Debito pubblico, decido anch’io

martedì, 5 novembre, 2013 13:34 0 commenti

Una rete per decidere cosa fare dei nostri soldi. Per ricordare a tutti gli italiani che dal 1992 abbiamo tagliato 672 miliardi di euro in spese e investimenti. E se abbiamo oltrepassato i 2mila miliardi di debito non è perché siamo «cicale irresponsabili» ma per gli interessi che dal 1980 sono costati ben 2.230 miliardi di euro

debito_pubblico_italiano_nuovo_record_toccata_a_marzo_quota_2_034_7_miliardi-0-0-363886Da più parti si sente dire che faremo la fine della Grecia: disoccupazione alle stelle, servizi soppressi, povertà dilagante. Ma se così sarà per gli effetti, non altrettanto si può dire per le strategie.
Quando, nel 2010, la Troika atterrò ad Atene, i conti della finanza pubblica greca facevano tremare i polsi ai creditori. Le entrate fiscali non coprivano neanche la spese della macchina pubblica, figurarsi se c’erano soldi per gli interessi. Il rischio era che la Grecia diventasse un debitore insolvente, procurando guai non tanto al suo popolo, quanto alle banche di mezza Europa che avevano i cassetti pieni di titoli del debito greco. Perciò intervennero i mastini del capitalismo finanziario mondiale per costringere Atene a organizzarsi affinché i soldi per gli interessi venissero trovati. Non importa se per riuscirci bisognava affamare i bambini, costringerli all’analfabetismo e alla morte per tetano. L’importante è che da qualche parte i soldi saltassero fuori. Perché l’unico obiettivo perseguito dal Fondo Monetario Internazionale, dall’Unione Europa e la Banca Centrale Europea, la troika appunto, è garantire gli interessi ai creditori, che poi sono quel famoso 1% della popolazione mondiale che da sola controlla il 40% dell’intero patrimonio privato mondiale.
E benché strutture pubbliche, che funzionano con i soldi di tutti (per cui dovrebbero prendere le nostre difese, non delle banche), non appena uno stato è in affanno i tre gendarmi gli saltano addosso per imporgli la solita camicia di forza: più tasse e meno spese in modo da generare un avanzo da destinare agli interessi. Eppure lo sanno che per questa strada si arriva a quel disastro economico che oltre a creare disoccupazione e povertà mette sempre più a repentaglio la finanza pubblica. Perché se l’economia si contrae si riduce, anche il gettito fiscale e i conti dello stato entrano in un circuito perverso che impone altri aumenti fiscali e altri tagli alle spese come unico modo per recuperare le somme da dare ai creditori. I signori della Troika lo sanno che in fondo a questo percorso non c’è che la morte del paese, ma vanno avanti imperterriti come lupi attratti dal sangue. E di fronte a una Grecia con un buco di bilancio colossale, non hanno sentito ragioni: hanno messo i greci in catene e hanno saccheggiato le loro case per prendersi tutte le cibarie possibili da consegnare ai creditori.
Mossa rischiosa, perché quando un popolo è sottoposto a sacrifici pesanti può anche ribellarsi nell’impeto dell’esasperazione. E allora addio sogni di gloria, perché nei conflitti sociali non si sa chi ne uscirà vittorioso. Non a caso le elezioni greche del 2012, con Syriza diventato secondo partito del paese, hanno tenuto il potere finanziario col fiato sospeso. Il che conferma che quando le condizioni lo permettono, il potere preferisce le mazzate per piccole dosi, perché inducono i popoli alla sottomissione per la nostra innata propensione ad adattarci alle piccole malversità. Se non fosse che di malversità in malversità si può arrivare alla morte.
In Italia si adotta la strategia delle piccole mazzate, anche detta del rospo bollito, da una trentina di anni ed è anche per questo se ci pieghiamo con estrema docilità alle politiche di austerità imposte dall’Unione Europea.
Controllando i numeri ci accorgiamo che l’Italia in austerità c’è dal 1992, come dimostrano gli avanzi primari che da allora produciamo ogni anno. Detta in un altro modo, dal 1992 le nostre spese per servizi e investimenti sono sempre state al di sotto del gettito fiscale. Ciò non di meno continuiamo a ripetere come un mantra che siamo indebitati perché abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e che i sacrifici a cui siamo sottoposti sono la giusta punizione per i nostri stravizi.
Qualcuno dovrà ben raccontarlo agli italiani che dal 1992 abbiamo risparmiato 672 miliardi di euro e se abbiamo oltrepassato i 2000 miliardi di debito non è per effetto delle nostre serate galanti, ma degli interessi che dal 1980 ci sono costati 2230 miliardi di euro. Ma chi lo farà? Non certo i partiti, le televisioni o i giornali. A loro i cittadini servono acefali.
La nostra unica speranza risiede in noi stessi, nella nostra capacità di auto-organizzarci. Per questo il Centro Nuovo Modello di sviluppo ha lanciato la campagna «Debito pubblico decido anch’io» con lo scopo di favorire l’attività dei gruppi locali decisi a promuovere sul proprio territorio l’informazione e l’attenzione sul debito pubblico attraverso le iniziative più varie: dalle rappresentazioni teatrali ai giochi di strada, dai momenti informativi ai dibattiti in consiglio comunale, dal controllo popolare sui bilanci comunali, alle verifiche sulle gare d’appalto.
Il primo obiettivo della campagna è favorire i contatti. Spesso le iniziative stentano a decollare semplicemente perché i militanti di uno stesso territorio non si conoscono fra loro. Per questo, il Centro invita chiunque condivida la campagna a segnalare la propria disponibilità tramite il formulario approntato nella pagina della campagna «Debito pubblico decido anch’io» pubblicata nel sito www.cnms.it
I dati raccolti serviranno a facilitare la formazione dei nodi locali, a partire dai quali potranno essere organizzati corsi e scambi di esperienze a livello regionale e nazionale.

