Dal supermarket all’articolo 18 le priorità dell’«altro» sindacato

sabato, 23 febbraio, 2013 14:26 0 commenti

Cosa chiedono al futuro governo Cantone (Spi), Rinaldini, Pantaleo (Flc) e Tomaselli (Usb)

thumbnail_526_articolo18C’è chi chiede più borse di studio, e chi un accordo politico per abbassare i prezzi del carrello della spesa. C’è anche chi chiede di abrogare le leggi varate dalla ministra Fornero, e chi infine il ripristino integrale dell’articolo 18. I rappresentanti del sindacato si preparano al «nuovo corso» che si definirà la settimana prossima, quando il quadro politico cambierà (comunque vada) e si dovrà formare un governo che, «amico» o no, sarà comunque (insieme alle imprese) la principale controparte. Allora abbiamo fatto un giro tra alcuni sindacalisti, per capire che aria tiri: cosa chiedano per i primi 100 giorni, cosa per i prossimi 5 anni, e che idea si siano fatti dei futuri equilibri politici.
Carla Cantone, segretaria Spi Cgil (i pensionati, ben 2,99 milioni di iscritti) indica 5 priorità assolute, da realizzare prima possibile: «I miei primi cento giorni? Idealmente il nuovo governo – spiega – dovrebbe ripristinare i fondi per la sanità e i non autosufficienti, e abolire i ticket per le fasce medio-basse. Poi dovrebbe cancellare il blocco della rivalutazione delle pensioni; aprire subito un tavolo con le organizzazioni dei pensionati; tradurre in una legge applicativa l’articolo 39 della Costituzione, quello sulla rappresentanza sindacale».
L’ultima «richiesta» Spi la teniamo a parte, perché è originale e non l’ha citata che Carla Cantone: «Si dovrebbero abbassare i prezzi dei prodotti di prima necessità, con un accordo con governo e grande distribuzione. Ci sono 6 milioni di persone che vivono con meno di 700 euro al mese e i carrelli della spesa sono sempre più vuoti». Quanto a una possibile alleanza Bersani-Vendola-Monti, Cantone dice «no grazie»: «Gradirei ci fermassimo a un Bersani-Vendola», conclude netta.
Su un altro fronte troviamo l’Usb, il sindacato di base con circa 200 mila iscritti. «Dobbiamo capire che il problema sta a monte – spiega Fabrizio Tomaselli, dell’esecutivo nazionale – Se prima non ridiscutiamo il Fiscal compact e i trattati europei, che ci mettono in mano alle banche, è inutile ipotizzare patrimoniali o altri mezzi per ottenere risorse. Il Fiscal compact ci impone di trovare 50 miliardi da qui al 2014 per il debito e sempre con l’ottica del rigore, quindi finché non si cambia quello non si possono mettere in campo investimenti. Io chiederei quindi che le sinistre propongano un referendum su quei trattati». Al futuro governo, l’Usb chiederà «l’abrogazione delle riforme Fornero su pensioni e lavoro, con il ripristino dell’articolo 18 pieno»; «l’abrogazione dell’articolo 8 di Sacconi», e «una legge sulla rappresentanza che tuteli tutti»: «Perché non ci piace l’accordo del 28 giugno confederali-Confindustria, e anzi il 13 marzo presenteremo la nostra alternativa». E il voto? «Non diamo indicazioni, ma segnalo che Ingroia, i grillini e Ferrando sono stati gli unici a incontrarci, mentre la Carta di intenti Pd-Vendola mi pare una fotocopia dell’agenda Monti».
Tornando alla Cgil, sentiamo Domenico Pantaleo, segretario Flc (scuola, ricerca, università, 198 mila iscritti): «Come primo punto – spiega – chiederei di allineare le spese per il nostro settore alla media Ocse: servono 16 miliardi di euro aggiuntivi in 5 anni. Poi si dovrebbe sbloccare la contrattazione, da noi come in tutto il pubblico impiego; stabilizzare i precari, solo nella scuola sono oltre 180 mila; mettere su un Piano nazionale per le infrastrutture di scuole, università e laboratori di ricerca; e infine un reale diritto allo studio, non solo all’università, ma anche nei licei, perché ormai le scuole chiedono i soldi alle famiglie per andare avanti». Quanto al voto e alle future alleanze, anche Pantaleo non dà indicazioni: «Mi permetto di segnalare – dice però – che il programma di Bersani e Vendola è totalmente incompatibile con quello di Monti».
E infine la minoranza Cgil, con Gianni Rinaldini: «Per far tornare al centro il lavoro e i diritti – spiega – bisogna essere alternativi al montismo e al berlusconismo. Bisognerà prima di tutto cancellare l’articolo 8 e ripristinare pienamente l’articolo 18, oltre ad affrontare i temi dello sviluppo, delle piccole e medie imprese e della precarietà». Gianni Rinaldini non fa mistero su chi voterà, lo ha dichiarato da tempo: «Voterò Rivoluzione civile».

