Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • PARLIAMONE! I compiti a casa del genere umano

    I compiti a casa del genere umano

    A dare ascolto al vecchio Marx, «l’umanità si pone soltanto i compiti che essa può risolvere». Ho scritto “il vecchio”, ma in verità, quando enunciò questa ottimistica sentenza, a poco più di dieci anni dalla rivoluzione del 1848, era un quarantenne in pieno vigore. La rivoluzione non aveva dato i risultati sperati dal Manifesto dei comunisti, ma una grande rottura c’era stata. Era caduta l’illusione della Restaurazione – quella di avere sconfitto assieme alla Francia le idee della Rivoluzione francese […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI La Nato interviene nella crisi dei profughi

    La Nato interviene nella crisi dei profughi

    La Nato è pronta “a sostenere e partecipare a un’operazione navale di sorveglianza del Mar Egeo”, ha dichiarato ieri il segretario alla Difesa Usa, Ashton Carter. Il segretario generale della Nato, Jean Stoltenberg ha precisato che il comandante delle forze alleate in Europa, Philip Breedlove, “sta ordinando al gruppo navale permanente di recarsi nel Mare Egeo senza tardare e iniziare l’attività di sorveglianza”. La Germania ha difatti chiesto che l’operazione parta il più in fretta possibile. La Nato ha pero’ […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI Trivelle, niente election day. Il governo teme il quorum

    Trivelle, niente election day. Il governo teme il quorum

    Il governo fa ciò che ritiene più comodo: conferma il no categorico all’election day. Il voto delle amministrative non sarà accorpato a quello del referendum antitrivelle. Perché? Perché così è facile che non si raggiunga il quorum e Renzi potrà cantare vittoria. Bastava un decreto e, unendo le due consultazioni, si sarebbero risparmiati tra i 350 e i 400 milioni. Invece non ha prevalso il buon senso. Né l’interesse pubblico. E il consiglio dei ministri ha fissato la data del […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI La bolla Cei: serve il voto segreto

    La bolla Cei: serve il voto segreto

    «Ci auguriamo che il dibattito in Parlamento e nelle varie sedi istituzionali sia ampiamente democratico, che tutti possano esprimersi, che le loro obiezioni possano essere considerate e che la libertà di coscienza su temi fondamentali per la vita della società e delle persone sia, non solo rispettata, ma anche promossa con una votazione a scrutinio segreto». Più chiaro di così, neanche fosse un parlamentare della Repubblica italiana, anzi il capo dei parlamentari, ieri il cardinal Bagnasco, presidente della Cei, ha […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA La recessione globale

    La recessione globale

    Arriva la tempesta l’Italia sprofonda. E non è questione di decimali.

    Leggi tutto →
  • APERTURA Riyadh: «L’intervento in Siria? Finale e irreversibile»

    Riyadh: «L’intervento in Siria? Finale e irreversibile»

    La decisione di schierare le truppe in Siria è «finale e irreversibile». Le parole del generale Al-Asseri, capo della coalizione a guida saudita in Yemen, aprono alla guerra: l’Arabia saudita è «pronta» a combattere il terrorismo in Siria. Dietro alle intenzioni saudite c’è ovviamente una preda molto più ambita dell’Isis. Ci sono il presidente Assad e le sue rinnovate fortune, frutto dell’alleanza militare con la Russia e della (per ora) vincente controffensiva su Aleppo. Di questo Riyadh ha discusso con […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO Il capro espiatorio delle nostre crisi

    Il capro espiatorio delle nostre crisi

    La grande migrazione diretta in Europa è un fatto storico che nel tempo inciderà sempre più sui suoi assetti demografici, sociali, politici, sui modelli culturali. Di fronte a questo dato di fatto, governanti di diversi paesi dell’Ue e alcuni esponenti delle istituzioni comunitarie, da un lato, sottolineano la portata dei flussi migratori in termini esclusivamente negativi e minacciosi, dall’altro, promettono di arrestarli con muri, rimpatri e perfino finanziando altri paesi perché facciano da guardiani ai confini. E’ del tutto evidente […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO La rivoluzione cristiana a Cuba

    La rivoluzione cristiana a Cuba

    Diciamola tutta: non è un annunzio di quelli che possono lasciare indifferenti. Nel novembre 2014, conversando con i giornalisti in aereo durante il viaggio di ritorno dalla Turchia, papa Francesco aveva risposto a un giornalista che gli aveva domandato qualcosa a proposito di un probabile incontro con il patriarca moscovita Kirill: «Gli ho detto: — Io vengo dove tu vuoi. Tu mi chiami e io vengo -; e anche lui ha la stessa volontà». Ora, il capo della Chiesa cattolica […]

    Leggi tutto →