Debito pubblico, decido anch’io

martedì, 5 novembre, 2013 13:34 0 commenti

Una rete per decidere cosa fare dei nostri soldi. Per ricordare a tutti gli italiani che dal 1992 abbiamo tagliato 672 miliardi di euro in spese e investimenti. E se abbiamo oltrepassato i 2mila miliardi di debito non è perché siamo «cicale irresponsabili» ma per gli interessi che dal 1980 sono costati ben 2.230 miliardi di euro

debito_pubblico_italiano_nuovo_record_toccata_a_marzo_quota_2_034_7_miliardi-0-0-363886Da più parti si sente dire che faremo la fine della Grecia: disoccupazione alle stelle, servizi soppressi, povertà dilagante. Ma se così sarà per gli effetti, non altrettanto si può dire per le strategie.
Quando, nel 2010, la Troika atterrò ad Atene, i conti della finanza pubblica greca facevano tremare i polsi ai creditori. Le entrate fiscali non coprivano neanche la spese della macchina pubblica, figurarsi se c’erano soldi per gli interessi. Il rischio era che la Grecia diventasse un debitore insolvente, procurando guai non tanto al suo popolo, quanto alle banche di mezza Europa che avevano i cassetti pieni di titoli del debito greco. Perciò intervennero i mastini del capitalismo finanziario mondiale per costringere Atene a organizzarsi affinché i soldi per gli interessi venissero trovati. Non importa se per riuscirci bisognava affamare i bambini, costringerli all’analfabetismo e alla morte per tetano. L’importante è che da qualche parte i soldi saltassero fuori. Perché l’unico obiettivo perseguito dal Fondo Monetario Internazionale, dall’Unione Europa e la Banca Centrale Europea, la troika appunto, è garantire gli interessi ai creditori, che poi sono quel famoso 1% della popolazione mondiale che da sola controlla il 40% dell’intero patrimonio privato mondiale.
E benché strutture pubbliche, che funzionano con i soldi di tutti (per cui dovrebbero prendere le nostre difese, non delle banche), non appena uno stato è in affanno i tre gendarmi gli saltano addosso per imporgli la solita camicia di forza: più tasse e meno spese in modo da generare un avanzo da destinare agli interessi. Eppure lo sanno che per questa strada si arriva a quel disastro economico che oltre a creare disoccupazione e povertà mette sempre più a repentaglio la finanza pubblica. Perché se l’economia si contrae si riduce, anche il gettito fiscale e i conti dello stato entrano in un circuito perverso che impone altri aumenti fiscali e altri tagli alle spese come unico modo per recuperare le somme da dare ai creditori. I signori della Troika lo sanno che in fondo a questo percorso non c’è che la morte del paese, ma vanno avanti imperterriti come lupi attratti dal sangue. E di fronte a una Grecia con un buco di bilancio colossale, non hanno sentito ragioni: hanno messo i greci in catene e hanno saccheggiato le loro case per prendersi tutte le cibarie possibili da consegnare ai creditori.
Mossa rischiosa, perché quando un popolo è sottoposto a sacrifici pesanti può anche ribellarsi nell’impeto dell’esasperazione. E allora addio sogni di gloria, perché nei conflitti sociali non si sa chi ne uscirà vittorioso. Non a caso le elezioni greche del 2012, con Syriza diventato secondo partito del paese, hanno tenuto il potere finanziario col fiato sospeso. Il che conferma che quando le condizioni lo permettono, il potere preferisce le mazzate per piccole dosi, perché inducono i popoli alla sottomissione per la nostra innata propensione ad adattarci alle piccole malversità. Se non fosse che di malversità in malversità si può arrivare alla morte.
In Italia si adotta la strategia delle piccole mazzate, anche detta del rospo bollito, da una trentina di anni ed è anche per questo se ci pieghiamo con estrema docilità alle politiche di austerità imposte dall’Unione Europea.
Controllando i numeri ci accorgiamo che l’Italia in austerità c’è dal 1992, come dimostrano gli avanzi primari che da allora produciamo ogni anno. Detta in un altro modo, dal 1992 le nostre spese per servizi e investimenti sono sempre state al di sotto del gettito fiscale. Ciò non di meno continuiamo a ripetere come un mantra che siamo indebitati perché abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e che i sacrifici a cui siamo sottoposti sono la giusta punizione per i nostri stravizi.
Qualcuno dovrà ben raccontarlo agli italiani che dal 1992 abbiamo risparmiato 672 miliardi di euro e se abbiamo oltrepassato i 2000 miliardi di debito non è per effetto delle nostre serate galanti, ma degli interessi che dal 1980 ci sono costati 2230 miliardi di euro. Ma chi lo farà? Non certo i partiti, le televisioni o i giornali. A loro i cittadini servono acefali.
La nostra unica speranza risiede in noi stessi, nella nostra capacità di auto-organizzarci. Per questo il Centro Nuovo Modello di sviluppo ha lanciato la campagna «Debito pubblico decido anch’io» con lo scopo di favorire l’attività dei gruppi locali decisi a promuovere sul proprio territorio l’informazione e l’attenzione sul debito pubblico attraverso le iniziative più varie: dalle rappresentazioni teatrali ai giochi di strada, dai momenti informativi ai dibattiti in consiglio comunale, dal controllo popolare sui bilanci comunali, alle verifiche sulle gare d’appalto.
Il primo obiettivo della campagna è favorire i contatti. Spesso le iniziative stentano a decollare semplicemente perché i militanti di uno stesso territorio non si conoscono fra loro. Per questo, il Centro invita chiunque condivida la campagna a segnalare la propria disponibilità tramite il formulario approntato nella pagina della campagna «Debito pubblico decido anch’io» pubblicata nel sito www.cnms.it
I dati raccolti serviranno a facilitare la formazione dei nodi locali, a partire dai quali potranno essere organizzati corsi e scambi di esperienze a livello regionale e nazionale.

