Debito pubblico, decido anch’io

martedì, 5 novembre, 2013 13:34 0 commenti

Una rete per decidere cosa fare dei nostri soldi. Per ricordare a tutti gli italiani che dal 1992 abbiamo tagliato 672 miliardi di euro in spese e investimenti. E se abbiamo oltrepassato i 2mila miliardi di debito non è perché siamo «cicale irresponsabili» ma per gli interessi che dal 1980 sono costati ben 2.230 miliardi di euro

debito_pubblico_italiano_nuovo_record_toccata_a_marzo_quota_2_034_7_miliardi-0-0-363886Da più parti si sente dire che faremo la fine della Grecia: disoccupazione alle stelle, servizi soppressi, povertà dilagante. Ma se così sarà per gli effetti, non altrettanto si può dire per le strategie.
Quando, nel 2010, la Troika atterrò ad Atene, i conti della finanza pubblica greca facevano tremare i polsi ai creditori. Le entrate fiscali non coprivano neanche la spese della macchina pubblica, figurarsi se c’erano soldi per gli interessi. Il rischio era che la Grecia diventasse un debitore insolvente, procurando guai non tanto al suo popolo, quanto alle banche di mezza Europa che avevano i cassetti pieni di titoli del debito greco. Perciò intervennero i mastini del capitalismo finanziario mondiale per costringere Atene a organizzarsi affinché i soldi per gli interessi venissero trovati. Non importa se per riuscirci bisognava affamare i bambini, costringerli all’analfabetismo e alla morte per tetano. L’importante è che da qualche parte i soldi saltassero fuori. Perché l’unico obiettivo perseguito dal Fondo Monetario Internazionale, dall’Unione Europa e la Banca Centrale Europea, la troika appunto, è garantire gli interessi ai creditori, che poi sono quel famoso 1% della popolazione mondiale che da sola controlla il 40% dell’intero patrimonio privato mondiale.
E benché strutture pubbliche, che funzionano con i soldi di tutti (per cui dovrebbero prendere le nostre difese, non delle banche), non appena uno stato è in affanno i tre gendarmi gli saltano addosso per imporgli la solita camicia di forza: più tasse e meno spese in modo da generare un avanzo da destinare agli interessi. Eppure lo sanno che per questa strada si arriva a quel disastro economico che oltre a creare disoccupazione e povertà mette sempre più a repentaglio la finanza pubblica. Perché se l’economia si contrae si riduce, anche il gettito fiscale e i conti dello stato entrano in un circuito perverso che impone altri aumenti fiscali e altri tagli alle spese come unico modo per recuperare le somme da dare ai creditori. I signori della Troika lo sanno che in fondo a questo percorso non c’è che la morte del paese, ma vanno avanti imperterriti come lupi attratti dal sangue. E di fronte a una Grecia con un buco di bilancio colossale, non hanno sentito ragioni: hanno messo i greci in catene e hanno saccheggiato le loro case per prendersi tutte le cibarie possibili da consegnare ai creditori.
Mossa rischiosa, perché quando un popolo è sottoposto a sacrifici pesanti può anche ribellarsi nell’impeto dell’esasperazione. E allora addio sogni di gloria, perché nei conflitti sociali non si sa chi ne uscirà vittorioso. Non a caso le elezioni greche del 2012, con Syriza diventato secondo partito del paese, hanno tenuto il potere finanziario col fiato sospeso. Il che conferma che quando le condizioni lo permettono, il potere preferisce le mazzate per piccole dosi, perché inducono i popoli alla sottomissione per la nostra innata propensione ad adattarci alle piccole malversità. Se non fosse che di malversità in malversità si può arrivare alla morte.
In Italia si adotta la strategia delle piccole mazzate, anche detta del rospo bollito, da una trentina di anni ed è anche per questo se ci pieghiamo con estrema docilità alle politiche di austerità imposte dall’Unione Europea.
Controllando i numeri ci accorgiamo che l’Italia in austerità c’è dal 1992, come dimostrano gli avanzi primari che da allora produciamo ogni anno. Detta in un altro modo, dal 1992 le nostre spese per servizi e investimenti sono sempre state al di sotto del gettito fiscale. Ciò non di meno continuiamo a ripetere come un mantra che siamo indebitati perché abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e che i sacrifici a cui siamo sottoposti sono la giusta punizione per i nostri stravizi.
Qualcuno dovrà ben raccontarlo agli italiani che dal 1992 abbiamo risparmiato 672 miliardi di euro e se abbiamo oltrepassato i 2000 miliardi di debito non è per effetto delle nostre serate galanti, ma degli interessi che dal 1980 ci sono costati 2230 miliardi di euro. Ma chi lo farà? Non certo i partiti, le televisioni o i giornali. A loro i cittadini servono acefali.
La nostra unica speranza risiede in noi stessi, nella nostra capacità di auto-organizzarci. Per questo il Centro Nuovo Modello di sviluppo ha lanciato la campagna «Debito pubblico decido anch’io» con lo scopo di favorire l’attività dei gruppi locali decisi a promuovere sul proprio territorio l’informazione e l’attenzione sul debito pubblico attraverso le iniziative più varie: dalle rappresentazioni teatrali ai giochi di strada, dai momenti informativi ai dibattiti in consiglio comunale, dal controllo popolare sui bilanci comunali, alle verifiche sulle gare d’appalto.
Il primo obiettivo della campagna è favorire i contatti. Spesso le iniziative stentano a decollare semplicemente perché i militanti di uno stesso territorio non si conoscono fra loro. Per questo, il Centro invita chiunque condivida la campagna a segnalare la propria disponibilità tramite il formulario approntato nella pagina della campagna «Debito pubblico decido anch’io» pubblicata nel sito www.cnms.it
I dati raccolti serviranno a facilitare la formazione dei nodi locali, a partire dai quali potranno essere organizzati corsi e scambi di esperienze a livello regionale e nazionale.

