Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • ECONOMIA E LAVORO I “numerini” su occupazione e Pil

    I “numerini” su occupazione e Pil

    Erano attesi i dati dell’Istat sull’occupazione, soprat­tutto dopo la figura non lun­gi­mi­rante del mini­stero del Lavoro e l’infaticabile opera del governo, lo sto­ry­tel­ling del pre­mier Mat­teo Renzi, che deni­gra la sta­ti­stica uffi­ciale rele­gando il tutto a un «sono sol­tanto numerini». Nel tri­me­stre del 2015, il tasso di occu­pa­zione aumenta dello 0,6% su base annua, atte­stan­dosi al 56,3%, accom­pa­gnato dall’aumento del numero degli occu­pati (+180 mila unità), che ha ini­zio quindi ben prima delle riforme del governo Renzi. Entrambe le com­po­nenti di genere sono […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI Strasburgo condanna l’Italia per violazione dei diritti umani

    Strasburgo condanna l’Italia per violazione dei diritti umani

    Una goc­cia di giu­sti­zia in un mare di morte e dispe­ra­zione. Men­tre di ora in ora viene aggior­nata la conta dei vivi e dei morti che si avven­tu­rano nel tratto di mare più peri­co­loso del mondo — 351 mila per­sone dall’inizio dell’anno secondo l’Organizzazione inter­na­zio­nale per le migra­zioni (Oim) — l’Italia viene con­dan­nata dalla Corte euro­pea dei diritti dell’uomo di Stra­sburgo per vio­la­zione dei diritti umani. Si tratta di una sin­gola sto­ria che riguarda tre ragazzi tuni­sini e risale al 2011 ma è esem­plare […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI Budapest, fine corsa

    Budapest, fine corsa

    Ieri la sta­zione Keleti (Orien­tale) di Buda­pest è stata chiusa per un’ora, il tempo di disper­dere i migranti che si erano accal­cati in cerca di un treno per poter final­mente pro­se­guire il loro viag­gio verso Ovest. La piazza davanti alla sta­zione è stata sgom­be­rata dalla poli­zia con i lacri­mo­geni e nem­meno dopo la ria­per­tura dello scalo ai migranti è stata data la pos­si­bi­lità di rien­trare e avvi­ci­narsi ai binari nella spe­ranza di acchiap­pare quel famoso treno verso una vita nuova. L’impossibilità per molti di par­tire ha fatto […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI 70 anni dopo, Pechino torna al centro del mondo

    70 anni dopo, Pechino torna al centro del mondo

    Si com­me­mora la kang­z­han shen­gli, la vit­to­ria della guerra di resi­stenza con­tro il Giap­pone. E Pechino torna ad essere blin­data come ai tempi delle Olim­piadi o dei 60 anni della Repub­blica popo­lare, o i 90 del par­tito comunista. Gior­nate durante le quali, cam­mi­nando per Pechino, si viene sof­fo­cati da un tram­bu­sto biz­zarro, un tre­more della strada che spinge ad alzare lo sguardo. Per sco­prire che quel rumore è dovuto alle mano­vre dei tank per le vie della capi­tale. Tia­nan­men, il ful­cro della parata di […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Verso la mobilitazione del 17 Ottobre: Assemblea Nazionale a Roma il 13 Settembre

    Verso la mobilitazione del 17 Ottobre: Assemblea Nazionale a Roma il 13 Settembre

    In questi anni di crisi, austerità e ricatto del debito pubblico, chi in alto ha deciso e imposto l’austerità e accresciuto le diseguaglianze ha convinto gran parte della popolazione che soffre gli effetti della crisi che la responsabilità di tale situazione non fosse di chi ha causato la crisi e con la crisi si è arricchito, ma di noi cittadini. Come se la causa della povertà e delle diseguaglianze fossero i diritti dei lavoratori, la pensione, la scuola e l’università […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Il risveglio del premier pifferaio

    Il risveglio del premier pifferaio

    Il Pil in crescita. Migliorano i numeri, ma non c’è ancora il “cambio di verso”

    Leggi tutto →
  • APERTURA Lavoro, a settembre riapre l’ufficio propaganda Renzi

    Lavoro, a settembre riapre l’ufficio propaganda Renzi

    Sostiene Mat­teo Renzi che la revi­sione della cre­scita del Pil nel secondo tri­me­stre 2015 (dallo 0,2 allo 0,3 men­sile e dallo 0,5 allo 0,6 annuo) ope­rata ieri dall’Istat sia una buona noti­zia. Così come sarebbe buona la stima per cui la cre­scita degli occu­pati (+ 0,8% e di 180 mila unità in un anno) è trai­nata dagli ultra­cin­quan­tenni (+5,8%), trat­te­nuti al lavoro dall’inasprimento dei requi­siti impo­sti dalla riforma For­nero a dispetto dei più gio­vani dall’età com­presa tra i 15 e i 34 anni (-2,2%) e 35–49 anni […]

    Leggi tutto →
  • PARLIAMONE! L’iniezione che serve a Pechino

    L’iniezione che serve a Pechino

    Il crollo della Borsa di Shan­gai non è stato un inci­dente di per­corso, ma il segno tan­gi­bile che anche il modello di accu­mu­la­zione cinese è ormai subal­terno alle dina­mi­che della finanza glo­ba­liz­zata. Nel modo di pro­du­zione capi­ta­li­stico i crolli finan­ziari sono fisio­lo­gici e ser­vono a redi­stri­buire la ric­chezza finan­zia­ria dal basso verso l’alto, a con­tri­buire deci­sa­mente a quel pro­cesso di concentrazione/centralizzazione del capi­tale che a metà del XIX secolo Marx aveva genial­mente intuito. Nel caso cinese, per spie­garci meglio, sono i novanta milioni di pic­coli e medi rispar­mia­tori che ave­vano […]

    Leggi tutto →