Siamo stati in Val di Susa e abbiamo capito

lunedì, 5 marzo, 2012 14:57 1 commento

Siamo stati in Val di Susa ospiti degli abitanti della valle: insegnanti, agricoltori, pensionati, studenti e abbiamo visto:
Un luogo attraversato da due strade statali, un’autostrada, un traforo, una ferrovia, impianti da sci, pesanti attività estrattive lungo il fiume
Persone che continuano a curare questo territorio già affaticato da infrastrutture ed attività commerciali e cercano di recuperare un rapporto equilibrato con l’ambiente e la propria storia.
Una comunità che crede nella convivialità e nella coesione sociale e coltiva forti rapporti intergenerazionali.

Abbiamo capito che in Val di Susa non è in gioco la realizzazione della ferrovia Torino-Lione, bensì un intero modello sociale. Un popolo unito e coeso, una comunità forte non può essere assoggettata a nessun interesse nè politico, nè economico. E’ interesse di tutti i poteri forti dividere, isolare, smembrare per poter meglio controllare e favorire interessi particolari.

Abbiamo capito
perché tutto l’arco costituzionale vuole la TAV, non è dificile, basta guardare alle imprese coinvolte:
Cmc (Cooperativa Muratori e Cementist) cooperativa rossa, quinta impresa di costruzioni italiana, al 96esimo posto nella classifica dei principali 225 «contractor» internazionali che vanta un ex-amministratore illustre, Pier Luigi Bersani, si è aggiudicata l’incarico (affidato senza gara) di guidare un consorzio di imprese (Strabag AG, Cogeis SpA, Bentini SpA e Geotecna SpA) per la realizzazione del cunicolo esplorativo a Maddalena di Chiomonte. Valore dell’appalto 96 milioni di Euro.

Rocksoil s.p.a società di geoingegneria fondata e guidata da Giuseppe Lunardi il quale ha ceduto le sue azioni ai suoi familiari nel momento di assumere l’incarico di ministro delle Infrastrutture e dei trasporti del governo Berlusconi dal 2001 al 2006. Nel 2002, la Rocksoil ha ricevuto un incarico di consulenza dalla società francese Eiffage, che a sua volta era stata incaricata da Rete Ferroviaria Italiana (di proprietà dello stato) di progettare il tunnel di 54 Km della Torino-Lione che da solo assorbirà 13 miliardi di Euro. Il ministro si è difeso dall’accusa di conflitto di interessi dicendo che la sua società lavorava solo all’estero.

Impregilo è la principale impresa di costruzioni italiana. È il general contractor del progetto Torino-Lione e del ponte sullo stretto di Messina. Appartiene a:
33% Argofin: Gruppo Gavio. Marcello Gavio è stato latitante negli anni 92-93 in quanto ricercato per reati di corruzione legati alla costruzione dell’Autostrada Milano-Genova. Prosciolto successivamente per prescrizione del reato.
33% Autostrade: Gruppo Benetton. Uno dei principali gruppi imprenditoriali italiani noto all’estero per lo sfruttamento dei lavoratori delle sue fabbriche di tessile in Asia e per aver sottratto quasi un milione di ettari di terra alle comunità Mapuche in Argentina e Cile
33% Immobiliare Lombarda: Gruppo Ligresti. Salvatore Ligresti è stato condannato nell’ambito dell’inchiesta di Tangentopoli pattuendo una condanna a 4 anni e due mesi dopo la quale è tornato tranquillamente alla sua attività di costruttore.

Abbiamo capito che l’unico argomento rimasto in mano ai politico-imprenditori ed ai loro mezzi di comunicazione per giustificare un inutile progetto da 20 miliardi di euro mentre contemporaneamente si taglia su tutta la spesa sociale è la diffamazione. Far passare gli abitanti della Val di Susa come violenti terroristi. Mentre noi abbiamo visto nonni che preparavano le torte, appassionati insegnanti al lavoro, agricoltori responsabili, amministratori incorruttibili.

Abbiamo capito che questo è l’unico argomento possibile perchè ormai numerosi ed autorevoli studi, di cui nessuno parla, hanno già dimostrato quanto la TAV sia economicamente inutile e gravemente dannosa.

