

    Leggi tutto →
  • IN MOVIMENTO INTERNI L’Arci sabato con la Cgil, per una giusta causa

    L’Arci sabato con la Cgil, per una giusta causa

    Sabato 25 otto­bre l’Arci sarà in piazza a mani­fe­stare con la Cgil per i diritti, la dignità e l’uguaglianza Più diritti e più demo­cra­zia, a par­tire dal mondo del lavoro, costi­tui­scono le vere inno­va­zioni che ser­vono al nostro paese. La crisi di que­sti anni è frutto dello stra­po­tere dei poteri finan­ziari e di ren­dite di posi­zione che hanno svi­lito dignità e lavoro, e ora si pensa di uscirne can­cel­lando i diritti, con più pre­ca­rietà e più ingiu­sti­zia sociale. La discus­sione sull’articolo 18 dello Sta­tuto dei lavo­ra­tori non è una discus­sione tec­nica, è invece […]

    Leggi tutto →