Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • IN MOVIMENTO INTERNI La Perugia-Assisi conferma la forza del sentimento pacifista italiano

    La Perugia-Assisi conferma la forza del sentimento pacifista italiano

    Marcia della pace. Nonostante gli F35 e le spese militari in aumento Se la voglia di pace si misura anche nume­ri­ca­mente, la scorsa dome­nica sem­bra con­fer­mare che que­sto sen­ti­mento rimane impor­tante nel cuore pro­fondo dell’Italia. Cen­to­mila secondo gli orga­niz­za­tori, ben oltre per Andrea Fer­rari, pre­si­dente degli Enti locali per la pace, sareb­bero stati i par­te­ci­panti della 40ma Mar­cia della pace Peru­gia Assisi, per­corso di 16 chi­lo­me­tri che dal 1961, quando Aldo Capi­tini lan­ciò la prima cam­mi­nata sim­bo­lica con la ban­diera a stri­sce […]

    Leggi tutto →
  • PARLIAMONE! Il denaro e la storia: a colloquio con Luciano Canfora

    Il denaro e la storia: a colloquio con Luciano Canfora

    Classicista di fama internazionale, esponente di spicco della sinistra italiana, docente presso l’Università di Bari, Luciano Canfora è uno degli intellettuali più prestigiosi e controcorrente che il panorama italiano può vantare. Quest’anno ha partecipato, in qualità di condirettore, all’edizione appena conclusasi del prestigioso Festival Storia, ospitata presso i locali dell’Università di San Marino e dedicata al tema “Auri Sacra Fames”. Il denaro, motore della Storia? A lui abbiamo chiesto una riflessione su questo interrogativo che non trova quasi mai riscontro […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA Manovra Renzi, 600 euro di nuove tasse

    Manovra Renzi, 600 euro di nuove tasse

    Legge di stabilità. I tagli alle regioni e lo sconto Irap si scaricheranno sulle famiglie. La previsione è dei consumatori. E gli studenti lanciano l’allarme atenei: «Via 300 milioni» E’ una piog­gia di tagli la legge di sta­bi­lità, e man mano che si va defi­nendo emer­gono nuove sor­prese. Spia­ce­voli. Ad esem­pio, le Regioni hanno cal­co­lato che oltre ai 5,8 miliardi di minori entrate già cal­co­late (i 4 di Renzi più il lascito dei governi Monti e Letta), dovranno rinun­ciare a ulte­riori 450 milioni di […]

    Leggi tutto →
  • DAL SINDACATO ECONOMIA E LAVORO “Lavoro, dignità, eguaglianza”. Prima tappa in San Giovanni

    “Lavoro, dignità, eguaglianza”. Prima tappa in San Giovanni

    La Cgil presenta (con sondaggio) la manifestazione di sabato. Camusso: “Sarà l’inizio di una stagione di mobilitazione, perché non ci rassegniamo al fatto che la strada per l’uscita dalla crisi sia quella della riduzione delle tutele e dei diritti”. Doppio corteo per centinaia di migliaia. Sabato sarà l’inizio di una sta­gione di mobi­li­ta­zione, per­ché non ci ras­se­gniamo al fatto che la strada per l’uscita dalla crisi sia quella della ridu­zione delle tutele e dei diritti”. Susanna Camusso pre­senta un 25 otto­bre […]

    Leggi tutto →
  • ASIA ESTERI «L’Occidente abbandoni il suo concetto di superiorità»

    «L’Occidente abbandoni il suo concetto di superiorità»

    Intervista. Wenshan Jia, professore alla Chapman University La Cina cam­bia, si tra­sforma e prova a tro­vare «la qua­dra» tra maoi­smo, capi­ta­li­smo e con­fu­cia­ne­simo. Il «sogno cinese» di Xi Jin­ping vor­rebbe, tra le altre cose, tra­sfor­mare l’identità cinese, attra­verso un nuovo periodo di «rina­scita». Abbiamo inter­vi­stato, Wen­shan Jia, pro­fes­sore alla Cha­p­man Uni­ver­sity e stu­dioso del con­cetto, quanto mai rile­vante, dell’«identità cinese». Par­tiamo da Hong Kong: in che modo le pro­te­ste influi­ranno, se que­sto acca­drà, sul Plenum? L’unico modo in cui influi­ranno sarà in un aumento […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI EUROPA RUSSIA Ucraina al voto. Verso un Parlamento di clan e oligarchi

    Ucraina al voto. Verso un Parlamento di clan e oligarchi

    Stabilite due nuove ricorrenze: le date di nascita dell’Upa filonazista e del suo leader Bandera Il 15 otto­bre scorso l’Onu aveva fis­sato in 3.707 il numero di civili morti e 9.075 feriti per il con­flitto nel Don­bass; ma il numero com­ples­sivo delle vit­time, com­presi i com­bat­tenti, è più alto. E ieri si sono regi­strati altri tiri delle arti­glie­rie di Kiev su Done­tsk, men­tre Pëtr Poro­shenko annun­ciava il terzo accordo con le mili­zie sul «regime del silen­zio», che però, dallo scorso 5 set­tem­bre (il primo ces­sate […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Gli obbiettivi di Sinistra Lavoro

    Gli obbiettivi di Sinistra Lavoro

    Costruire una sponda politica per il mondo del lavoro. Unire la sinistra.

    Leggi tutto →
  • PARLIAMONE! Il compromesso impossibile

    Il compromesso impossibile

    Capiamo bene che l’etichetta di par­tito della nazione voglia evi­tare l’impaccio di una qua­li­fi­ca­zione di destra o sini­stra. E capiamo anche che fac­cia comodo a un par­tito che non può più dirsi degli iscritti, essen­dosi que­sti dati alla mac­chia. Ma si pon­gono domande. Può un par­tito della nazione non essere un par­tito della Costi­tu­zione, che ne è primo fon­da­mento? E può non essere un par­tito di diritti eguali per tutti? Le domande si pon­gono per il pastic­ciac­cio delle cop­pie di fatto e dei matri­moni gay. Il mini­stro […]

    Leggi tutto →