Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • SOTTOLINEATO Renzi e le riforme non riformiste

    Renzi e le riforme non riformiste

    Partito democratico. Quel che c’è oggi a sinistra non è in grado di incidere sul terreno politico. Ma questo non dimostra che dentro il Pd vi sia spazio per una battaglia di sinistra né soprattutto che nulla di nuovo possa nascere e che non valga la pena di lavorare a tal fine Si può anche non essere d’accordo su tutto quel che dice Ema­nuele Maca­luso nell’intervista apparsa sul mani­fe­sto (20 otto­bre). Ma ce ne fos­sero molte in giro di teste […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Fiom a Napoli, a sud di Renzi sfila l’Italia vera

    Fiom a Napoli, a sud di Renzi sfila l’Italia vera

    Il corteo. La seconda tappa dello sciopero generale Fiom raccoglie a Napoli oltre 30mila persone. La crisi morde e rischia di lasciare dietro di sé un deserto industriale dove non c’è né il pubblico né il privato. È alla Fiat di Pomigliano che è cominciato l’attacco al lavoro. Da Roma in giù migliaia di storie di lotta, di fatica, di resistenza. Che non si fermeranno Erano almeno in 30mila ieri a Napoli per lo scio­pero gene­rale del cen­tro sud indetto dalla […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Sciogliamo la Lista Tsipras e facciamo come Podemos

    Sciogliamo la Lista Tsipras e facciamo come Podemos

    Non c’è più tempo da perdere per costruire una sinistra di opposizione anche in Italia

    Leggi tutto →
  • APERTURA Tutto in Europa potrebbe cambiare

    Tutto in Europa potrebbe cambiare

    Alberto Garzón prende la guida di Izquierda Unida in Spagna

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Ammalati di amianto

    Ammalati di amianto

    Palazzaccio. I giudici che hanno applicato nella forma più restrittiva i termini formali della prescrizione devono avere un ben strano concetto del disastro ambientale, per stabilire che esso è terminato in un giorno preciso del 1986, quando cessò la produzione negli stabilimenti italiani E’ pos­si­bile, in poche ore di un pome­rig­gio d’autunno, can­cel­lare un cri­mine con­tro l’umanità? Per­ché que­sto ha fatto la Corte di Cas­sa­zione mer­co­ledì 19 novem­bre. Ricor­dia­mola que­sta data: resterà un giorno nero per sem­pre e per tutti. Almeno […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Governo sconfitto, de Magistris resta sindaco

    Governo sconfitto, de Magistris resta sindaco

    Napoli. Il Consiglio di Stato dà ragione al Tar della Campania e torto ad Alfano (e alla legge Severino): prevale l’interesse alla prosecuzione del mandato del primo cittadino. Che oggi aspetta la Fiom per lo sciopero del centro sud Intorno alle 20 di ieri sera è scat­tato l’ennesimo colpo di scena nella vicenda di Luigi de Magi­stris, sin­daco (ex) sospeso. Il Con­si­glio di stato ha respinto i ricorsi del governo e di due asso­cia­zioni di cit­ta­dini con­tro la deci­sione del Tar Cam­pa­nia, il […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO LAVORO E SINDACATO E Renzi s’inventa gli «scioperati»

    E Renzi s’inventa gli «scioperati»

    Governo-sindacati. Nuovo attacco del premier: «C’è chi passa il tempo a cercare ragioni per scioperare». Camusso: «Non ha rispetto per i lavoratori». Barbagallo: «Le ragioni ci sono tutte» “Anzi­ché pas­sare il tempo a inven­tarsi ragioni per fare scio­peri, mi preoccupo di creare posti di lavoro per­ché c’è ancora tan­tis­simo da fare”. Invece del dia­logo con i sin­da­cati, Mat­teo Renzi con­ti­nua ad attac­carli. E ieri, di prima mat­tina sce­gliendo la radio, non ha lesi­nato frec­ciate pro­vo­ca­to­rie. «Ci sono stati più scio­peri in que­ste set­ti­mane […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA James K. Galbraith: «Cara Europa, il welfare è comune»

    James K. Galbraith: «Cara Europa, il welfare è comune»

    Intervista. L’economista James K. Galbraith: «Gli Usa sono usciti perché lo Stato sociale ha funzionato meglio. La Ue deve estendere al sud le garanzie del nord» Pro­fes­sore presso la Lyn­don B. John­son School of Public Affairs dell’Università del Texas, James Ken­neth Gal­braith è anche Senior Scho­lar presso il Levy Eco­no­mics Insti­tute of Bard Col­lege, mem­bro del comi­tato ese­cu­tivo della World Eco­no­mics Asso­cia­tion e mem­bro estero dell’Accademia dei Lincei. Lo abbiamo inter­vi­stato a Roma, dove si tro­vava per una serie di semi­nari e con­fe­renze. Qual­che […]

    Leggi tutto →