An. Sci. - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • PARLIAMONE! Con Syriza e Podemos, la sinistra europea riscopre la patria

    Con Syriza e Podemos, la sinistra europea riscopre la patria

    Sinistra e patriottismo non sono sempre andati d’accordo, specie in Europa. Qualcosa sta cambiando, con tonalità diverse. Syriza è il frutto di una travagliata e progressiva ricomposizione della complessa storia delle sinistra greca. Alla base di tale ristrutturazione vi è un’accoppiata singolare: sovranità nazionale e interesse popolare. Podemos in Spagna ha un’origine del tutto diversa ma condivide con il partito greco la stessa intuizione: ridare sovranità al popolo. Per entrambi un nuovo modo di essere patriottici. L’austerità non è legittima […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA SINISTRA NEL MONDO Popolari e socialisti a tenaglia contro Podemos

    Popolari e socialisti a tenaglia contro Podemos

    Verrà l’apocalisse e avrà il codino di Pablo Igle­sias. Que­sto, in sostanza, il nucleo della stra­te­gia difen­siva del Pp, che sente il fiato di Pode­mos sul collo e sta affi­lando i col­telli per evi­tare un pos­si­bile passo falso alle regio­nali di maggio. La tat­tica è chiara: instil­lare la paura del cam­bio nell’elettorato e ven­dere, ben con­fe­zio­nata, la bugia della ripresa (un vero man­tra della cam­pa­gna del Pp) con­tro la sup­po­sta desta­bi­liz­za­zione incar­nata da Podemos. Con l’appoggio, peral­tro, dalla stampa mag­gio­ri­ta­ria (com­preso El País), che negli […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO MONDO PRECARIO Istat, disoccupazione 2014 al 12,7%: record dal 1977. Nel 2013 era del 12,1%

    Istat, disoccupazione 2014 al 12,7%: record dal 1977. Nel 2013 era del 12,1%

    Nel 2014 il tasso di disoccupazione è salito in Italia al 12,7% dal 12,1% del 2013. Lo rende noto l’Istat, specificando che il dato annuale è il massimo mai registrato dal 1977. Ma l’inizio del 2015 mostra un segnale di ripresa. Gli occupati a gennaio 2015 sono 22 milioni e 320.000, sostanzialmente invariati rispetto a dicembre (+11.000), ma in aumento dello 0,6% su base annua (+131.000). Il tasso di occupazione sale al 55,8%, 0,1 punti percentuali in più su base […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI PALESTINA - ISRAELE Il Pd ha riesumato Ponzio Pilato in Palestina

    Il Pd ha riesumato Ponzio Pilato in Palestina

    Il governo Ita­liano il 29 Novem­bre 2012 alle Nazioni Unite aveva votato sì al rico­no­sci­mento dello Stato di Pale­stina sui con­fini del 67 con Geru­sa­lemme est sua capi­tale. Il par­la­mento ita­liano il 27 feb­braio que­sto avrebbe dovuto fare un atto di coe­renza e di giu­sti­zia da lungo tempo dovuto. Il voto di mag­gio­ranza del Par­la­mento, è invece un’onta al diritto inter­na­zio­nale e all’autodeterminazione di un popolo che dal 1967, vive sotto occu­pa­zione mili­tare, senza libertà e vede cre­scere, in quello che dovrebbe essere lo […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA «Una sfida che vinceremo insieme»

    «Una sfida che vinceremo insieme»

    Il nuovo segretario di Syriza, che pro­viene dai gio­vani di Syna­spi­smos, è stato eletto dal Comi­tato cen­trale con 102 voti Tasos Koronakis: «Cercheremo alleanze contro il fronte dell’austerità»

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO La Grecia, ultimo test per salvare l’Europa

    La Grecia, ultimo test per salvare l’Europa

    Secondo i dati eco­no­mici più recenti, sia gli Stati uniti che l’Europa stanno mostrando segnali di ripresa, anche se è pre­sto per dichia­rare la fine dalla crisi. Nella mag­gior parte dei paesi dell’Unione euro­pea, il Pil pro capite è ancora infe­riore al periodo pre­ce­dente la crisi: un intero decen­nio per­duto. Die­tro alle fredde sta­ti­sti­che, ci sono vite rovi­nate, sogni sva­niti e fami­glie andate a pezzi (o mai for­ma­tesi), un futuro quanto mai pre­ca­rio per le gene­ra­zioni più gio­vani, men­tre la sta­gna­zione – in Gre­cia la […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Cuperlo: se il Pd vira a destra non è più casa mia

    Cuperlo: se il Pd vira a destra non è più casa mia

    Appello delle minoranze a Renzi: sei a capo di un servizio d’ordine o di un partito? Ma poi le sinistre si dividono: i bersaniani ‘collaborativi’ si vedono il 14 marzo a Bologna

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Fiat Melfi, si licenziano in venti: “Ritmi infernali, non hanno retto”

    Fiat Melfi, si licenziano in venti: “Ritmi infernali, non hanno retto”

    Erano stati assunti dopo un lungo e difficile processo di selezione, ma il loro sogno è durato lo spazio di qualche settimana. Stremati dai ritmi della catena di montaggio e delusi dalle prospettive lavorative, una ventina di neoassunti della Fiat di Melfi ha deciso di lasciare il posto dopo appena pochi giorni di lavoro. La loro decisione sarebbe dovuta a un’incomprensione con l’azienda: “I neoassunti si aspettavano un lavoro all’altezza delle loro qualifiche, ma dopo una settimana di formazione sono finiti a lavorare […]

    Leggi tutto →