Siamo stati in Val di Susa e abbiamo capito

lunedì, 5 marzo, 2012 14:57 1 commento

Siamo stati in Val di Susa ospiti degli abitanti della valle: insegnanti, agricoltori, pensionati, studenti e abbiamo visto:
Un luogo attraversato da due strade statali, un’autostrada, un traforo, una ferrovia, impianti da sci, pesanti attività estrattive lungo il fiume
Persone che continuano a curare questo territorio già affaticato da infrastrutture ed attività commerciali e cercano di recuperare un rapporto equilibrato con l’ambiente e la propria storia.
Una comunità che crede nella convivialità e nella coesione sociale e coltiva forti rapporti intergenerazionali.

Abbiamo capito che in Val di Susa non è in gioco la realizzazione della ferrovia Torino-Lione, bensì un intero modello sociale. Un popolo unito e coeso, una comunità forte non può essere assoggettata a nessun interesse nè politico, nè economico. E’ interesse di tutti i poteri forti dividere, isolare, smembrare per poter meglio controllare e favorire interessi particolari.

Abbiamo capito
perché tutto l’arco costituzionale vuole la TAV, non è dificile, basta guardare alle imprese coinvolte:
Cmc (Cooperativa Muratori e Cementist) cooperativa rossa, quinta impresa di costruzioni italiana, al 96esimo posto nella classifica dei principali 225 «contractor» internazionali che vanta un ex-amministratore illustre, Pier Luigi Bersani, si è aggiudicata l’incarico (affidato senza gara) di guidare un consorzio di imprese (Strabag AG, Cogeis SpA, Bentini SpA e Geotecna SpA) per la realizzazione del cunicolo esplorativo a Maddalena di Chiomonte. Valore dell’appalto 96 milioni di Euro.

Rocksoil s.p.a società di geoingegneria fondata e guidata da Giuseppe Lunardi il quale ha ceduto le sue azioni ai suoi familiari nel momento di assumere l’incarico di ministro delle Infrastrutture e dei trasporti del governo Berlusconi dal 2001 al 2006. Nel 2002, la Rocksoil ha ricevuto un incarico di consulenza dalla società francese Eiffage, che a sua volta era stata incaricata da Rete Ferroviaria Italiana (di proprietà dello stato) di progettare il tunnel di 54 Km della Torino-Lione che da solo assorbirà 13 miliardi di Euro. Il ministro si è difeso dall’accusa di conflitto di interessi dicendo che la sua società lavorava solo all’estero.

Impregilo è la principale impresa di costruzioni italiana. È il general contractor del progetto Torino-Lione e del ponte sullo stretto di Messina. Appartiene a:
33% Argofin: Gruppo Gavio. Marcello Gavio è stato latitante negli anni 92-93 in quanto ricercato per reati di corruzione legati alla costruzione dell’Autostrada Milano-Genova. Prosciolto successivamente per prescrizione del reato.
33% Autostrade: Gruppo Benetton. Uno dei principali gruppi imprenditoriali italiani noto all’estero per lo sfruttamento dei lavoratori delle sue fabbriche di tessile in Asia e per aver sottratto quasi un milione di ettari di terra alle comunità Mapuche in Argentina e Cile
33% Immobiliare Lombarda: Gruppo Ligresti. Salvatore Ligresti è stato condannato nell’ambito dell’inchiesta di Tangentopoli pattuendo una condanna a 4 anni e due mesi dopo la quale è tornato tranquillamente alla sua attività di costruttore.

Abbiamo capito che l’unico argomento rimasto in mano ai politico-imprenditori ed ai loro mezzi di comunicazione per giustificare un inutile progetto da 20 miliardi di euro mentre contemporaneamente si taglia su tutta la spesa sociale è la diffamazione. Far passare gli abitanti della Val di Susa come violenti terroristi. Mentre noi abbiamo visto nonni che preparavano le torte, appassionati insegnanti al lavoro, agricoltori responsabili, amministratori incorruttibili.

Abbiamo capito che questo è l’unico argomento possibile perchè ormai numerosi ed autorevoli studi, di cui nessuno parla, hanno già dimostrato quanto la TAV sia economicamente inutile e gravemente dannosa.

