Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • APERTURA I mille giorni di Renzi

    I mille giorni di Renzi

    Le politiche del governo Renzi vanno contro ogni ambito di ciò che resta delle garanzie sociali, non risparmiando il deserto del lavoro

    Leggi tutto →
  • APERTURA Caschi blu in ostaggio

    Caschi blu in ostaggio

    L’Isis cattura truppe dell’Onu mentre Assad bombarda gli jihadisti

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Sblocca Italia sull’orlo del blocco

    Sblocca Italia sull’orlo del blocco

    Senza soldi. Slitta anche il pre-Consiglio. Lupi: non aspettatevi troppo. Padoan assicura: le risorse dove servono La parola d’ordine, pro­nun­ciata dal mini­stro delle svi­luppo Mau­ri­zio Lupi al ter­mine dell’incontro con il tito­lare dell’Economia, e con­fer­mata dalla stesso Pier Carlo Padoan, è che le coper­ture per lo Sblocca Ita­lia ci sono. O meglio, ci sono quelle che ser­vono per coprire ciò che alla fine resterà nel decreto che insomma, mica è la legge di sta­bi­lità, sot­to­li­nea Lupi. Cosa con­terrà dav­vero il prov­ve­di­mento lo si sco­prirà final­mente […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Landini-Renzi, quel filo diretto che potrebbe spezzarsi

    Landini-Renzi, quel filo diretto che potrebbe spezzarsi

    Palazzo Chigi. Nell’incontro con il premier il leader della Fiom ha lanciato un ultimatum: soluzione delle vertenze o sarà mobilitazione “Quando la con­tro­parte chiama, il dovere di un sin­da­ca­li­sta è di andare”. Mau­ri­zio Lan­dini ha sem­pre rispo­sto in que­sto modo quando qual­cuno – e non pochi suoi metal­mec­ca­nici Fiom – hanno cri­ti­cato la scelta di incon­trare Renzi. E così quando mar­tedì il pre­si­dente del Con­si­glio gli ha tele­fo­nato ha inter­rotto la sua breve vacanza nelle Mar­che per pren­dere il treno il giorno dopo […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA Bonus Irpef, provaci ancora: ferme le vendite al dettaglio

    Bonus Irpef, provaci ancora: ferme le vendite al dettaglio

    Istat. Commercio al palo, gli 80 euro di Renzi restano in tasca Dopo il primo mese uffi­ciale vita il bonus irpef non ne vuole sapere di fun­zio­nare. A giu­gno gli 80 euro di Renzi non hanno risol­le­vato il morale di imprese e fami­glie. È l’estate più «nera» di sem­pre dice l’Istat che ieri ha regi­strato il terzo calo con­se­cu­tivo della fidu­cia dei con­su­ma­tori (da 104.4 a 101,9). Per ritro­vare un valore più basso biso­gna tor­nare a marzo 2014 (101,8), quando il governo Renzi era entrato […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA Scuola, la riforma è un fantasma che cammina

    Scuola, la riforma è un fantasma che cammina

    Svolte epocali. Come promesso, Renzi è riuscito a stupire tutti. Anche chi gli crede. Nel Consiglio dei ministri di oggi non ci sarà l’annunciatissimo «pacchetto scuola». «È slittato, non è stato ritirato». In realtà non ci sono i soldi per le assunzioni. Il ritorno alla realtà dopo l’incontro con Napolitano. La figuraccia del governo: «C’era troppa carne al fuoco». Oggi a Roma manifestano «Quota 96» e precari Aveva pro­messo di stu­pire il mondo della scuola. E ci è riu­scito. A poche ore dal […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI PALESTINA - ISRAELE Quale orizzonte

    Quale orizzonte

    Nelle strade di Gaza, Hamas orga­nizza mani­fe­sta­zioni di giu­bilo per la vit­to­ria. In Israele, 24 ore dopo l’inizio della tre­gua, il primo mini­stro Neta­nyahu in con­fe­renza stampa, segnala un «colpo enorme con­tro Hamas e con­tro il ter­rore». I curiosi festeg­gia­menti di Hamas mar­cano la tre­gua di lunga durata, orga­niz­zata dall’Egitto. Si dice che sia diven­tata pos­si­bile, quando i lea­der a Gaza hanno fatto pre­sente a Kha­led Meshal, il lea­der poli­tico pale­sti­nese di Hamas ora resi­dente in Qatar, che con la pro­se­cu­zione della guerra si sarebbe […]

    Leggi tutto →
  • AMERICHE ESTERI Prima e dopo Ferguson

    Prima e dopo Ferguson

    Stati uniti. L’omicidio dell’afroamericano Michael Brown nel Missouri da parte della polizia rivela la persistenza profonda della discriminazione razziale e di classe negli Stati uniti. E l’incapacità politica di affrontarla e risolverla Insieme con l’indignazione, i fatti di Fer­gu­son, nel Mis­souri, hanno susci­tato domande che chia­mano a qual­che rifles­sione ulte­riore. Se un poli­ziotto uccide un gio­vane nero – Michael Brown, diciotto anni – per­ché cam­mina in mezzo alla strada; se lo ammazza a san­gue freddo; se lo lascia steso a terra, morto, in mezzo […]

    Leggi tutto →