Debito pubblico, decido anch’io

martedì, 5 novembre, 2013 13:34 0 commenti

Una rete per decidere cosa fare dei nostri soldi. Per ricordare a tutti gli italiani che dal 1992 abbiamo tagliato 672 miliardi di euro in spese e investimenti. E se abbiamo oltrepassato i 2mila miliardi di debito non è perché siamo «cicale irresponsabili» ma per gli interessi che dal 1980 sono costati ben 2.230 miliardi di euro

debito_pubblico_italiano_nuovo_record_toccata_a_marzo_quota_2_034_7_miliardi-0-0-363886Da più parti si sente dire che faremo la fine della Grecia: disoccupazione alle stelle, servizi soppressi, povertà dilagante. Ma se così sarà per gli effetti, non altrettanto si può dire per le strategie.
Quando, nel 2010, la Troika atterrò ad Atene, i conti della finanza pubblica greca facevano tremare i polsi ai creditori. Le entrate fiscali non coprivano neanche la spese della macchina pubblica, figurarsi se c’erano soldi per gli interessi. Il rischio era che la Grecia diventasse un debitore insolvente, procurando guai non tanto al suo popolo, quanto alle banche di mezza Europa che avevano i cassetti pieni di titoli del debito greco. Perciò intervennero i mastini del capitalismo finanziario mondiale per costringere Atene a organizzarsi affinché i soldi per gli interessi venissero trovati. Non importa se per riuscirci bisognava affamare i bambini, costringerli all’analfabetismo e alla morte per tetano. L’importante è che da qualche parte i soldi saltassero fuori. Perché l’unico obiettivo perseguito dal Fondo Monetario Internazionale, dall’Unione Europa e la Banca Centrale Europea, la troika appunto, è garantire gli interessi ai creditori, che poi sono quel famoso 1% della popolazione mondiale che da sola controlla il 40% dell’intero patrimonio privato mondiale.
E benché strutture pubbliche, che funzionano con i soldi di tutti (per cui dovrebbero prendere le nostre difese, non delle banche), non appena uno stato è in affanno i tre gendarmi gli saltano addosso per imporgli la solita camicia di forza: più tasse e meno spese in modo da generare un avanzo da destinare agli interessi. Eppure lo sanno che per questa strada si arriva a quel disastro economico che oltre a creare disoccupazione e povertà mette sempre più a repentaglio la finanza pubblica. Perché se l’economia si contrae si riduce, anche il gettito fiscale e i conti dello stato entrano in un circuito perverso che impone altri aumenti fiscali e altri tagli alle spese come unico modo per recuperare le somme da dare ai creditori. I signori della Troika lo sanno che in fondo a questo percorso non c’è che la morte del paese, ma vanno avanti imperterriti come lupi attratti dal sangue. E di fronte a una Grecia con un buco di bilancio colossale, non hanno sentito ragioni: hanno messo i greci in catene e hanno saccheggiato le loro case per prendersi tutte le cibarie possibili da consegnare ai creditori.
Mossa rischiosa, perché quando un popolo è sottoposto a sacrifici pesanti può anche ribellarsi nell’impeto dell’esasperazione. E allora addio sogni di gloria, perché nei conflitti sociali non si sa chi ne uscirà vittorioso. Non a caso le elezioni greche del 2012, con Syriza diventato secondo partito del paese, hanno tenuto il potere finanziario col fiato sospeso. Il che conferma che quando le condizioni lo permettono, il potere preferisce le mazzate per piccole dosi, perché inducono i popoli alla sottomissione per la nostra innata propensione ad adattarci alle piccole malversità. Se non fosse che di malversità in malversità si può arrivare alla morte.
In Italia si adotta la strategia delle piccole mazzate, anche detta del rospo bollito, da una trentina di anni ed è anche per questo se ci pieghiamo con estrema docilità alle politiche di austerità imposte dall’Unione Europea.
Controllando i numeri ci accorgiamo che l’Italia in austerità c’è dal 1992, come dimostrano gli avanzi primari che da allora produciamo ogni anno. Detta in un altro modo, dal 1992 le nostre spese per servizi e investimenti sono sempre state al di sotto del gettito fiscale. Ciò non di meno continuiamo a ripetere come un mantra che siamo indebitati perché abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e che i sacrifici a cui siamo sottoposti sono la giusta punizione per i nostri stravizi.
Qualcuno dovrà ben raccontarlo agli italiani che dal 1992 abbiamo risparmiato 672 miliardi di euro e se abbiamo oltrepassato i 2000 miliardi di debito non è per effetto delle nostre serate galanti, ma degli interessi che dal 1980 ci sono costati 2230 miliardi di euro. Ma chi lo farà? Non certo i partiti, le televisioni o i giornali. A loro i cittadini servono acefali.
La nostra unica speranza risiede in noi stessi, nella nostra capacità di auto-organizzarci. Per questo il Centro Nuovo Modello di sviluppo ha lanciato la campagna «Debito pubblico decido anch’io» con lo scopo di favorire l’attività dei gruppi locali decisi a promuovere sul proprio territorio l’informazione e l’attenzione sul debito pubblico attraverso le iniziative più varie: dalle rappresentazioni teatrali ai giochi di strada, dai momenti informativi ai dibattiti in consiglio comunale, dal controllo popolare sui bilanci comunali, alle verifiche sulle gare d’appalto.
Il primo obiettivo della campagna è favorire i contatti. Spesso le iniziative stentano a decollare semplicemente perché i militanti di uno stesso territorio non si conoscono fra loro. Per questo, il Centro invita chiunque condivida la campagna a segnalare la propria disponibilità tramite il formulario approntato nella pagina della campagna «Debito pubblico decido anch’io» pubblicata nel sito www.cnms.it
I dati raccolti serviranno a facilitare la formazione dei nodi locali, a partire dai quali potranno essere organizzati corsi e scambi di esperienze a livello regionale e nazionale.