Questi i principali:

Interventi scientifici e studi relativi all’Alta Velocità Torino-Lione dei ricercatori del Politecnico di Torino: http://areeweb.polito.it/eventi/TAVSalute/

Analisi degli studi condotti da LTF in merito al progetto Lione-Torino, eseguiti da COWI, rinomato studio di consulenza che lavora stabilmente per le istituzioni europee: http://ec.europa.eu/ten/transport/priority_projects/doc/2006-04-25/2006_ltf_final_report_it.pdf

Contributo del Professore Angelo Tartaglia, del Politecnico di Torino: http:/www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2010_11-Angelo%20Tartaglia%20confuta%20teorie%20S%EC%20TAV%20On.%20Stefano%20Esposito.pdf

Analisi economica del Prof. Marco Ponti del Politecnico di Milano
http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002454.html

Rapporto sui fenomeni di illegalità e sulla penetrazione mafiosa nel ciclo del contratto pubblico del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro:
http://www.notav.eu/modules/Zina/Documenti/2008_Rapporto%20sugli%20appalti.pdf

Risultanze del controllo sulla gestione dei debiti accollati al bilancio dello Stato contratti da FF.SS., RFI, TAV e ISPA per infrastrutture ferroviarie e per la realizzazione del sistema “Alta velocità”:
http://www.notav-avigliana.it/doc/delibera_25_2008_g_relazione.pdf

Presentazione dell’Ingegnere Zilioli, in relazione a “EFFETTI TAV – STUDI EUROPEI/buone pratiche e cattivi esempi”
http:/www.comune.re.it/retecivica/urp/retecivi.nsf/PESIdDoc/CE2F74FF4EBDC0A7C125783000474080/$file/Presentazione%20Ing.%20Zilioli.pdf

Ricerca del Politecnico di Milano sull’alta velocità in Italia che svela un buco di milioni di utenti.
http://www.tema.unina.it/index.php/tema/article/view/486

NON POSSIAMO RESTARE IN SILENZIO, COSTRUIAMO LA NOSTRA INFORMAZIONE DAL BASSO, INOLTRA E DIFFONDI QUESTO MESSAGGIO.

Primi firmatari:
Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla, Paolo Carsetti, Andrea Baranes, Antonio Tricarico, Giulia Franchi, Luca Manes, Carlo Dojmi di Delupis, Elena Gerebizza, Luca Bianchi, Laura Boschetto, Vitaliana Curigliano, Chiara Berlingardi, Stefania Grillo, Pamela Teoli, Adriana Rosasco, Benedetto Calvo, Riccardo Carraro, Stefania Pizzolla, Andrea Cocco, Filippo Maria Taglieri, Sara Turra, Andrea Provvisionato, Michela Bortoli, Francesco Martino, Silvia Nesticò, Dario Radi, Elena Cavassa, Mario Martone, Anna Ferrari

per aderire posta un commento su:
http://siamostatiinvaldisusa.wordpress.com/

Caterina Amicucci, Sara Taviani, Carla Cipolla e altre/i - Siamo stati in Val di Susa

1 Commento

Scrivi un commento


Other News

  • PARLIAMONE! Il premier è figlio (legittimo) di D’Alema e Bersani

    Il premier è figlio (legittimo) di D’Alema e Bersani

    Partito democratico. L’avvento di Renzi è la conseguenza di una sinistra che da tempo non è più “contemporanea” Renzi pensa, parla, agi­sce come un poli­tico di destra? Può darsi, in molti casi è evi­dente, ma le domande a que­sto punto diven­tano altre e sono più impe­gna­tive: com’è pos­si­bile che un poli­tico così abbia “espu­gnato” senza grande dif­fi­coltà il Pd e oggi goda di un con­senso lar­ga­mente mag­gio­ri­ta­rio nell’elettorato che si sente di sini­stra e che ha sem­pre votato a sini­stra? Dipende solo dalle sue doti obiet­ti­va­mente […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI MEDIO ORIENTE Peshmerga in arrivo a Kobane. Tra Usa e Isis è guerra di propaganda

    Peshmerga in arrivo a Kobane. Tra Usa e Isis è guerra di propaganda

    Dalla città kurda il nuovo video dell’ostaggio Cantlie, «anchorman» di al-Baghdadi. I jihadisti di al-Nusra assaltano con lo Stato Islamico la comunità di Idlib. Sempre più deboli le opposizioni moderate Dopo giorni di annunci e smen­tite, scambi di accuse tra Rojava e Ankara, l’epopea dei 150 pesh­merga diretti a Kobane sem­bra finita. Sono par­titi ieri dalla città curda ira­chena di Irbil, a bordo di una cin­quan­tina di vei­coli mili­tari, diretti verso l’aeroporto. Come se dav­vero pos­sano fare la dif­fe­renza: men­tre i vari attori della tra­ge­dia […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI PALESTINA - ISRAELE «Netanyahu cacca di gallina»