Francesco Gesualdi - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • ESTERI La crisi di legittimazione della Ue e la campagna di Syriza

    La crisi di legittimazione della Ue e la campagna di Syriza

    Movi­menti sociali hanno da tempo espresso il loro soste­gno per un’altra Europa. Il loro quasi una­nime soste­gno al No alle pro­po­ste della Troika al refe­ren­dum in Gre­cia dice molto delle ripe­tute fru­stra­zioni della spe­ranza di costruire una Europa sociale e dal basso. Infatti, le pro­te­ste con­tro l’austerity hanno affer­mato, sem­pre più chia­ra­mente ed espli­ci­ta­mente, che l’evoluzione dell’Europa sta andando nella dire­zione oppo­sta: sem­pre più un’Europa dei mer­cati (finan­ziari) e sem­pre più una Europa in cui isti­tu­zioni non respon­sa­bili demo­cra­ti­ca­mente fanno ricorso al […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Atene è insorta

    Atene è insorta

    Il colpo di stato europeo della Troika contro il governo di Tsipras democraticamente eletto in Grecia è stato sconfitto. Il referendum contro l’austerità (61% a 39%) ha segnato tuttavia la vittoria di una battaglia – la seconda, dopo quella delle elezioni greche del 25 gennaio 2015 – in una guerra molto più lunga. La guerra è quella dell’austerità contro i popoli europei, ed è condotta dai democristiani e dai socialdemocratici contro l’europeismo politico della nuova sinistra di Syriza e di […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Mariana Mazzucato: «Il No di Atene ha sconfitto l’arroganza dell’austerità»

    Mariana Mazzucato: «Il No di Atene ha sconfitto l’arroganza dell’austerità»

