Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • SOTTOLINEATO Chiara Saraceno: «Disoccupazione, l’antidoto è il reddito minimo»

    Chiara Saraceno: «Disoccupazione, l’antidoto è il reddito minimo»

    La sociologa, autrice de «Il lavoro non basta»: «Necessarie politiche sulla domanda di lavoro». Con il Jobs Act «continueranno a flessibilizzare i contratti, ma non ci sarà nuovo lavoro, solo il passaggio da un contratto all’altro» Pro­fes­so­ressa Chiara Sara­ceno, nel suo ultimo libro «Il lavoro non basta» (Fel­tri­nelli) sostiene che la crisi ha col­pito gio­vani, donne e minori. Per quale ragione? In ter­mini quan­ti­ta­tivi sono loro i più deboli, ma ci sono anche i lavo­ra­tori anziani espulsi dal mer­cato del lavoro, assi­mi­la­bili alla […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Che cos’hanno in comune e che cosa no

    Che cos’hanno in comune e che cosa no

    Sulle differenze e le somiglianze tra Podemos e Movimento 5 Stelle ho letto in questi giorni un po’ di imprecisioni, diciamo. Per il sito del mio giornale ho quindi cercato di mettere giù alcuni punti, che copioincollo qui di seguito. Osservazioni e critiche, come sempre, sono benvenute. Principali somiglianze 1. Lotta alla casta e alla corruzione. Sono caratteristiche comuni dei due movimenti, che ad essa danno ugualmente assoluta priorità. 2. Superamento di destra e sinistra. Anche Podemos, come il M5S, […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Gioventù senza arte né parte

    Gioventù senza arte né parte

    Gli under 30 le vittime meno visibili, perché un lavoro non l’hanno mai avuto.

    Leggi tutto →
  • APERTURA Tutti a Roma alla prima assemblea nazionale della Coalizione Sociale

    Tutti a Roma alla prima assemblea nazionale della Coalizione Sociale

    Il 6 e il 7 giugno saremo tutti a Roma alla prima assemblea nazionale della Coalizione Sociale. La cosa più sbagliata che si possa fare è contrapporre l’iniziativa della Coalizione Sociale con il processo riaggregativo e unitario della Sinistra. Servono entrambe le cose! Il problema però è che se non si mettono in movimento energie nuove e se non si costruisce, anche da noi, come avvenuto in Grecia e in Spagna, una forte mobilitazione sociale contro le politiche di austerità, il […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI EUROPA Podemos, quel filo diretto tra conflitto e voto

    Podemos, quel filo diretto tra conflitto e voto

    «Oggi in Spa­gna, domani in Ita­lia». Dopo l’inattesa (almeno in que­sti ter­mini) affer­ma­zione delle forze di alter­na­tiva al di là dei Pire­nei, ver­rebbe spon­ta­neo da noi rilan­ciare que­sto vec­chio ada­gio ros­sel­liano. Si tratta però, a ben vedere, più di un wish­ful thin­king che di una parola d’ordine con basi con­crete. Basta, per accor­ger­sene, rivol­gere un rapido sguardo alle ragioni di fondo di quanto acca­duto in Spa­gna. Dove le grandi capi­tali sono state con­qui­state dal polie­drico movi­mento poli­tico espres­sione della rivolta del […]

    Leggi tutto →
  • CUBA E DINTORNI ESTERI Che succederà a Cuba?

    Che succederà a Cuba?

    Che succederà a Cuba, dopo il “disgelo” con gli Stati Uniti? Anche l’ultima oasi del comunismo è destinata a (ri)cadere sotto il controllo degli Usa, a cambiare con la forza dei dollari e far diventare definitiva la vittoria del liberismo nel mondo? La comunità internazionale, a prescindere dalla risposta che ciascuna componente auspica o immagina per questi interrogativi, ha gioito per la nuova pagina che si è aperta nelle relazioni tra i due Paesi. Gli unici a mantenere i musi […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Civati lancia «Possibile», Landini low profile

    Civati lancia «Possibile», Landini low profile

    A giorni nasce il partito. Fiom defilata nella due giorni di lancio. «Non escludiamo nessuno», dice l’ex pd. Ma c’è già chi si sente sorpassato. Il sindacalista cerca di non personalizzare il nuovo progetto Pippo Civati acce­lera e infa­sti­di­sce i pos­si­bili alleati. Mau­ri­zio Lan­dini invece defila se stesso e la Fiom all’interno della Coa­li­zione sociale. Il suc­cesso di Pode­mos e dei movi­menti spa­gnoli con­ti­nua ad agi­tare le acque a sini­stra del Pd. Con com­por­ta­menti oppo­sti e — le solite — pole­mi­che tra pos­si­bili com­pa­gni di […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Appello al parlamento: «Sosteniamo la Grecia»

    Appello al parlamento: «Sosteniamo la Grecia»

    Care depu­tate e cari depu­tati, care sena­trici e cari sena­tori, il nego­ziato isti­tu­zioni euro­pee, cre­di­tori e la Gre­cia sta arri­vando alla stretta finale. È evi­dente che esito del nego­ziato avrà serie con­se­guenze sul futuro della stessa Unione Euro­pea. Il governo greco sta cer­cando di rag­giun­gere un accordo ono­re­vole che rispetti sia gli obbli­ghi della Gre­cia come stato mem­bro della Unione Euro­pea, sia il man­dato elet­to­rale del popolo greco. Ha finora ono­rato tutti i debiti solo con le pro­prie risorse, in una per­ma­nente ed orche­strata asfis­sia di […]

    Leggi tutto →