Questi i principali:

Interventi scientifici e studi relativi all’Alta Velocità Torino-Lione dei ricercatori del Politecnico di Torino: http://areeweb.polito.it/eventi/TAVSalute/

Analisi degli studi condotti da LTF in merito al progetto Lione-Torino, eseguiti da COWI, rinomato studio di consulenza che lavora stabilmente per le istituzioni europee: http://ec.europa.eu/ten/transport/priority_projects/doc/2006-04-25/2006_ltf_final_report_it.pdf

Contributo del Professore Angelo Tartaglia, del Politecnico di Torino: http:/www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2010_11-Angelo%20Tartaglia%20confuta%20teorie%20S%EC%20TAV%20On.%20Stefano%20Esposito.pdf

Analisi economica del Prof. Marco Ponti del Politecnico di Milano
http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002454.html

Rapporto sui fenomeni di illegalità e sulla penetrazione mafiosa nel ciclo del contratto pubblico del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro:
http://www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2008_Rapporto%20sugli%20appalti.pdf

Risultanze del controllo sulla gestione dei debiti accollati al bilancio dello Stato contratti da FF.SS., RFI, TAV e ISPA per infrastrutture ferroviarie e per la realizzazione del sistema “Alta velocità”:
http://www.notav-avigliana.it/doc/delibera_25_2008_g_relazione.pdf

Presentazione dell’Ingegnere Zilioli, in relazione a “EFFETTI TAV – STUDI EUROPEI/buone pratiche e cattivi esempi”
http:/www.comune.re.it/retecivica/urp/retecivi.nsf/PESIdDoc/CE2F74FF4EBDC0A7C125783000474080/$file/Presentazione%20Ing.%20Zilioli.pdf

Ricerca del Politecnico di Milano sull’alta velocità in Italia che svela un buco di milioni di utenti.
http://www.tema.unina.it/index.php/tema/article/view/486

NON POSSIAMO RESTARE IN SILENZIO, COSTRUIAMO LA NOSTRA INFORMAZIONE DAL BASSO, INOLTRA E DIFFONDI QUESTO MESSAGGIO.

Primi firmatari:
Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla, Paolo Carsetti, Andrea Baranes, Antonio Tricarico, Giulia Franchi, Luca Manes, Carlo Dojmi di Delupis, Elena Gerebizza, Luca Bianchi, Laura Boschetto, Vitaliana Curigliano, Chiara Berlingardi, Stefania Grillo, Pamela Teoli, Adriana Rosasco, Benedetto Calvo, Riccardo Carraro, Stefania Pizzolla, Andrea Cocco, Filippo Maria Taglieri, Sara Turra, Andrea Provvisionato, Michela Bortoli, Francesco Martino, Silvia Nesticò, Dario Radi, Elena Cavassa, Mario Martone, Anna Ferrari

per aderire posta un commento su:
http://siamostatiinvaldisusa.wordpress.com/

Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla e altre/i - Siamo stati in Val di Susa

1 Commento

Scrivi un commento


Other News

  • APERTURA La protesta perbene

    La protesta perbene

    Alfano propone un piano di sicurezza per “prevenire” le manifestazioni “non sicure”

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Come i media preparano un regime

    Come i media preparano un regime

    Ci si è chiesto spesso, decenni fa, nelle scuole e sui media, come fosse stato possibile che nel 1931, su oltre milleduecento docenti universitari solo una quindicina avesse rifiutato di giurare fedeltà al fascismo; e come fosse stato possibile che con loro si fossero allineati migliaia di giornalisti, di scrittori, di intellettuali – la totalità di quelli rimasti in funzione – contribuendo tutti insieme a costruire una solida base di consenso alla dittatura di Mussolini. Oggi, senza nemmeno l’alibi di […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Contro questa Europa, per un’altra Europa

    Contro questa Europa, per un’altra Europa

    Seminario: E’ possibile un’Europa più giusta e solidale? Promosso dal Comitato Roma XII per Tsipras, coordinato da Sandro De Toni. Relatori: Giulio Marcon, Mario Pianta, Bruno Steri O si cambia rotta o si va a sbattere Come abbiamo constatato sin dalle prime riunioni di questo Comitato, la campagna elettorale in cui siamo impegnati è tutt’altro che semplice. Abbiamo il compito di introdurre ragionamenti e chiarificazioni su tematiche ostiche, contrastando opposte semplificazioni. I salotti televisivi dedicati alle prossime europee confermano in […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA DIBATTITI SINISTRA NEL MONDO Difendiamo la Costituzione, liberiamo l’Europa

