Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • DALLE FABBRICHE ECONOMIA E LAVORO Il potere feudale di Thyssen Krupp

    Il potere feudale di Thyssen Krupp

    Per cent’anni, Terni e «la Terni» sono state un’unica cosa. La città sen­tiva che la fab­brica è stata costruita e fatta fun­zio­nare con il lavoro di gene­ra­zioni di ope­rai, fonte di sus­si­stenza per migliaia di fami­glie, era cosa sua. L’azienda sen­tiva a sua volta che la città le appar­te­neva – la domi­nava e, sia pure pater­na­li­sti­ca­mente, se ne sen­tiva respon­sa­bile. I diri­genti vive­vano in città, gli ope­rai li salu­ta­vano con defe­renza in piazza e li anda­vano minac­cio­sa­mente a cer­care a casa per punirli dei licenziamenti. Il rap­porto […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI MEDIO ORIENTE Bombe e armi all’Iraq: gli Usa non si sporcano le mani

    Bombe e armi all’Iraq: gli Usa non si sporcano le mani

    Dopo due giorni di scuse a mezza bocca, ieri il Pen­ta­gono ha ammesso quello che si sapeva già: due dei 28 pac­chi di armi dirette ai kurdi di Kobane sono pio­vute sulle posta­zioni dello Stato Isla­mico. Prima la colpa era del buio, adesso del vento, fanno sapere fun­zio­nari Usa. Ma la coa­li­zione non si fa sco­rag­giare, tanto meno il pre­si­dente Obama che pro­se­gue nella stra­te­gia finora adot­tata: raid dal cielo e armi alle truppe locali. La Casa Bianca ha fatto sapere che ven­derà […]

    Leggi tutto →
  • IN MOVIMENTO INTERNI E domani tutti a San Giovanni

    E domani tutti a San Giovanni

    Cer­cansi pull­man dispe­ra­ta­mente per un palco fatto di soli lavo­ra­tori. La vigi­lia della mani­fe­sta­zione di piazza San Gio­vanni della Cgil per molti diri­genti ter­ri­to­riali e nazio­nali pas­serà al tele­fono con impro­ba­bili agen­zie estere, men­tre le cate­go­rie stanno sce­gliendo il lava­tore che li rap­pre­sen­terà tutti dal palco. In Ita­lia infatti i pull­man a dispo­si­zione sem­brano esau­riti su tutto il territorio. «La noti­zia deve essersi sparsa — rac­con­tano da Corso Ita­lia — per­ché sono arri­vati a chie­derci cifre folli: sva­riate migliaia di euro per affit­tare un […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Bruxelles, il segreto di Pulcinella

    Bruxelles, il segreto di Pulcinella

    Bar­roso, fosse per lui azzan­ne­rebbe. Voleva farlo mer­co­ledì, con tanto di richiamo uffi­ciale e inti­ma­zione di por­tare il taglio del defi­cit allo 0,6% invece che allo 0,1% come da ita­lica legge di sta­bi­lità. E’ stato fer­mato da Angela Mer­kel, per inter­po­sto Katai­nen. Si sa che il sacer­dote fin­lan­dese del rigore quando parla Frau Angela se non scatta poco ci manca. La let­tera è arri­vata, ma in forma ammor­bi­dita e inter­lo­cu­to­ria. Ma quanto poco si sia rab­bo­nito Bar­roso lo si è capito ieri, quando il […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Le invasioni barbariche

    Le invasioni barbariche

    «Lupi soli­tari», «Cel­lule dor­mienti», «jihad della porta accanto»: si sono affan­nati a spie­gare il feno­meno che sem­bra esplo­dere all’attenzione dell’«innocente» mondo occi­den­tale. L’urgenza di com­pren­dere diventa ine­lu­di­bile a fronte di quello che è acca­duto in que­sti giorno in Canada, prima con l’uccisione di due sol­dati poi ad Ottawa, in pieno par­la­mento, con l’assalto armato — di un solo atten­ta­tore — con spa­ra­to­rie, morti e feriti. È in fran­tumi l’immagine di un Paese appa­ren­te­mente fuori dalla mischia delle guerre e della crisi mondiale. Chi sono, dun­que, e che […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Le promesse e la democrazia

    Le promesse e la democrazia

    Il Governo infonde ogni giorno mes­saggi posi­tivi per scac­ciare i gufi dalla notte buia della crisi. 800 mila nuovi occu­pati in tre anni, 18 miliardi di inve­sti­menti, 80 euro per i dipen­denti e le neo mamme, sono i numeri vin­centi che l’esecutivo ha estratto per per­met­tere ai for­tu­nati di vin­cere alla ruota della fortuna. Del resto una ragione ci sarà pure se nono­stante l’aumento dei disoc­cu­pati, della povertà, della desco­la­riz­za­zione e delle tasse, una parte impor­tante degli ita­liani con­fida nel Pre­si­dente del Con­si­glio. Trat­tare la […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Ciò che Renzi divide, il 25 ottobre può unire

    Ciò che Renzi divide, il 25 ottobre può unire

    Ciò che cam­mina nelle piazze deve cam­mi­nare anche nelle aule e nei voti in parlamento.

    Leggi tutto →
  • IN MOVIMENTO INTERNI L’Arci sabato con la Cgil, per una giusta causa

    L’Arci sabato con la Cgil, per una giusta causa

    Sabato 25 otto­bre l’Arci sarà in piazza a mani­fe­stare con la Cgil per i diritti, la dignità e l’uguaglianza Più diritti e più demo­cra­zia, a par­tire dal mondo del lavoro, costi­tui­scono le vere inno­va­zioni che ser­vono al nostro paese. La crisi di que­sti anni è frutto dello stra­po­tere dei poteri finan­ziari e di ren­dite di posi­zione che hanno svi­lito dignità e lavoro, e ora si pensa di uscirne can­cel­lando i diritti, con più pre­ca­rietà e più ingiu­sti­zia sociale. La discus­sione sull’articolo 18 dello Sta­tuto dei lavo­ra­tori non è una discus­sione tec­nica, è invece […]

    Leggi tutto →