Debito pubblico, decido anch’io

martedì, 5 novembre, 2013 13:34 0 commenti

Una rete per decidere cosa fare dei nostri soldi. Per ricordare a tutti gli italiani che dal 1992 abbiamo tagliato 672 miliardi di euro in spese e investimenti. E se abbiamo oltrepassato i 2mila miliardi di debito non è perché siamo «cicale irresponsabili» ma per gli interessi che dal 1980 sono costati ben 2.230 miliardi di euro

debito_pubblico_italiano_nuovo_record_toccata_a_marzo_quota_2_034_7_miliardi-0-0-363886Da più parti si sente dire che faremo la fine della Grecia: disoccupazione alle stelle, servizi soppressi, povertà dilagante. Ma se così sarà per gli effetti, non altrettanto si può dire per le strategie.
Quando, nel 2010, la Troika atterrò ad Atene, i conti della finanza pubblica greca facevano tremare i polsi ai creditori. Le entrate fiscali non coprivano neanche la spese della macchina pubblica, figurarsi se c’erano soldi per gli interessi. Il rischio era che la Grecia diventasse un debitore insolvente, procurando guai non tanto al suo popolo, quanto alle banche di mezza Europa che avevano i cassetti pieni di titoli del debito greco. Perciò intervennero i mastini del capitalismo finanziario mondiale per costringere Atene a organizzarsi affinché i soldi per gli interessi venissero trovati. Non importa se per riuscirci bisognava affamare i bambini, costringerli all’analfabetismo e alla morte per tetano. L’importante è che da qualche parte i soldi saltassero fuori. Perché l’unico obiettivo perseguito dal Fondo Monetario Internazionale, dall’Unione Europa e la Banca Centrale Europea, la troika appunto, è garantire gli interessi ai creditori, che poi sono quel famoso 1% della popolazione mondiale che da sola controlla il 40% dell’intero patrimonio privato mondiale.
E benché strutture pubbliche, che funzionano con i soldi di tutti (per cui dovrebbero prendere le nostre difese, non delle banche), non appena uno stato è in affanno i tre gendarmi gli saltano addosso per imporgli la solita camicia di forza: più tasse e meno spese in modo da generare un avanzo da destinare agli interessi. Eppure lo sanno che per questa strada si arriva a quel disastro economico che oltre a creare disoccupazione e povertà mette sempre più a repentaglio la finanza pubblica. Perché se l’economia si contrae si riduce, anche il gettito fiscale e i conti dello stato entrano in un circuito perverso che impone altri aumenti fiscali e altri tagli alle spese come unico modo per recuperare le somme da dare ai creditori. I signori della Troika lo sanno che in fondo a questo percorso non c’è che la morte del paese, ma vanno avanti imperterriti come lupi attratti dal sangue. E di fronte a una Grecia con un buco di bilancio colossale, non hanno sentito ragioni: hanno messo i greci in catene e hanno saccheggiato le loro case per prendersi tutte le cibarie possibili da consegnare ai creditori.
Mossa rischiosa, perché quando un popolo è sottoposto a sacrifici pesanti può anche ribellarsi nell’impeto dell’esasperazione. E allora addio sogni di gloria, perché nei conflitti sociali non si sa chi ne uscirà vittorioso. Non a caso le elezioni greche del 2012, con Syriza diventato secondo partito del paese, hanno tenuto il potere finanziario col fiato sospeso. Il che conferma che quando le condizioni lo permettono, il potere preferisce le mazzate per piccole dosi, perché inducono i popoli alla sottomissione per la nostra innata propensione ad adattarci alle piccole malversità. Se non fosse che di malversità in malversità si può arrivare alla morte.
In Italia si adotta la strategia delle piccole mazzate, anche detta del rospo bollito, da una trentina di anni ed è anche per questo se ci pieghiamo con estrema docilità alle politiche di austerità imposte dall’Unione Europea.
Controllando i numeri ci accorgiamo che l’Italia in austerità c’è dal 1992, come dimostrano gli avanzi primari che da allora produciamo ogni anno. Detta in un altro modo, dal 1992 le nostre spese per servizi e investimenti sono sempre state al di sotto del gettito fiscale. Ciò non di meno continuiamo a ripetere come un mantra che siamo indebitati perché abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e che i sacrifici a cui siamo sottoposti sono la giusta punizione per i nostri stravizi.
Qualcuno dovrà ben raccontarlo agli italiani che dal 1992 abbiamo risparmiato 672 miliardi di euro e se abbiamo oltrepassato i 2000 miliardi di debito non è per effetto delle nostre serate galanti, ma degli interessi che dal 1980 ci sono costati 2230 miliardi di euro. Ma chi lo farà? Non certo i partiti, le televisioni o i giornali. A loro i cittadini servono acefali.
La nostra unica speranza risiede in noi stessi, nella nostra capacità di auto-organizzarci. Per questo il Centro Nuovo Modello di sviluppo ha lanciato la campagna «Debito pubblico decido anch’io» con lo scopo di favorire l’attività dei gruppi locali decisi a promuovere sul proprio territorio l’informazione e l’attenzione sul debito pubblico attraverso le iniziative più varie: dalle rappresentazioni teatrali ai giochi di strada, dai momenti informativi ai dibattiti in consiglio comunale, dal controllo popolare sui bilanci comunali, alle verifiche sulle gare d’appalto.
Il primo obiettivo della campagna è favorire i contatti. Spesso le iniziative stentano a decollare semplicemente perché i militanti di uno stesso territorio non si conoscono fra loro. Per questo, il Centro invita chiunque condivida la campagna a segnalare la propria disponibilità tramite il formulario approntato nella pagina della campagna «Debito pubblico decido anch’io» pubblicata nel sito www.cnms.it
I dati raccolti serviranno a facilitare la formazione dei nodi locali, a partire dai quali potranno essere organizzati corsi e scambi di esperienze a livello regionale e nazionale.

