Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • APERTURA Landini contro il governo Renzi: “Stanchi di spot elettorali, slide e balle”

    Landini contro il governo Renzi: “Stanchi di spot elettorali, slide e balle”

    Non doveva essere una manifestazione contro Renzi, lo è diventata subito. E con attacchi a pallettoni: “E’ peggio di Berlusconi”. La manifestazione organizzata da Coalizione sociale e dal segretario della Fiom Maurizio Landini era partita con toni dimessi. Poi un crescendo di uscite contro il governo. “Oggi inizia una nuova primavera: Renzi stia tranquillo che noi abbiamo più consensi del governo”. Sono le prime parole pronunciate da Landini arrivando alla manifestazione partita da piazza della Repubblica a Roma. Nel mirino il Jobs […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Una forza unica, più grande e rappresentativa per la sinistra.

    Una forza unica, più grande e rappresentativa per la sinistra.

    Ieri si è svolta la direzione nazionale di Rifondazione Comunista. Per motivi personali non ho potuto parteciparvi. Intendo, tuttavia, esprimere il mio parere sulla decisione presa di commissariare tre federazioni: Venezia, Asti e Viareggio. Il mio parere è nettamente contrario. Fossi stato presente avrei votato contro. Vorrei ricordare che questi commissariamenti avvengono a poche settimane dal commissariamento di Genova e di una intera regione: le Marche. Il primo ragionamento che mi sento di fare è questo: può un partito che […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Landini alla piazza: “L’articolo 18 ce lo riprendiamo”

    Landini alla piazza: “L’articolo 18 ce lo riprendiamo”

    Decine di migliaia di persone al debutto del nuovo movimento lanciato dalla Fiom. «Renzi alleato a Confindustria e Bce: i diritti li riconquisteremo con i contratti e cancellando il Jobs Act». Il saluto di Rodotà, gli studenti e le associazioni. “Unions”, come agli albori del sindacato «Nei primi due mesi dell’anno sono stati assunti 79 mila lavo­ra­tori a tempo inde­ter­mi­nato? Bene, io vor­rei che ne fos­sero con­trat­tua­liz­zati milioni. E vi dico di più: que­sti non devono essere gli ultimi assunti con l’articolo […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA La misura della piazza

    La misura della piazza

     Se la misura della piazza serve a far capire la forza delle oppo­si­zioni sociali di un paese, si può dire senza dub­bio che piazza del Popolo a Roma ha dato un grande segnale. Con qual­che novità rispetto a molte mani­fe­sta­zioni degli ultimi anni. La pre­senza di tanti gio­vani, e quindi non solo dei valo­rosi pen­sio­nati della Cgil che di solito riem­piono i cor­tei sin­da­cali; il ritorno di molte ban­diere rosse, non del vec­chio Pci e tan­to­meno di quelle sbia­dite del Pd, ma della Fiom; l’entusiasmo della […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Con la Coalizione Sociale

    Con la Coalizione Sociale

    La cosa più divertente di oggi è leggere i commenti attorcigliati e impacciati di tutti quelli che hanno sperato che la manifestazione di ieri non avesse successo. È accaduto il contrario e quindi rosicano. Peggio per loro. La manifestazione è stata un successo di partecipazione, di lotta, con un significativo impatto politico. Avanti, dunque, su questa strada con la Coalizione Sociale per costruire una risposta concreta ed efficace alle fallimentari politiche liberiste.

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Sulla coalizione sociale

    Sulla coalizione sociale

    Il progetto di ” coalizione sociale” lanciato dalla FIOM potrebbe essere l’inizio di una ristrutturazione della sinistra e della nascita di un nuovo soggetto politico. O potrebbe presto risolversi nella inconcludenza e in nuove rotture all’interno di ciò che resta della sinistra politica e sociale. Io tendo a vedere nella mossa di Landini notevoli potenzialità che vanno colte e aiutate ad emergere 1) Comincio con una nota che avevo pubblicato il 30 NOVEMBRE DEL 2014 e che ritengo tuttora valida: […]

    Leggi tutto →
  • CULTURA Se ci privano del patrimonio artistico

    Se ci privano del patrimonio artistico

    Nei momenti di più cupo sconforto bisogna attaccarsi alle buone notizie e trarne l’energia per resistere e se possibile contrattaccare. Buone notizie sono oggi per me due nuovi libri che presentano fortissime consonanze. Parlo di Se Venezia muore di Salvatore Settis, di cui ho già recentemente scritto, e di Privati del patrimonio di Tomaso Montanari, due piccoli testi preziosi, editi entrambi da Einaudi nella stessa collana. Perché le considero due buone notizie? Perché in un tempo in cui la vulgata […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Oggi tutti “Unions”. Con la coalizione anti-Renzi

    Oggi tutti “Unions”. Con la coalizione anti-Renzi

    Debutta il movimento lanciato dalla Fiom: «Via il Jobs Act, servono nuovi diritti». Libera, Arci, Emergency. E poi Anpi, Articolo 21, gli studenti di Rete della conoscenza e tanti pezzi di Cgil. Società civile e sindacato da oggi ci provano. Insieme La piazza è pronta per la coa­li­zione sociale lan­ciata da Mau­ri­zio Lan­dini: lavo­ra­tori, stu­denti, asso­cia­zioni sfi­le­ranno oggi a Roma, da Piazza della Repub­blica (appun­ta­mento alle 14) a Piazza del Popolo per dire no alJobs Act e pro­porre una nuova «pri­ma­vera del lavoro». Que­sto […]

    Leggi tutto →