    Un popolo, stra­ziato dalla crisi e dalle ricette impo­ste dalla Troika, vota e scrive la sto­ria con un «No». Il corag­gio vince sulla paura, ma la bat­ta­glia sarà dif­fi­ci­lis­sima e neces­sita di una chiara visione di breve e lungo periodo. Chi ha perso è l’Europa dell’austerità. Ne par­liamo con Mariana Maz­zu­cato, eco­no­mi­sta e autrice de Lo Stato Inno­va­tore (Laterza). Come inter­preta il «No» greco all’austerità? Dalle inter­vi­ste in Gre­cia, emer­geva che chi avrebbe votato sì diceva di farlo per paura, chi «No» per corag­gio. Uma­na­mente dà […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Il No è la base per la ricostruzione della democrazia

    Il No è la base per la ricostruzione della democrazia

    Ha avuto ragione Alexis Tsipras “la democrazia batte la paura” Il voto di ieri ha spezzato l’assedio cui la Grecia era stata sottoposta da settimane di minacce, disinformazione e terrorismo psicologico da parte delle élite europee e dei mercati finanziari attraverso i mass media del continente. La vittoria del No ha rotto l’embargo della democrazia ed ha dimostrato che in Europa i singoli popoli – e tutti assieme a maggiore ragione – possono spuntarla contro chi vuole imporre e praticare […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Varoufakis: “Me ne vado per aiutare Tsipras”.

    Varoufakis: “Me ne vado per aiutare Tsipras”.

    A sorpresa, il ministro delle Finanze greco ha annunciato le sue dimissioni con un post sul suo blog. Ecco il testo integrale:  Il referendum del 5 luglio rimarrà nella storia come un momento unico in cui una piccola nazione europea si è ribellata alla servitù del debito. Come in tutte le battaglie democratiche, anche per il rifiuto dell’ultimatum dell’Eurogruppo del 25 gennaio da parte della Grecia ci sarà un prezzo da pagare. È essenziale, dunque, che questo straordinario capitale che il […]

    Leggi tutto →
  • CULTURA Nicola Lagioia stregato dal «No» di Atene

    Nicola Lagioia stregato dal «No» di Atene

    Nicola Lagioia ha dedi­cato il pre­mio Strega, vinto con il romanzo La fero­cia(Einaudi), al popolo greco. La dedica è pas­sata sot­to­trac­cia all’indomani della serata a Villa Giu­lia a Roma. Lo scrit­tore barese ci ritorna nel giorno in cui ad Atene si vota su un que­sito deci­sivo per il futuro della Gre­cia e dell’Europa: accet­tare, o meno, le poli­ti­che di austerità. Nicola Lagioia, foto LaPresse «La Gre­cia è entrata nell’Euro in maniera disa­strosa — afferma Lagioia — Mi rife­ri­sco ai conti truc­cati dal governo con la com­pli­cità […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA Oltre il Pd: per una sinistra di governo, nazionale e popolare

    Oltre il Pd: per una sinistra di governo, nazionale e popolare

    Non inizio con i saluti di rito. Non ringrazio nessuno. Non per maleducazione. Ma perché qui non ci sono invitati. Siamo tutti protagonisti. Oggi, sabato 4 luglio, non è soltanto la festa dell’indipendenza degli Stati Uniti. Oggi, noi che abbiamo lasciato il Partito Democratico celebriamo l’indipendenza da una sinistra rassegnata e subalterna, chiusa alla partecipazione attiva degli uomini e delle donne, vincente senza vittoria. Perché siamo qui, oggi? Siamo qui perché vogliamo tentare di ricostruire una connessione con tante domande […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA Ttip, appello ai nostri parlamentari europei contro la clausola a favore delle lobby

    Ttip, appello ai nostri parlamentari europei contro la clausola a favore delle lobby

    Il Ttip torna in aula. Il Parlamento europeo, infatti, il 7 e l’8 luglio prossimi sarà chiamato a riesaminare il testo della Risoluzione con cui darà le proprie indicazioni politiche alla Commissione sull’andamento del negoziato transatlantico di liberalizzazione degli scambi e degli investimenti tra Usa e Ue. Lo scoglio che si troverà di fronte intatto è l’inserimento o meno della clausola Isds, cioè quel meccanismo che permette agli investitori dell’altra parte dell’Oceano di citare uno Stato che avesse introdotto una […]

    Leggi tutto →