Francesco Gesualdi - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • SOTTOLINEATO Landini alla piazza: “L’articolo 18 ce lo riprendiamo”

    Landini alla piazza: “L’articolo 18 ce lo riprendiamo”

    Decine di migliaia di persone al debutto del nuovo movimento lanciato dalla Fiom. «Renzi alleato a Confindustria e Bce: i diritti li riconquisteremo con i contratti e cancellando il Jobs Act». Il saluto di Rodotà, gli studenti e le associazioni. “Unions”, come agli albori del sindacato «Nei primi due mesi dell’anno sono stati assunti 79 mila lavo­ra­tori a tempo inde­ter­mi­nato? Bene, io vor­rei che ne fos­sero con­trat­tua­liz­zati milioni. E vi dico di più: que­sti non devono essere gli ultimi assunti con l’articolo […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA La misura della piazza

    La misura della piazza

     Se la misura della piazza serve a far capire la forza delle oppo­si­zioni sociali di un paese, si può dire senza dub­bio che piazza del Popolo a Roma ha dato un grande segnale. Con qual­che novità rispetto a molte mani­fe­sta­zioni degli ultimi anni. La pre­senza di tanti gio­vani, e quindi non solo dei valo­rosi pen­sio­nati della Cgil che di solito riem­piono i cor­tei sin­da­cali; il ritorno di molte ban­diere rosse, non del vec­chio Pci e tan­to­meno di quelle sbia­dite del Pd, ma della Fiom; l’entusiasmo della […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Con la Coalizione Sociale

    Con la Coalizione Sociale

    La cosa più divertente di oggi è leggere i commenti attorcigliati e impacciati di tutti quelli che hanno sperato che la manifestazione di ieri non avesse successo. È accaduto il contrario e quindi rosicano. Peggio per loro. La manifestazione è stata un successo di partecipazione, di lotta, con un significativo impatto politico. Avanti, dunque, su questa strada con la Coalizione Sociale per costruire una risposta concreta ed efficace alle fallimentari politiche liberiste.