Francesco Gesualdi - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA Allarme in Merkelandia: è deflazione

    Allarme in Merkelandia: è deflazione

    In attesa che il Qe di Dra­ghi risol­levi le ban­che euro­pee dal loro tor­pore, l’Eurozona con­ti­nua a sostare nella notte della defla­zione. Il tasso annuo di infla­zione a gen­naio è atteso in fles­sione dello 0,6%, in calo rispetto al –0,2% di dicem­bre. È quanto ha indi­cato ieri la stima flash dell’Eurostat. Il calo è dovuto prin­ci­pal­mente al calo dei prezzi dell’energia (-8,9% da –6,3% di dicem­bre), anco­rati sotto i 50 dol­lari di un barile di petro­lio; di cibo, alcol e tabac­chi (-0,1% da 0%) e beni non ener­ge­tici […]

    Leggi tutto →
  • DAL SINDACATO ECONOMIA E LAVORO Bancari in piazza contro l’Abi. E per dire no alla riforma Renzi

    Bancari in piazza contro l’Abi. E per dire no alla riforma Renzi

      «Siamo ban­cari, non ban­chieri». In caso che qual­cuno potesse con­fon­derli. Car­telli, fischietti, slo­gan con­tro l’Abi e il governo Renzi: l’Italia deve essere peg­gio­rata dav­vero tanto sul fronte del lavoro se in piazza a fare casino sono scesi adesso pure loro, i (tra­di­zio­nal­mente) calmi e posa­tis­simi impie­gati di banca. Quelli che un tempo veni­vano visti come “pri­vi­le­giati”, i più mode­rati, e che adesso potreb­bero diven­tare la prima cate­go­ria a per­dere il con­tratto nazio­nale. Senza con­tare la nuova valanga di esu­beri che si teme dopo le decine […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI EUROPA RUSSIA Sanzioni Ue spuntate contro la Russia

