Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • APERTURA La falsa divisione tra sociale e politico

    La falsa divisione tra sociale e politico

    Non ha senso con­trap­porre, nelle idee e nei tempi, l’obiettivo di una nuova coa­li­zione sociale a quello di un sog­getto poli­tico nuovo.

    Leggi tutto →
  • APERTURA Nel Donbass ormai è guerra terroristica

    Nel Donbass ormai è guerra terroristica

    L’esercito ucraino impiega artiglierie e aviazione contro quartieri popolati. Il leader di Donetsk: «Pena di morte durante il conflitto»

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Syriza: «Dateci forza per governare»

    Syriza: «Dateci forza per governare»

    Il candidato della sinistra davanti agli inviati dei giornali di tutto il mondo loda Draghi e avverte la Germania: paghi i debiti di guerra. Ma la partita più difficile Tsipras la gioca in casa, tra poteri forti e le promesse da mantenere per portare la Grecia fuori dalla crisi.«Per il paese è un’occasione storica che non possiamo fallire» L’ha detto in piazza e l’ha riba­dito ieri alla stampa di tutto il mondo: «Da lunedì il Memo­ran­dum sarà carta strac­cia». E ancora: «Non […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Tutti in Grecia, per giocare una partita che ci riguarda

    Tutti in Grecia, per giocare una partita che ci riguarda

    Il contributo della Brigata Kalimera alla festa greca di Syriza. E l’invasione delle sinistre di tutta Europa Qual­cuno ha detto iro­ni­ca­mente che in Gre­cia, per vivere assieme ai com­pa­gni di Syriza la vigi­lia e il giorno dei risul­tati, era­vamo venuti «per farci una canna». Inten­dendo che il viag­gio col­let­tivo doveva ser­vire a un momento di ebbrezza nel quale affo­gare le fru­stra­zioni della sini­stra ita­liana. Iden­ti­fi­carci, insomma, nel “papa stra­niero”, e dimen­ti­care l’Italia. Non nego che nell’indurci tutti a par­tire ci sia stato anche que­sto […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA Quelli che il Nazareno no

    Quelli che il Nazareno no

    Human Factor. Alla prima delle tre giornate di discussioni e laboratori alla Permanente di Milano Nichi Vendola rilancia il “patto del Non Nazareno” proposto da Pippo Civati: “Tutte le forze che hanno a cuore la Costituzione, compreso il M5S, devono unirsi per impedire che Renzi e Berlusconi decidano il presidente”. Oggi si prosegue con decine di laboratori e assemblee plenarie, domenica chiusura con una grande tavola rotonda cui partecipano tutti i rappresentanti di ciò che resta della sinistra italiana. Con […]

    Leggi tutto →
  • ASIA ESTERI La «nuova normalità» di Pechino: crescere al 7,4

    La «nuova normalità» di Pechino: crescere al 7,4

    Si può cri­ti­care quanto si vuole la lea­der­ship cinese, per la sua nuova stretta sui media, per i modi poco oppor­tuni con cui tal­volta redime scon­tri interni o i dis­si­denti sgra­diti o su come ha creato negli anni una dise­gua­glianza sem­pre più evi­dente nella pro­pria popo­la­zione, ma non si può negare la capa­cità di «pre­pa­rare» i pro­pri cit­ta­dini ad accet­tare situa­zioni appa­ren­te­mente negative. Da mesi, anzi ormai da quando Xi Jin­ping è arri­vato alla pre­si­denza nel 2012, il numero uno cinese infila in ogni suo […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI EUROPA L’esercito ucraino bombarda, terrore a Donetsk

    L’esercito ucraino bombarda, terrore a Donetsk

    Colpito nella capitale degli insorti un autobus: 13 vittime. Le truppe di Kiev a colpi di mortaio lasciano l’aeroporto. Accordo a Berlino: via le armi pesanti  Morti e ancora morti. Le ultime due set­ti­mane sono state tra le più pesanti per la popo­la­zione del Don­bass. Tre­dici vit­time a Done­tsk, ieri mat­tina. Ancora una volta, preso di mira un auto­bus nel cen­tro della città. Le fer­mate e i mezzi di tra­sporto pub­blici sono diven­tati una costante delle arti­glie­rie dell’esercito ucraino, insieme ad abi­ta­zioni, ospe­dali, […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Caro Renzi, Expo non diventi la vetrina dell’ingiustizia

    Caro Renzi, Expo non diventi la vetrina dell’ingiustizia

    Lettera aperta a Matteo Renzi. Richieste e critiche precise all’avvio di Expo rivolte al presidente del consiglio da un gruppo di intellettuali e cittadini milanesi Signor pre­si­dente del Con­si­glio, i gior­nali ci infor­mano che lei sarà a Milano il 7 feb­braio per lan­ciare un Pro­to­collo mon­diale sul Cibo, in occa­sione dell’avvicinarsi di Expo. Ci risulta che la regia di tale pro­to­collo, al quale lei ha già ade­rito, sia stata affi­data alla Fon­da­zione Barilla Cen­ter for Food & Nutri­tion. Una mul­ti­na­zio­nale molto ben inse­rita […]

    Leggi tutto →