Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • APERTURA La festa che lavora

    La festa che lavora

    Un calendario di dibattiti ricchissimo di ospiti e di proposte per l’unità della sinistra che, oggi più che mai, è l’esigenza primaria

    Leggi tutto →
  • APERTURA Un passo di pace

    Un passo di pace

    Fermare le guerre, ridare alla politica e alla diplomazia i rispettivi ruoli. A Firenze il 21 settembre

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO La radicalità di Renzi è una buona occasione

    La radicalità di Renzi è una buona occasione

    Raccogliere la sfida del premier per un confronto tra le diverse anime del partito verso un sommovimento benefico nel frazionato campo della sinistra italiana La si può rac­con­tare come si vuole, ma quello mosso da Renzi nel comi­zio finale della Festa del Pd è stato un attacco con­tro i dis­si­denti e i recal­ci­tranti del suo par­tito. Un’invettiva det­tata dalla volontà di neu­tra­liz­zare ogni oppo­si­zione interna che nes­suna vischiosa prof­ferta uni­ta­ria può dis­si­mu­lare. Chi ha tra­dotto senza abbel­li­menti quel discorso ha evo­cato a ragione una […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Operazione Isis, l’obiettivo è la Cina

    Operazione Isis, l’obiettivo è la Cina

    Stati uniti. Secondo una società collegata alla Cia, gli islamisti punterebbero al sud est asiatico Men­tre l’Isis dif­fonde attra­verso le com­pia­centi reti media­ti­che mon­diali le imma­gini della terza deca­pi­ta­zione di un cit­ta­dino occi­den­tale, suona un altro cam­pa­nello di allarme: dopo essersi dif­fuso in Siria e Iraq, l’Isis sta pene­trando nel Sud-Est asia­tico. Lo comu­nica la Muir Ana­ly­tics, società che for­ni­sce alle mul­ti­na­zio­nali «intel­li­gence con­tro ter­ro­ri­smo, vio­lenza poli­tica e insur­re­zione», facente parte dell’«indotto» della Cia in Vir­gi­nia, usata spesso dalla casa madre per […]

    Leggi tutto →
  • L'EUROPA Alexis Tsipras presenta il programma di governo

    Alexis Tsipras presenta il programma di governo

    Grecia. Comizio a Salonicco: «Vogliamo elezioni al più presto» Il pre­si­dente del par­tito della sini­stra radi­cale greca Ale­xis Tsi­pras nel fine set­ti­mana a Salo­nicco, ha pre­sen­tato il nuovo volto gover­na­tivo di Syriza. «Vogliamo ele­zioni poli­ti­che al più pre­sto– ha detto– per­ché più il governo del con­ser­va­tore Anto­nis Sama­ras rimane al suo posto più si aggrava la crisi uma­ni­ta­ria che col­pi­sce gli strati popo­lari e più si rende dif­fi­cile la ripresa e l’uscita dalla crisi». Per la prima volta Tsi­pras ha affron­tato il pro­blema eco­no­mico […]

    Leggi tutto →
  • L'EUROPA Vincono gli eurofobi e nostalgici

    Vincono gli eurofobi e nostalgici

    Germania. Alternative für Deutschland è il vincitore morale delle elezioni in Brandeburgo e Turingia. La Cdu suggerisce a Merkel l’alleanza, ma la cancelliera è ferma: «Nessun dialogo con gli anti-europeisti» «Più ci snob­bano, più cre­sciamo»: que­sto il minac­cioso mes­sag­gio che un rag­giante Bernd Lücke ha inviato ieri alla can­cel­liera Mer­kel. Il lea­der degli euro­fobi di Alter­na­tive für Deu­tschland (AfD) è il vin­ci­tore morale delle ele­zioni di dome­nica in Bran­de­burgo e Turin­gia: il suo par­tito ha otte­nuto risul­tati a dop­pia cifra (rispet­ti­va­mente 12,2% e 10,6%), […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI MEDIO ORIENTE PALESTINA - ISRAELE Dopo Gaza il Libano

    Dopo Gaza il Libano

    Israele. Mentre Gaza è dimenticata dai mezzi d’informazione, la tensione cresce al nord, lungo il confine con il Libano. Domenica, rivolgendosi a un gruppo di giornalisti, un alto ufficiale israeliano del comando settentrionale ha fatto riferimento a una “guerra preventiva” contro Hezbollah Oscu­rata dalle noti­zie sulla Inven­ci­ble Armada che si sta costruendo con­tro lo Stato Isla­mico, Gaza è spa­rita dalle cro­na­che e le deva­stanti con­se­guenze nella Stri­scia dei bom­bar­da­menti israe­liani sono trat­tate come un disa­stro natu­rale al quale si vuole dare una […]

    Leggi tutto →
  • AFRICA ESTERI GUERRE E PACE MEDIO ORIENTE Guerra per procura tra Egitto e Qatar

    Guerra per procura tra Egitto e Qatar

    Libia nel caos. Il paese nord africano precipita sempre più verso una situazione simile alla Somalia Die­tro la tra­ge­dia delle cen­ti­naia di vit­time migranti nei nau­fragi davanti alle coste libi­che, c’è il caos della guerra tra mili­zie. Per­ché in Libia si con­ti­nua a com­bat­tere. Nel mirino del gene­rale Kha­lifa Haf­tar sono ora i jiha­di­sti di Ansar al-Sharia che hanno con­qui­stato le basi mili­tari della seconda città libica, pro­cla­mando l’Emirato di Ben­gasi nell’agosto scorso. Ieri tre sol­dati filo-Haftar sono rima­sti uccisi in un […]

    Leggi tutto →