    Sanzioni Ue spuntate contro la Russia

    Non si può defi­nire pie­na­mente entu­sia­sta la rea­zione di Mosca alle deci­sioni uscite gio­vedì sera dalla riu­nione dei Mini­stri degli esteri dell’Unione euro­pea e che riguar­dano, nello spe­ci­fico, il tema delle san­zioni con­tro la Rus­sia. Vero è che dal comu­ni­cato uffi­ciale di Bru­xel­les sono scom­parse, su richie­sta del nuovo mini­stro degli esteri greco Nikos Katzias, sia la pre­tesa all’introduzione di nuove san­zioni, sia l’attribuzione alla Rus­sia delle respon­sa­bi­lità per la situa­zione ucraina: di que­sto, il Crem­lino dà il dovuto rico­no­sci­mento agli sforzi […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI MEDIO ORIENTE È guerra nel Sinai

    È guerra nel Sinai

    Sono 32 i morti e 42 i feriti in quat­tro attac­chi dina­mi­tardi tra al-Arish e Rafah con­tro le forze di sicu­rezza di Sheikh Zuweid. Gli atten­tati sono stati riven­di­cati da Ansar Beit al-Maqdis (Abm), gruppo jiha­di­sta che ha pro­cla­mato la sua affi­lia­zione allo Stato isla­mico in Iraq e Siria (Isis). Anche un neo­nato e un bam­bino di sei anni tra le vit­time. Dopo gli attac­chi, l’esercito egi­ziano ha annun­ciato l’avvio «di una larga offen­siva» nella peni­sola con l’uso di eli­cot­teri Apache. A ognuno i suoi mar­tiri, e così […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Il Nazareno morto è già risorto

    Il Nazareno morto è già risorto

    Il «pres­sing» del Pd su Alfano per con­vin­cerlo a far con­ver­gere i suoi voti su Mat­ta­rella fredda l’entusiasmo di chi ha cre­duto nella «morte del Patto del Naza­reno». Era stato un cer­ti­fi­cato troppo pre­ci­pi­toso, una bara che si chiude su un corpo ancora vivo come in un rac­conto dell’orrore di Edgar Allan Poe. Nella mino­ranza Pd c’è chi aveva fatto un pen­sie­rino su una resur­re­zione improv­visa e improv­vi­sata di una qual­che forma di cen­tro­si­ni­stra. Per lo meno que­sto è suc­cesso gio­vedì quando Renzi ha lan­ciato […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Per Renzi c’è un boom del lavoro, ma aumentano disoccupati e inattivi

    Per Renzi c’è un boom del lavoro, ma aumentano disoccupati e inattivi

    Basta un sus­sulto dell’Istituto nazio­nale di sta­ti­stica sull’aumento dell’occupazione a dicem­bre per far urlare il governo, affac­cen­dato nelle trame qui­ri­na­li­zie: piove nel deserto!. Ecco il tweet di Renzi «100mila posti di lavoro in più in un mese. Bene. Ma siamo solo all’inizio. Ripor­te­remo l’Italia a a cre­scere». In realtà l’aumento di 109 mila occu­pati è sull’ultimo anno, a dicem­bre è statp di 93 mila. E non può essere dovuto al Jobs Act le cui dele­ghe lan­guono. Renzi ne è con­sa­pe­vole e si è limi­tato all’ottimismo di fac­ciata, ormai tipico […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Ecologia economica

    Ecologia economica

    La scorsa set­ti­mana l’Eco­no­mist ha pub­bli­cato un lungo dos­sier sulle poten­zia­lità dello svi­luppo tec­no­lo­gico per affron­tare i pro­blemi eco­lo­gici del pia­neta, attra­verso la pro­du­zione di ener­gia pulita, minori spre­chi e una razio­na­liz­za­zione del suo impiego. Tutto ciò sarebbe rac­chiuso in tec­ni­che ormai alla por­tata, a un passo dal loro impiego su scala indu­striale. Il dos­sier mette poi in rela­zione la pos­si­bi­lità di que­sta tra­sfor­ma­zione con il crollo in corso dei prezzi del petro­lio e del gas natu­rale. Il titolo che cam­peg­giava in prima pagina […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA La figura di Mattarella e la democrazia ferita

    La figura di Mattarella e la democrazia ferita

    Evi­den­te­mente siamo desti­nati a «morire demo­cri­stiani», e forse qual­che domanda dovremmo por­cela al riguardo.

    Leggi tutto →