    Difendiamo la Costituzione, liberiamo l’Europa

    Settant’anni fa la Resistenza ci ha liberato dal nazifascismo promettendoci un mondo, e un’Europa, di dignità, giustizia sociale e democrazia. Quelle speranze erano state tradotte nelle Costituzioni democratiche, mai attuate pienamente, ma che hanno rappresentato per anni un presidio contro le forme più arbitrarie di sfruttamento e prevaricazione. L’Europa sociale che abbiamo provato a costruire è frutto di questa storia. Ma oggi la democrazia e queste costituzioni sono sotto l’attacco dell’alta finanza, che le considera, come ha dichiarato la banca […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA DIBATTITI SINISTRA NEL MONDO Chiedono ’cos’è Tsipras’: un potente antidepressivo

    Chiedono ’cos’è Tsipras’: un potente antidepressivo

    Porto a scuola un bel po’ di spil­lette della lista Tsi­pras. So che, anche solo per ami­ci­zia, due o tre euro per cia­scuna dai col­le­ghi li rac­colgo. Fanno sim­pa­tia quelli che ancora si impe­gnano in que­ste cose. Però in sala docenti una mi guarda e mi chiede chi è Tsi­pras. E va bene, si sa che la domanda cir­cola. A spie­garle un po’ di Syriza, mi accorgo che viene fuori una sorta di sini­stra arco­ba­leno e sono felice quando mi salva la fine della ricrea­zione. Ma la […]

    Leggi tutto →
  • DAL SINDACATO ECONOMIA E LAVORO Da ‘Lavoro Società’ ad un nuovo inizio

    Da ‘Lavoro Società’ ad un nuovo inizio

    Lettera aperta alle compagne e ai compagni della Cgil Care compagne, cari compagni, il percorso del congresso Cgil sta arrivando a conclusione. Così come prevedono le regole della confederazione, tutte le aree programmatiche si sciolgono, compresa Lavoro Società. Il sottoscritto, in qualità di segretario nazionale della Cgil, ha lavorato sul piano personale e collettivo per l’unità dell’organizzazione, che è un patrimonio per tutti i lavoratori, per la democrazia e il Paese tutto. Occorre ora dare continuità al lavoro sindacale prodotto […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA MONDO PRECARIO Expo, Maroni scatenato: ora vuole tutti i lombardi precari

    Expo, Maroni scatenato: ora vuole tutti i lombardi precari

    Il caso. Il governatore propone ai sindacati di estendere i “junk jobs” a tutta la regione. Anche alle imprese non legate all’evento In que­sti giorni la Regione Lom­bar­dia ha pre­sen­tato a Cgil, Cisl e Uil regio­nali un testo per un “Patto per il lavoro” legato all’Expo 2015. Si tratta sostan­zial­mente di un pos­si­bile accordo che prende spunto da quanto sot­to­scritto lo scorso luglio a Milano, un’intesa per mezzo della quale, oltre 300 appren­di­sti e 18.500 volon­tari (defi­ni­zione che signi­fica lavo­rare pra­ti­ca­mente gra­tis) dovreb­bero essere […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Riforme, partenza in salita

    Riforme, partenza in salita

    Governo. Una maggioranza alternativa potrebbe bloccare il testo del governo. Renzi: «Non ci sto a perdere la faccia» Al mini­stro per le Riforme Maria Elena Boschi che lo invita a riti­rare il suo ddl, Van­nino Chiti risponde no gra­zie: «La Costi­tu­zione non si piega alle con­tin­genze poli­ti­che del momento», è la replica secca. «Ritengo che nella situa­zione ita­liana, con la crisi di fidu­cia tra cit­ta­dini e isti­tu­zioni e il desi­de­rio di par­te­ci­pa­zione diretta, la solu­zione pre­fe­ri­bile per la riforma del par­la­mento sia una forte […]

    Leggi tutto →