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Sulla coalizione sociale

    Sulla coalizione sociale

    Il progetto di ” coalizione sociale” lanciato dalla FIOM potrebbe essere l’inizio di una ristrutturazione della sinistra e della nascita di un nuovo soggetto politico. O potrebbe presto risolversi nella inconcludenza e in nuove rotture all’interno di ciò che resta della sinistra politica e sociale. Io tendo a vedere nella mossa di Landini notevoli potenzialità che vanno colte e aiutate ad emergere 1) Comincio con una nota che avevo pubblicato il 30 NOVEMBRE DEL 2014 e che ritengo tuttora valida: […]

    Leggi tutto →
  • CULTURA Se ci privano del patrimonio artistico

    Se ci privano del patrimonio artistico

    Nei momenti di più cupo sconforto bisogna attaccarsi alle buone notizie e trarne l’energia per resistere e se possibile contrattaccare. Buone notizie sono oggi per me due nuovi libri che presentano fortissime consonanze. Parlo di Se Venezia muore di Salvatore Settis, di cui ho già recentemente scritto, e di Privati del patrimonio di Tomaso Montanari, due piccoli testi preziosi, editi entrambi da Einaudi nella stessa collana. Perché le considero due buone notizie? Perché in un tempo in cui la vulgata […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Oggi tutti “Unions”. Con la coalizione anti-Renzi

    Oggi tutti “Unions”. Con la coalizione anti-Renzi

    Debutta il movimento lanciato dalla Fiom: «Via il Jobs Act, servono nuovi diritti». Libera, Arci, Emergency. E poi Anpi, Articolo 21, gli studenti di Rete della conoscenza e tanti pezzi di Cgil. Società civile e sindacato da oggi ci provano. Insieme La piazza è pronta per la coa­li­zione sociale lan­ciata da Mau­ri­zio Lan­dini: lavo­ra­tori, stu­denti, asso­cia­zioni sfi­le­ranno oggi a Roma, da Piazza della Repub­blica (appun­ta­mento alle 14) a Piazza del Popolo per dire no alJobs Act e pro­porre una nuova «pri­ma­vera del lavoro». Que­sto […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Lavoro, Davide contro Golia

    Lavoro, Davide contro Golia

    I libri di sto­ria com­men­te­ranno que­sti giorni come l’abbaglio e l’eclissi della ragione. Ricor­date il film Orwel 1994? Qual­cosa del genere sta acca­dendo. Cre­scita eco­no­mica, nuovo lavoro e con­so­li­da­mento delle isti­tu­zioni sono rias­su­mi­bili nello slo­gan “cam­biare verso”. Pur­troppo dob­biamo vivere il nostro tempo, ed è un tempo duris­simo. Prima il pre­si­dente dell’Inps Boeri, poi il mini­stro Poletti e da ultimo il pre­si­dente del con­si­glio Renzi annun­ciano la crea­zione di nuovi 79.000 posti di lavoro a tempo inde­ter­mi­nato tra gennaio-febbraio 2015 e gennaio-febbraio 2014. A noi tocca ancora […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI MEDIO ORIENTE Bombe sunnite sullo Yemen, il target è l’Iran

    Bombe sunnite sullo Yemen, il target è l’Iran

    Pio­vono bombe sau­dite sullo Yemen: nella notte tra mer­co­ledì e gio­vedì Riyadh ha annun­ciato l’inizio dell’operazione Tem­pe­sta Deci­siva. Le vit­time civili a Sana’a, secondo il Mini­stero della Salute yeme­nita, sono almeno 25, di cui 6 bam­bini. In campo sono scese le monar­chie del Golfo, i regimi sun­niti, per sof­fo­care la ribel­lione della mino­ranza sciita Hou­thi. I primi raid, lan­ciati a poche ore dall’occupazione Hou­thi di una parte di Aden e la fuga del pre­si­dente Hadi, hanno smen­tito le dichia­ra­zioni di Washing­ton e Riyadh che (men­tre i carri armati sau­diti […]

    Leggi tutto →