Francesco Gesualdi - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • ECONOMIA E LAVORO Alimentare: accordo per il rinnovo, 105 euro di aumento

    Alimentare: accordo per il rinnovo, 105 euro di aumento

    Arriva l’intesa per il contratto nazionale 2016-2019, che riguarda oltre 400mila lavoratori. Già quest’anno 35 euro in busta paga. Crogi (Flai): “Vincono i diritti. Arrivano gli Rls di sito, congedo retribuito di sei mesi per le donne vittime di violenza” È stato rinnovato il contratto nazionale del settore alimentare. L’accordo è stato raggiunto oggi pomeriggio. L’aumento per il quadriennio 2016-2019 è di 105 euro, di cui 35 euro nel 2016. Ne danno notizia i sindacati di categoria, Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil. “Oggi, […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI Amnesty: liberate i minori palestinesi in detenzione amministrativa

    Amnesty: liberate i minori palestinesi in detenzione amministrativa

    Il centro internazionale a difesa dei diritti umani chiede il rilascio del 17enne Mohammad al Hashlamoun, in carcere senza processo per ordine del ministro della difesa Moshe Yaalon. Erano 400 a dicembre i minori palestinesi in prigione Sotto nuvole gonfie di pioggia, con un vento gelido che tagliava la faccia, migliaia di palestinesi ieri hanno seguito il lungo corteo funebre che ha accompagnato nel suo ultimo viaggio Haitham al Baw, il 14enne ucciso venerdì dagli spari dei soldati israeliani non […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI Grillo ci ripensa, adozioni a rischio

    Grillo ci ripensa, adozioni a rischio

    Dal blog concede «libertà di coscienza». Rivolta in rete. Alfano esulta: la legge può saltare. Il Pd minimizza: «Benvenuti nell’età adulta». Deputati del movimento contro: «Scelta penosa» Ma ora i voti per le adozioni potrebbero non esserci. Lo stralcio diventa un’ipotesi concreta. Che Renzi potrebbe ’subire’ volentieri. E così evitare i capricci dell’alleato Alfano Contrordine grillini: sulle unioni civili Grillo concede libertà di voto. Per i militanti a cinque stelle e per la ’rete’, il fulmine a ciel sereno arriva […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA Referendum: la coerenza del NO dell’ANPI

    Referendum: la coerenza del NO dell’ANPI

    Perché si aderisce ai Comitati referendari in autonomia e libertà, fuori dal recinto di qualsiasi schieramento politico e con l’esclusivo intento di difendere la Costituzione Nella riunione del Comitato nazionale dell’ANPI, del 21 gennaio, si è ampiamente ed approfonditamente discusso circa la riforma del Senato e la legge elettorale e sulla proposta di aderire ai Comitati referendari già costituiti. La discussione è stata veramente apprezzabile, per la ricchezza e la serietà delle argomentazioni e per la compostezza del confronto. Si […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Giulio, l’Egitto e l’ipocrisia di Renzi

    Giulio, l’Egitto e l’ipocrisia di Renzi

    L’omicidio di Giulio Regeni apre uno squarcio drammatico sul clima di terrore che vive ogni giorno l’Egitto di Al Sisi, grande partner commerciale, economico e militare del governo Renzi Non è facile evitare di cadere nel banale o nell’inappropriato quando si tenta di esprimere un commento su una vicenda tragica come quella relativa all’assassinio di Giulio Regeni. La cautela e la delicatezza sono doverose e necessarie sopratutto per rispetto a chi oggi lo piange e chiede giustizia. Credo però che […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Il vero volto dell’Egitto che nessuno vuole vedere

    Il vero volto dell’Egitto che nessuno vuole vedere

    Più ci si allontana nel tempo dal giorno della sua scomparsa, e più si allontana anche la verità sulla morte di Giulio Regeni. E in maniera quasi ineluttabile, lo sdegno di oggi si trasformerà in disinteresse, indifferenza e forse persino in ostilità. Ma quello che Giulio studiava è lì davanti a noi, non è sparito, ammesso che vogliamo ancora vederlo. Ogni mattina all’alba, verso le tre e mezza, a Mahalla al-Kubra, nel Delta del Nilo, 400mila abitanti, 60 chilometri a […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Sinistra Lavoro sulle primarie di Milano

    Sinistra Lavoro sulle primarie di Milano

    Se Pisapia si fosse ripresentato l’avremmo votato senza bisogno di primarie. Ma lui non si ripresenta, ancora non si è capito perché, e lascia in eredità alcuni nodi irrisolti e un pesante rischio politico. Irrisolto è il nodo del  dopo-EXPO con le domande inevase che l’Esposizione lascia in sospeso. I nodi sono anche quelli degli scali Ferroviari e dell’Ortomercato, come pure del decentramento e del personale, compreso quello della ex-Provincia. Il rischio pesante è dato però dal rovesciamento del carattere che, nel 2011, assunse la coalizione vincente, allora di […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA A Bologna primarie aperte. Stile ulivo, ma di sinistra

    A Bologna primarie aperte. Stile ulivo, ma di sinistra

    La coalizione civica va ai gazebo, sfida a due. L’ex direttrice del carcere Paola Ziccone contro Federico Mastelloni di Sel. Al voto il 28 febbraio. Regole ancora da decidere A Bologna la sinistra lancia la sfida al Pd del sindaco Virginio Merola. E per farlo passerà dalle primarie. Il 28 di febbraio si saprà chi sarà alla testa della lista di Coalizione Civica. La sfida è tra il giurista di Sel Federico Martelloni e l’ex direttrice del carcere minorile cittadino […]

    Leggi tutto →