    «Netanyahu cacca di gallina»

    L’accusa di un funzionario Usa. Colonie a Gerusalemme est, esplode la rabbia Le strade di Sil­wan, Wadi al Joz e di A-Tur sul Monte degli Olivi, ricor­dano quelle dell’inizio della prima Inti­fada 27 anni fa. Pneu­ma­tici con­su­mati dalle fiamme, cas­so­netti dei rifiuti usati come bar­ri­cate, sassi che rico­prono l’asfalto. Sono i resti delle bat­ta­glie urbane a Geru­sa­lemme Est tra pale­sti­nesi e poli­zia, ormai quo­ti­diane e quasi sem­pre not­turne. Luo­ghi che al mat­tino sono pre­si­diati dalle jeep dei «ber­retti verdi», la guar­dia di fron­tiera. La pre­senza […]

    Leggi tutto →
  • DAL SINDACATO ECONOMIA E LAVORO Rosario Rappa: “Noi eravamo fermi, ci hanno caricato violentemente”

    Rosario Rappa: “Noi eravamo fermi, ci hanno caricato violentemente”

    Cinque punti in testa. Rosario Rappa, segretario nazionale della Fiom, 59 anni, siciliano, braccio destro di Maurizio Landini, è uno dei sindacalisti feriti stamattina durante le cariche della polizia contro i lavoratori delle acciaierie Ast di Terni a piazza Indipendenza a Roma. Risponde al telefono all’Huffpost appena uscito dal Policlinico, dove è stato medicato per la ferita in testa. “Mi hanno dimesso, ma per tutta la notte devo stare sotto controllo per il trauma cranico. Il mio collega Gianni Venturi […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO MONDO PRECARIO I nuovi poveri sono gli autonomi a partita Iva

    I nuovi poveri sono gli autonomi a partita Iva

    Senza diritti alla malattia o al sostegno al reddito, non avranno una pensione. Ma i loro contributi finanziano il Welfare degli altri lavoratori. I dati dell’Osservatorio XX maggio su parasubordinati e professionisti iscritti alla gestione separata dell’Inps descrivono l’esistenza del nuovo proletariato in Italia Il ritratto dei nuovi poveri a par­tita Iva lo ha fatto ieri l’Osservatorio dei lavori dell’associazione 20 mag­gio pre­sen­tando a Roma il terzo rap­porto sui dati della gestione sepa­rata dell’Inps. Anche con l’entrata in vigore delle regole della […]

    Leggi tutto →
  • Senza categoria SOTTOLINEATO Pd, chi aspetta obbedendo

    Pd, chi aspetta obbedendo

    Se Renzi vince la sinistra interna farà testimonianza, se Renzi perde verrà travolta dalle macerie. E’ preferibile un disegno esplicito di rottura, con una guerriglia aperta sulle riforme Ormai di tempo per pren­dere le misure del feno­meno Renzi, la sini­stra Pd ne ha avuto abba­stanza. E, a meno di una con­sa­pe­vole volontà di ras­si­cu­ra­zione che pog­gia però sul niente, dovrebbe aver per­ce­pito che uno spa­zio per la media­zione è impos­si­bile. Renzi peral­tro non lo cerca, si vanta di aver “spia­nato” i reduci, schiaf­feg­giato […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Freccero: «Renzi? E’ il fanfanismo digitale»

    Freccero: «Renzi? E’ il fanfanismo digitale»

    Intervista. Carlo Freccero: l’ultimo Renzi è troppo incazzato, segno di debolezza. «La fase dell’espansione è finita. Questa Leopolda sembrava un meeting aziendale, di quelli dove ci si motiva l’un l’altro» Carlo Frec­cero, il ren­zi­smo gua­scone e tutto som­mato bonac­cione dei ’gufi’ e dei ’rosi­coni’ ora sem­bra cam­biare passo: allu­sioni pesanti sulla Cgil, man­ga­nelli sugli ope­rai di Terni. Sono mera­vi­gliato. Sin qui mi col­piva la dif­fe­renza fra Renzi e Ber­lu­sconi a pro­po­sito del rap­porto con la mino­ranza. Con Ber­lu­sconi nel nostro imma­gi­na­rio si instaura l’equazione fra […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Landini: «Renzi chieda scusa»

    Landini: «Renzi chieda scusa»

    Il segretario in prima fila tra rabbia e incredulità. «Basta! Il governo si vergogni di prendere a botte noi».

    Leggi tutto →