Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • APERTURA Super partes?

    Super partes?

    Matteo Renzi procede sul cammino delle controriforme spalleggiato dal Quirinale che si dimostra tutt’altro che garante della Costituzione

    Leggi tutto →
  • APERTURA Non stravolgetela!

    Non stravolgetela!

    Care senatrici e cari senatori che vi opponete alla riforma della Costituzione, siamo con voi!

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO La fatica di essere ebreo e difendere il popolo palestinese

    La fatica di essere ebreo e difendere il popolo palestinese

    Avrei voluto cele­brare la capa­cità d’integrazione e con­vi­venza di due cul­ture in uno Stato che sia da esem­pio in tutto il Medio Oriente, mi sarebbe pia­ciuto andare a Geru­sa­lemme, dalla Porta di Jaffo pren­dere un bus per Ramal­lah, girare per mer­ca­tini e poi, seduto al tavo­lino di un bar, sor­seg­giando un caffè al car­da­momo, scri­vere e rac­con­tare di un mondo di vil­laggi pale­sti­nesi e kib­butz che con­tri­bui­scono allo svi­luppo di una cul­tura e un’economia che sommi la memo­ria e l’esperienza del pas­sato con il dina­mi­smo e la voglia […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Ridiamo la moneta allo Stato

    Ridiamo la moneta allo Stato

    Economia. Il monopolio della banca centrale nell’emettere moneta, in tempi di crisi provoca più problemi di quanti ne risolve Nel sistema eco­no­mico attuale la moneta che defi­ni­remo “pub­blica” è creata da ban­che cen­trali indi­pen­denti dal potere poli­tico, men­tre lo Stato non può stam­pare moneta ma può agire esclu­si­va­mente attra­verso il debito, un tipo di inter­vento che alla lunga può diven­tare inso­ste­ni­bile. D’altra parte, le ban­che pri­vate per mezzo del cre­dito hanno la pos­si­bi­lità di creare libe­ra­mente una moneta che si può […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA DIBATTITI Quale partito senza riferimenti sociali?

    Quale partito senza riferimenti sociali?

    Sinistra. Le nostre analisi sono lucide e ricche ma quando si passa alle prospettive si entra in un terreno vago e nebuloso. O reagiamo con un sussulto di dignità o possiamo dichiarare fallimento Che tutta la vicenda poli­tica di Renzi, dalle pri­ma­rie in poi almeno, avesse qual­cosa di oscuro era evi­dente da subito. Così come da subito era chiaro che die­tro i guizzi futu­ri­sti ci fosse un pro­getto pre­ciso di invo­lu­zione auto­ri­ta­ria, di cui il patto del Naza­reno era l’architrave. Per […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA MONDO PRECARIO Le buste paga? È game over

    Le buste paga? È game over

    Lavoro. Istat: aumenti dell’1,2%, il dato più basso dal 1982. Il 60% dei dipendenti senza contratto. Il caso del pubblico impiego: niente rinnovo dal 2009 Ormai non passa giorno senza che venga dif­fuso un dato nega­tivo per chi lavora: ieri è toc­cato alle retri­bu­zioni, che in giu­gno hanno visto il loro aumento più basso negli ultimi 30 anni. Sono cre­sciute dell’1,2% (che è comun­que quat­tro volte l’inflazione, pari allo 0,3%), secondo quanto cer­ti­fi­cato dall’Istat. Certo poco per dire che saranno le buste […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA Competitività, maxiemendamento pieno di rincari

    Competitività, maxiemendamento pieno di rincari

    Governo. Il Senato approva un «omnibus». Aumentano i carburanti, protestano Assopetroli e il settore delle rinnovabili. Zingaretti commissario ai rifiuti nel Lazio, ok al «prestito ponte» per l’Ilva Ener­gia, tariffe elet­tri­che, agri­col­tura, ambiente, effi­cienza ener­ge­tica per l’edilizia sco­la­stica, rilan­cio delle imprese, e disposizioni per ridurre le infra­zioni Ue. Sono alcuni punti con­te­nuti nel decreto legge «omni­bus» appro­vato ieri al Senato dove il governo Renzi ha incas­sato la quat­tor­di­ce­sima fidu­cia in appena 150 giorni di vita. Il maxi-emendamento che ha sosti­tuito […]

    Leggi tutto →
  • IN MOVIMENTO INTERNI POLITICA INTERNA L’estate dei “No Tav” non prevede vacanze

    L’estate dei “No Tav” non prevede vacanze

    La protesta. Ieri una marcia, ma c’è anche il campeggio a Venaus. Solidarietà degli attivisti alle popolazioni palestinesi La bat­ti­tura delle reti del can­tiere è ini­ziata da un pezzo. Un ritmo inces­sante, sem­pre uguale, che rim­bomba nei boschi. Dall’altra parte della recin­zione, la poli­zia blocca il pas­sag­gio del cor­teo che si divide in due. Un gruppo di No Tav appende una ban­diera pale­sti­nese alla grata. Nero, bianco e verde e il trian­golo rosso sulla sini­stra. Non è solo un gesto di soli­da­rietà, ma un […]

    Leggi tutto →