Debito pubblico, decido anch’io

martedì, 5 novembre, 2013 13:34 0 commenti

Una rete per decidere cosa fare dei nostri soldi. Per ricordare a tutti gli italiani che dal 1992 abbiamo tagliato 672 miliardi di euro in spese e investimenti. E se abbiamo oltrepassato i 2mila miliardi di debito non è perché siamo «cicale irresponsabili» ma per gli interessi che dal 1980 sono costati ben 2.230 miliardi di euro

debito_pubblico_italiano_nuovo_record_toccata_a_marzo_quota_2_034_7_miliardi-0-0-363886Da più parti si sente dire che faremo la fine della Grecia: disoccupazione alle stelle, servizi soppressi, povertà dilagante. Ma se così sarà per gli effetti, non altrettanto si può dire per le strategie.
Quando, nel 2010, la Troika atterrò ad Atene, i conti della finanza pubblica greca facevano tremare i polsi ai creditori. Le entrate fiscali non coprivano neanche la spese della macchina pubblica, figurarsi se c’erano soldi per gli interessi. Il rischio era che la Grecia diventasse un debitore insolvente, procurando guai non tanto al suo popolo, quanto alle banche di mezza Europa che avevano i cassetti pieni di titoli del debito greco. Perciò intervennero i mastini del capitalismo finanziario mondiale per costringere Atene a organizzarsi affinché i soldi per gli interessi venissero trovati. Non importa se per riuscirci bisognava affamare i bambini, costringerli all’analfabetismo e alla morte per tetano. L’importante è che da qualche parte i soldi saltassero fuori. Perché l’unico obiettivo perseguito dal Fondo Monetario Internazionale, dall’Unione Europa e la Banca Centrale Europea, la troika appunto, è garantire gli interessi ai creditori, che poi sono quel famoso 1% della popolazione mondiale che da sola controlla il 40% dell’intero patrimonio privato mondiale.
E benché strutture pubbliche, che funzionano con i soldi di tutti (per cui dovrebbero prendere le nostre difese, non delle banche), non appena uno stato è in affanno i tre gendarmi gli saltano addosso per imporgli la solita camicia di forza: più tasse e meno spese in modo da generare un avanzo da destinare agli interessi. Eppure lo sanno che per questa strada si arriva a quel disastro economico che oltre a creare disoccupazione e povertà mette sempre più a repentaglio la finanza pubblica. Perché se l’economia si contrae si riduce, anche il gettito fiscale e i conti dello stato entrano in un circuito perverso che impone altri aumenti fiscali e altri tagli alle spese come unico modo per recuperare le somme da dare ai creditori. I signori della Troika lo sanno che in fondo a questo percorso non c’è che la morte del paese, ma vanno avanti imperterriti come lupi attratti dal sangue. E di fronte a una Grecia con un buco di bilancio colossale, non hanno sentito ragioni: hanno messo i greci in catene e hanno saccheggiato le loro case per prendersi tutte le cibarie possibili da consegnare ai creditori.
Mossa rischiosa, perché quando un popolo è sottoposto a sacrifici pesanti può anche ribellarsi nell’impeto dell’esasperazione. E allora addio sogni di gloria, perché nei conflitti sociali non si sa chi ne uscirà vittorioso. Non a caso le elezioni greche del 2012, con Syriza diventato secondo partito del paese, hanno tenuto il potere finanziario col fiato sospeso. Il che conferma che quando le condizioni lo permettono, il potere preferisce le mazzate per piccole dosi, perché inducono i popoli alla sottomissione per la nostra innata propensione ad adattarci alle piccole malversità. Se non fosse che di malversità in malversità si può arrivare alla morte.
In Italia si adotta la strategia delle piccole mazzate, anche detta del rospo bollito, da una trentina di anni ed è anche per questo se ci pieghiamo con estrema docilità alle politiche di austerità imposte dall’Unione Europea.
Controllando i numeri ci accorgiamo che l’Italia in austerità c’è dal 1992, come dimostrano gli avanzi primari che da allora produciamo ogni anno. Detta in un altro modo, dal 1992 le nostre spese per servizi e investimenti sono sempre state al di sotto del gettito fiscale. Ciò non di meno continuiamo a ripetere come un mantra che siamo indebitati perché abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e che i sacrifici a cui siamo sottoposti sono la giusta punizione per i nostri stravizi.
Qualcuno dovrà ben raccontarlo agli italiani che dal 1992 abbiamo risparmiato 672 miliardi di euro e se abbiamo oltrepassato i 2000 miliardi di debito non è per effetto delle nostre serate galanti, ma degli interessi che dal 1980 ci sono costati 2230 miliardi di euro. Ma chi lo farà? Non certo i partiti, le televisioni o i giornali. A loro i cittadini servono acefali.
La nostra unica speranza risiede in noi stessi, nella nostra capacità di auto-organizzarci. Per questo il Centro Nuovo Modello di sviluppo ha lanciato la campagna «Debito pubblico decido anch’io» con lo scopo di favorire l’attività dei gruppi locali decisi a promuovere sul proprio territorio l’informazione e l’attenzione sul debito pubblico attraverso le iniziative più varie: dalle rappresentazioni teatrali ai giochi di strada, dai momenti informativi ai dibattiti in consiglio comunale, dal controllo popolare sui bilanci comunali, alle verifiche sulle gare d’appalto.
Il primo obiettivo della campagna è favorire i contatti. Spesso le iniziative stentano a decollare semplicemente perché i militanti di uno stesso territorio non si conoscono fra loro. Per questo, il Centro invita chiunque condivida la campagna a segnalare la propria disponibilità tramite il formulario approntato nella pagina della campagna «Debito pubblico decido anch’io» pubblicata nel sito www.cnms.it
I dati raccolti serviranno a facilitare la formazione dei nodi locali, a partire dai quali potranno essere organizzati corsi e scambi di esperienze a livello regionale e nazionale.

