Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • APERTURA 10 punti per l’Europa sociale

    10 punti per l’Europa sociale

    Inizia il vero e proprio cammino elettorale per l’Europa non dei banchieri, per l’alternativa di sinistra, per un forte slancio progressista

    Leggi tutto →
  • APERTURA Vik, noi e la Palestina

    Vik, noi e la Palestina

    In memoria di un compagno, di un amico, di un fratello del popolo palestinese

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Lista Tsipras, l’impresa delle 220 mila firme in un mese

    Lista Tsipras, l’impresa delle 220 mila firme in un mese

    Verso le europee. Oggi la consegna degli scatoloni in 5 capoluoghi Oggi L’Altra Europa con Tsi­pras pre­senta la pro­prie liste elet­to­rali nei 5 capo­luo­ghi di cir­co­scri­zione, forte delle più di 220 mila firme rac­colte in un mese per ren­dere pos­si­bile la nostra par­te­ci­pa­zione alla sca­denza delle ele­zioni del Par­la­mento euro­peo. Lo faremo con ini­zia­tive gio­iose e colo­rate, intanto per­ché festeg­giamo que­sto risul­tato, che una legge elet­to­rale per­lo­meno di dub­bia legit­ti­mità costi­tu­zio­nale ren­deva quasi impos­si­bile da rea­liz­zare. E poi anche per­ché, per noi, la […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO L’equivalenza impossibile

    L’equivalenza impossibile

    Certe volte la memo­ria serve per dimen­ti­care. Se uno cam­bia la scritta sul can­cello di Ausch­witz e ci mette la P2 al posto di «Arbeit», non è una cita­zione, è una paro­dia. Come minimo, è una man­canza di rispetto. In realtà, è molto di più: la pre­tesa iper­bo­lica che i due ter­mini siano inter­cam­bia­bili ottiene il risul­tato non di accen­tuare l’importanza dell’elemento nuovo ma di smi­nuire il senso di quello vec­chio. Dav­vero Shoah e P2 si equi­val­gono? Oppure, ricor­darsi a spro­po­sito della Shoah per le beghe di casa […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA DIBATTITI SINISTRA NEL MONDO La sinistra che non c’è in Italia: Syriza e la politica radicale

    La sinistra che non c’è in Italia: Syriza e la politica radicale

    Libri. «Tsipras chi?» (edizioni Alegre), la storia di un partito raccontata da Matteo Pucciarelli e Giacomo Russo Spena Ale­xis Tsi­pras è il primo lea­der poli­tico euro­peo ad avere dato il nome ad una lista che si can­dida in un altro paese, l’Italia, alle pros­sime ele­zioni euro­pee di mag­gio. Que­sta ano­ma­lia, rac­con­tata in un repor­tage coin­vol­gente da Mat­teo Puc­cia­relli e Gia­como Russo Spena in Tsi­pras Chi? Il lea­der greco che vuole rifare l’Europa (Ale­gre), si spiega con la crisi senza uscita seguita all’implosione della […]

    Leggi tutto →
  • CUBA E DINTORNI ESTERI “Il socialismo resisterà. Il futuro di Cuba è nei giovani”

    “Il socialismo resisterà. Il futuro di Cuba è nei giovani”

    Conversazione con Arsenio Rodriguez, noto commentatore politico cubano Havana, aprile. “Decir mal del gobierno a Cuba, es el deporte national” (dire male del governo a Cuba, è lo sport nazionale): con questa espressione di sintesi, Arsenio Rodriguez, noto giornalista e commentatore politico, esprime il suo giudizio sulla situazione politica dell’isola caraibica e sul futuro del socialismo. Ex notista politico del Granma, giornale del Partito Comunista Cubano, per molti anni collaboratore e commentatore della “Mesa Redonda” (la Tavola Rotonda), seguito talk […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI EUROPA RUSSIA La Cia torna in soccorso a Kiev

    La Cia torna in soccorso a Kiev

    Ucraina. La Casa Bianca: nella capitale il capo dell’Agenzia John Brennan. Navi Usa nel Mar Nero I fatti si sus­se­guono, dalla notte di sabato alla serata di ieri, in un tur­bine di dichia­ra­zioni, azioni e rea­zioni, che sem­brano sem­pre di più por­tare il paese verso il bara­tro di una guerra civile. A que­sto si aggiun­gono fat­tori «esterni» che non aiu­tano certo un’eventuale solu­zione diplo­ma­tica. L’agenzia ucraina Inter­fax aveva dato una breve noti­zia circa la pre­sunta pre­senza di John Bren­nan, capo della Cia, […]

    Leggi tutto →
  • PARLIAMONE! Spesa militare, numeri da guerra fredda

    Spesa militare, numeri da guerra fredda

    Dati Sipri. Ogni minuto nel mondo si spendono 3,3 milioni di dollari per comprare armi Men­tre la stra­te­gia Usa/Nato pro­voca, con la crisi ucraina, un con­fronto Ovest-Est che riporta l’Europa a una situa­zione per certi versi ana­loga a quella della guerra fredda, i dati pub­bli­cati ieri dal Sipri (Isti­tuto inter­na­zio­nale di ricer­che sulla pace di Stoc­colma) con­fer­mano che la spesa mili­tare mon­diale (cal­co­lata al netto dell’inflazione per con­fron­tarla a distanza di tempo) è tor­nata ai livelli della guerra fredda: dopo essere calata dal 1991 al […]

    Leggi tutto →