Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • PARLIAMONE! Il partito della restaurazione

    Il partito della restaurazione

     Al ter­mine di una delle prime espo­si­zioni pub­bli­che delle sue ricer­che, Sig­mund Freud si gua­da­gnò un com­mento piut­to­sto vele­noso: «C’è del nuovo e del buono nelle sue teo­rie, dot­tor Freud, pec­cato che il buono non sia nuovo e il nuovo non sia buono!». L’astio con­ser­va­tore che ispirò que­sto giu­di­zio rive­lava bru­tal­mente l’intento di deni­grare ogni inno­va­zione e cele­brare le salde verità della tra­di­zione acca­de­mica. Non­di­meno si faceva forza di una con­trad­di­zione, sem­pre pos­si­bile, sul piano logico come su quello sto­rico, tra il «nuovo» […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI RUSSIA Tensione e scontri, voli russi, manovre Nato in Polonia

    Tensione e scontri, voli russi, manovre Nato in Polonia

    Men­tre con­ti­nua il bal­letto di con­ferme (russe) e smen­tite (fran­cesi) sulla con­se­gna, alla data pre­vi­sta del 14 novem­bre, della por­tae­li­cot­teri classe “Mistral” alla marina russa, non accenna a dimi­nuire l’allerta Nato per il traf­fico aereo mili­tare russo «ai con­fini dell’Alleanza atlan­tica». Il vascello plu­ri­fun­zio­nale “Vla­di­vo­stok” verrà con­se­gnato nel ter­mi­ne­pre­vi­sto, aveva dichia­rato alla Tass un fun­zio­na­rio russo pre­sente al salone fran­cese “Euro­na­val 2014”. Ma il Mini­stro fran­cese delle finanze Michel Sapin ha detto invece ieri che non ci sono ancora le con­di­zioni per […]

    Leggi tutto →
  • DALLE FABBRICHE ECONOMIA E LAVORO Terni, il governo prova a rifarsi Ma per ora solo promesse

    Terni, il governo prova a rifarsi Ma per ora solo promesse

    Il giorno dopo il san­gue e i man­ga­nelli, il governo prova a recu­pe­rare, per quanto pos­si­bile. Men­tre i lavo­ra­tori soli­da­riz­zano con gli ope­rai di Terni lungo tutta la peni­sola con pre­sidi e scio­peri, Mat­teo Renzi decide di gio­care la carta del pacificatore. Di prima mat­tina decide di avo­care a sé la trat­ta­tiva sulla Ast di Terni. La riu­nione ini­zial­mente con­vo­cata al mini­stero dello Svi­luppo viene spo­stata a palazzo Chigi. In pompa magna i sin­da­ca­li­sti mal­me­nati mer­co­ledì ven­gono accolti da un pre­si­dente del Con­si­glio sor­ri­dente. Il suo uffi­cio […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Il Tar dà torno al prefetto, De Magistris torna sindaco

    Il Tar dà torno al prefetto, De Magistris torna sindaco

    Il Tar Cam­pa­nia sospende con un’ordinanza gli effetti della legge Seve­rino rein­te­grando il sin­daco di Napoli, Luigi De Magi­stris. La deci­sione è arri­vata ieri mat­tina ma era attesa una set­ti­mana fa: il col­le­gio gui­dato dal giu­dice Cesare Mastro­cola si era preso sette giorni per emet­tere una sen­tenza moti­vata. La sen­tenza alla fine non c’è stata ma un’ordinanza molto det­ta­gliata sul ricorso pre­sen­tato dai legali dell’ex pm (con­dan­nato in primo grado a un anno a tre mesi per il pro­cesso Why not): è stata giu­di­cata […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA La Fiom raddoppia lo sciopero

    La Fiom raddoppia lo sciopero

    Camusso applaudita al comitato centrale: la battaglia sarà lunga. Contro il Jobs act e il governo astensione dal lavoro di 8 ore.

    Leggi tutto →
  • APERTURA Evo Morales: «Un governo di luna piena»

    Evo Morales: «Un governo di luna piena»

    Il viaggio del presidente indigeno, dal Vaticano allo stadio, dalla Fao alla Sapienza.

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Fuori dall’angolo per una sinistra all’altezza delle sfide del tempo

    Fuori dall’angolo per una sinistra all’altezza delle sfide del tempo

    Abbiamo incontrato Simone Oggionni, trent’anni, di cui gli ultimi quindici dedicati all’impegno e alla militanza nei Giovani Comunisti di cui è stato portavoce nazionale dal 2010 fino a sabato scorso. In tanti infatti hanno lasciato l’organizzazione giovanile del Prc firmando un documento ‘Fuori dall’angolo per un nuovo inizio’. Cosa è accaduto Simone? Cosa vi ha condotto a questa scelta? E’ accaduto ciò che, in politica, dovrebbe accadere più spesso. Dopo la manifestazione di San Giovanni, abbiamo riunito i nostri compagni […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Il governo svedese mantiene l’impegno e riconosce la Palestina

    Il governo svedese mantiene l’impegno e riconosce la Palestina

    Dura reazione di Israele all’annuncio di Stoccolma. Netanyahu richiama l’ambasciatore israeliano per consultazioni. Abu Mazen invece applaude e chiede agli altri governi europei di seguire l’esempio svedese. A Gerusalemme regna la tensione. La polizia israeliana uccide il sospetto responsabile dell’agguato al rabbino nazionalista Yehuda Glick Geru­sa­lemme Est stava vivendo una delle sue gior­nate più tese da molti anni a que­sta parte quando ieri le agen­zie hanno bat­tuto la noti­zia del rico­no­sci­mento uffi­ciale da parte del governo sve­dese dello Stato di Pale­stina […]

    Leggi tutto →