Francesco Gesualdi - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • SOTTOLINEATO Dal 15M a oggi, quattro anni di rivoluzione politica

    Dal 15M a oggi, quattro anni di rivoluzione politica

    Tagli per 10 miliardi ai settori dell’educazione e della sanità: il disastro austerity Final­mente ci siamo. Oggi in Spa­gna si chiude il ter­ri­bile qua­drien­nio di incon­tra­stato domi­nio dei popu­la­res di Mariano Rajoy, comin­ciato con il loro trionfo alle ammi­ni­stra­tive del 22 mag­gio 2011. E si rac­col­gono i primi signi­fi­ca­tivi frutti elet­to­rali di dif­fi­cili ma entu­sia­smanti lotte contro-egemoniche comin­ciate quel fati­dico 15 mag­gio, una set­ti­mana prima dell’affermazione del Pp. Come due uni­versi paral­leli, in que­sti quat­tro anni potere e contro-potere nella peni­sola ibe­rica hanno rap­pre­sen­tato […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Ufficiale: nessun taglio agli F35

    Ufficiale: nessun taglio agli F35

    La com­me­dia delle bugie e delle prese in giro del governo sugli F35 è finita. A pagina 144 del Docu­mento pro­gram­ma­tico plu­rien­nale per la Difesa appena «pre­sen­tato al par­la­mento dalla mini­stra Roberta Pinotti» si legge a pro­po­sito del pro­gramma F35: «Oneri com­ples­sivi sti­mati per circa 10 miliardi: com­ple­ta­mento pre­vi­sto 2027». Nel set­tem­bre del 2014 la camera aveva appro­vato una mozione (a prima firma Scanu del Pd) che impe­gnava il il governo «a rie­sa­mi­nare l’intero pro­gramma F35 per chia­rirne cri­ti­cità e costi con l’obiettivo finale di dimez­zare […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Landini e Camusso: «Sindacato unico? È da regime autoritario»

    Landini e Camusso: «Sindacato unico? È da regime autoritario»

