Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • ESTERI Il Pkk risponde al pugno di ferro di Ankara: uccisi tre soldati

    Il Pkk risponde al pugno di ferro di Ankara: uccisi tre soldati

    Bombe in Iraq, arre­sti di massa nel sud della Tur­chia: la guerra di Ankara al Pkk è senza quar­tiere. In un angolo resta lo Stato Isla­mico, “dimen­ti­cato” dai jet tur­chi. Dal 24 luglio sono morti nei raid nel nord dell’Iraq 190 com­bat­tenti kurdi, oltre 1.300 gli arre­stati nel sud della Tur­chia: di que­sti solo il 10% sono sospetti soste­ni­tori dell’Isis, il resto sono mem­bri o sim­pa­tiz­zanti del Par­tito Demo­cra­tico del Popolo (Hdp). La rispo­sta del Pkk c’è ed è signi­fi­ca­tiva per­ché l’attacco di […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI Kiev sul baratro, Fmi spinge per ristrutturare il suo debito

    Kiev sul baratro, Fmi spinge per ristrutturare il suo debito

    La situa­zione eco­no­mica dell’Ucraina è sem­pre più vicina al col­lasso. Quelle appena tra­scorse sono state gior­nate di intense trat­ta­tive tra Kiev e i rap­pre­sen­tanti dei suoi cre­di­tori inter­na­zio­nali (ame­ri­cani, bra­si­liani e russi) per una fati­cosa e forse pro­ba­bile ristrut­tu­ra­zione del debito estero, che ammonta a circa 23 miliardi di dollari. Kiev, attra­verso i pro­pri organi mini­ste­riali ha pro­po­sto un piano nei giorni pre­ce­denti, che dovrà essere valu­tato: una prima risposa a quanto pro­po­sto dalla mini­stra delle finanza, Nata­lia Yare­sko, dovrebbe arri­vare oggi. Il Fondo mone­ta­rio spinge per […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI Il senato disarciona il governo

    Il senato disarciona il governo

    Nel Viet­nam di palazzo Madama il governo va sotto su un punto fon­da­men­tale. I due emen­da­menti sop­pres­sivi dell’articolo 4 del dise­gno di legge di riforma Rai, pre­sen­tati da Sel, M5S, Lega e Fi ma anche dalla mino­ranza del Pd, non sono un par­ti­co­lare. Affon­dano la riforma nel suo ele­mento stra­te­gico: sot­trag­gono la delega in bianco al governo per quanto riguarda il canone Rai e il rior­dino delle emit­tenti locali. Come dire, tutto quel che nel testo del governo esu­lava dalla riforma della governance. Sono […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO Il disastro al Sud, la nostra Grecia

    Il disastro al Sud, la nostra Grecia

    Il Sud, la nostra Gre­cia. Al set­timo anno di crisi – sostiene un’anticipazione del rap­porto Svi­mez sull’economia del Mez­zo­giorno 2015 pre­sen­tata ieri a Roma – l’emergenza con­cla­mata oggi è un disa­stro accer­tato. Il crollo della domanda interna, dei con­sumi e degli inve­sti­menti pro­dur­ranno uno stra­vol­gi­mento demo­gra­fico impre­ve­di­bile che ampli­fi­cherà la deser­ti­fi­ca­zione indu­striale e alla civile. Come in guerra Per il set­timo anno con­se­cu­tivo il Pil del Mez­zo­giorno è nega­tivo (1,3%, nel 2013 era –2,7%), cre­sce il diva­rio rispetto al Centro-Nord (-0,2%). La mappa di que­sto […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Il nazionalismo, la Ue e la sua disintegrazione

    Il nazionalismo, la Ue e la sua disintegrazione

    Nata per scon­giu­rare i nazio­na­li­smi che ave­vano deva­stato il Vec­chio Con­ti­nente e il mondo nella prima metà del ’900, l’Ue ritorna sui suoi passi. Torna ad ali­men­tarli con rin­no­vato vigore. E lo fa per ini­zia­tiva del paese che avviò, ogni volta, la car­ne­fi­cina: la Ger­ma­nia. Oggi il nuovo nazio­na­li­smo ege­mo­nico tede­sco pos­siede tutti i pre­sup­po­sti per durare ed espandersi. L’Unione tutte le con­di­zioni mate­riali e poli­ti­che per disin­te­grarsi. Come tutti i vedenti hanno potuto osser­vare, la vicenda greca l’ha mostrato in maniera esemplare. Alla base dell’egoismo […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO La sfida di Tsipras a Syriza

    La sfida di Tsipras a Syriza

    Ale­xis Tsi­pras pro­pone una sfida su due fronti, chie­dendo a Syriza di deci­dere: un con­gresso straor­di­na­rio a set­tem­bre e l’organizzazione di un refe­ren­dum interno al par­tito dome­nica pros­sima, per deci­dere quale sarà la linea da seguire. Per deci­dere, quindi, se devono essere por­tate avanti le trat­ta­tive con il quar­tetto dei cre­di­tori, o se sarà neces­sa­rio andare subito ad ele­zioni anti­ci­pate, per­ché la linea del governo non viene condivisa. «Dob­biamo com­pren­dere che all’interno del nostro par­tito non ci sono espo­nenti più di sini­stra di altri, […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Un paese perduto

    Un paese perduto

    La drammaticità della crisi economica nazionale impone delle riflessioni coraggiose. Questa crisi italiana è più lunga e profonda di quella del ’29. La Svimez ricorda a tutti noi quanto in basso si possa cadere

    Leggi tutto →
  • APERTURA Quando Krugman iniziò a parlare di «mezzogiornificazione» d’Europa

    Quando Krugman iniziò a parlare di «mezzogiornificazione» d’Europa

    È stato il pre­mio Nobel dell’economia Paul Krug­man a par­lare per la prima volta di «mez­zo­gior­ni­fi­ca­zione» dell’Europa nel 1991 nel libro «Geo­gra­fia e com­mer­cio inter­na­zio­nale». Il dua­li­smo eco­no­mico che ha segnato i rap­porti tra Nord e Sud Ita­lia si è allar­gato a quello tra i paesi del Nord e del Sud dell’Europa e all’interno di tutti i paesi, a comin­ciare della Ger­ma­nia, uni­fi­cata, ma divisa ancora tra un Ovest e un Est. Gli eco­no­mi­sti ita­liani Emi­liano Bran­cac­cio e Ric­cardo Real­fonzo hanno ripreso que­sta cate­go­ria in uno stu­dio del 2008, inti­to­lato «L’Europa è a rischio […]

    Leggi tutto →