    «Il modello del sindacato unico, quello dei regimi autoritari. In ogni caso lo lasci decidere ai lavoratori quale sindacato vogliono. Per me serve invece un sindacato più democratico e quindi unitario e pluralista». La voce di Maurizio Landini si unisce a quella di Susanna Camusso nel rispondere a Matteo Renzi, che venerdì sera, ospite di Enrico Mentana a Bersaglio Mobile, aveva dichiarato di sperare nell’avvento del sindacato unico e «a una legge sulla rappresentanza senza sigle su sigle su sigle». […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA La rottamazione di Renzi non varca le lenzuola

    La rottamazione di Renzi non varca le lenzuola

    Forse gli irlan­desi non sono pro­prio la «luce per il mondo» come hanno affer­mato alcuni espo­nenti del governo dopo aver otte­nuto il risul­tato che ha con­fer­mato la modi­fica dell’articolo 41 che recita: «Il matri­mo­nio può essere con­tratto per legge da due per­sone, senza distin­zione di sesso». Non sono del tutto illu­mi­nati que­sti sim­pa­tici irlan­desi. L’interruzione volon­ta­ria di gra­vi­danza è ancora vie­tata, le con­trad­di­zioni sociali e cul­tu­rali non man­cano, a volte per­cor­rono la clas­sica divi­sione tra i cit­ta­dini e i rurali, come un lungo medioevo che si […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Draghi senza freni «Solo in azienda si salva il lavoro»

    Draghi senza freni «Solo in azienda si salva il lavoro»

    Il presidente della Bce sponsorizza il modello Marchionne Anche Mario Dra­ghi attacca il con­tratto nazio­nale di lavoro. Il pre­si­dente della Bce rilan­cia il suo appello alle riforme strut­tu­rali con un deciso endor­se­ment alla con­trat­ta­zione azien­dale: chiede che l’economia fles­si­bile entri nel Dna degli euro­pei, al punto da dare all’Ue i poteri di gover­nance sulle riforme oggi appan­nag­gio dei governi nazionali. A Sin­tra, Por­to­gallo, Dra­ghi pre­siede la seconda edi­zione del sim­po­sio Bce dedi­cato quest’anno a infla­zione e disoc­cu­pa­zione: ine­vi­ta­bile toc­care libe­ra­liz­za­zioni, mer­cato del lavoro, […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Avviso alla Consulta

    Avviso alla Consulta

    Le critiche di Padoan alla Corte costituzionale sono le stesse che Renzi ha solo fatto intendere. I giudici delle leggi sono costretti sulla difensiva. Verso una partita di nomine ampia e decisiva. L’ultimo affondo del renzismo richiama le crociate di Berlusconi contro i giudici «politici». Le reazioni, anche sul Colle, sono diverse Per carità, siamo sem­pre il paese in cui un pre­si­dente del Con­si­glio in carica poteva affer­mare che «la Corte costi­tu­zio­nale è un organo poli­tico di sini­stra». Era Sil­vio Ber­lu­sconi […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Il governo della Corte

    Il governo della Corte

    Le riforme del Governo e per larga parte le sue poli­ti­che sono pro­prio da buttare.

    Leggi tutto →
  • APERTURA Incompetenze e pericolosi populismi

    Incompetenze e pericolosi populismi

    La fac­cenda dei ter­ro­ri­sti che arri­ve­reb­bero sui bar­coni è come la bufala dei rom che rapi­scono i bam­bini. Non un fatto pro­vato, non una sen­tenza, non un riscon­tro. In cam­bio, dopo l’arresto del gio­vane maroc­chino per la strage di Tunisi, dichia­ra­zioni tron­fie del governo, urla dei leghi­sti, pole­mi­che da cor­tile della destra, titoli fasulli sui gior­nali: il cam­pio­na­rio di nefan­dezze comu­ni­ca­tive a cui siamo abi­tuati da una ven­tina d’anni, ma che ora assume toni ancora più tru­cidi, con il caos in Libia, le […]

    Leggi tutto →