Francesco Gesualdi - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • ESTERI EUROPA Il cambiamento in Grecia: con Syriza è storico

    Il cambiamento in Grecia: con Syriza è storico

    Il cam­bia­mento poli­tico di dimen­sioni sto­ri­che, viene mostrato dai dati del son­dag­gio svolto in tutta la Gre­cia da Public Issue per l’Avgì, nel periodo dal 12 al 17 feb­braio. L’immagine posi­tiva del governo e il soste­gno dei cit­ta­dini alla gestione delle trat­ta­tive con i part­ner è quasi gene­rale, e supera l’80%; lo stesso accade per quanto riguarda il sen­ti­mento di orgo­glio nazio­nale, che avver­tono i cit­ta­dini nei primi giorni del nuovo governo. Dopo la prima prova del pre­mier, la popo­la­rità di Ale­xis Tsi­pras e la sua […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI EUROPA I kurdi avanzano, l’Isis risponde con i sequestri

    I kurdi avanzano, l’Isis risponde con i sequestri

    La con­trof­fen­siva kurda nel nord della Siria segna un’altra vit­to­ria: dopo la libe­ra­zione di oltre cento vil­laggi, i kurdi hanno tagliato ieri la prin­ci­pale via di rifor­ni­mento dell’Isis al con­fine con l’Iraq. Una fron­tiera che si sfaldò subito sotto gli sti­vali isla­mi­sti, porosa, per­mea­bi­lis­sima. Oggi lo è di meno: i com­bat­tenti kurdi hanno assunto il con­trollo delle zone a nord est della Siria e la strada che col­lega Tel Hamis a al-Houl, vitale ponte con l’Iraq e pas­sag­gio per mesi di mili­ziani e uomini. «Quella era la prin­ci­pale […]

    Leggi tutto →
  • CRONACHE ITALIANE INTERNI Il Biscione addenta il Cavallo

    Il Biscione addenta il Cavallo

    La bomba esplode all’alba: il Biscione si man­gia il Cavallo. Il con­si­glio d’amministrazione di Ei Towers, la con­trol­lata di Media­set che a sua volta con­trolla la rete di tra­smis­sione della società, ha appro­vato all’unanimità il lan­cio di un’offerta pub­blica di acqui­sto e scam­bio (Opas) su Rai Way, l’omologa società della tv pub­blica, in parte quo­tata, da novem­bre, in borsa. Fioc­cano i «l’avevo detto». Per primo quello di Roberto Fico, pen­ta­stel­lato pre­si­dente della com­mis­sione di vigi­lanza Rai che si beccò un «domani mat­tina i miei […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Al via la «fabbrica» di Landini

    Al via la «fabbrica» di Landini

    Non la costru­zione di un nuovo par­tito ma di una poli­tica dei diritti e del lavoro all’interno di una coa­li­zione sociale: Mau­ri­zio Lan­dini ieri a Pomi­gliano d’Arco ha messo in fila i fatti che hanno spinto la Fiom a cer­care fuori dalle fab­bri­che, anche oltre gli stru­menti della con­trat­ta­zione, soste­gno e armi per con­tra­stare il dise­gno che uni­sce il governo Renzi e Ser­gio Mar­chionne, Con­fin­du­stria e la Bce. Si comin­cia dall’hinterland par­te­no­peo, dove ha sede lo sta­bi­li­mento Fiat Chry­sler, per­ché è da qui che nel 2010 è par­tito il […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO La carriera dorata del parlamentare, una legislatura frutta 800mila euro

    La carriera dorata del parlamentare, una legislatura frutta 800mila euro

    Non si può certo dire che in que­sti anni il par­la­mento e le altre assem­blee elet­tive siano stati esenti da cri­ti­che severe. Li si è, al con­tra­rio, fre­quen­te­mente (e molto spesso a ragione) fusti­gati per i com­por­ta­menti cen­su­ra­bili dei loro com­po­nenti (basti pen­sare alla fac­cenda dei rim­borsi facili). Sulla que­stione dei «costi della poli­tica» si sono costruite pic­cole e grandi for­tune di opi­nio­ni­sti e forze poli­ti­che inter­preti della pro­te­sta «antipolitica». Il punto è che sem­pre il discorso si ferma sulla que­stione dei soldi, cioè in super­fi­cie […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Scissione nel Pd. I seicento di Civati: in settimana la conferenza stampa

    Scissione nel Pd. I seicento di Civati: in settimana la conferenza stampa

    Conferenza stampa ufficiale in vista per i seicento di civati in Sicilia. Nessuna notizia ufficiale ma le prime indiscrezioni parlano già di questo venerdì. «Seicento è solo un numero indicativo, ancora ora stiamo ricevendo continue adesioni, è possibile che saremo molti di più». A parlare così è Valentina Spata, ex giovane democratica, da tempo legata al deputato nazionale Pippo Civati, che in queste ora sta coordinando la secessione di delusi del Pd, nella fattispecie cuperliani di ferro e semplici cittadini. […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA “UN NUOVO INIZIO, SI FA POLITICA ANCHE SENZA PARTITO”

    “UN NUOVO INIZIO, SI FA POLITICA ANCHE SENZA PARTITO”

    Stefano Rodotà ha seguito con interesse la polemica nata attorno alle proposte di Maurizio Landini. Il termine “coalizione sociale” è di suo conio e qualche settimana fa, proprio con Il Fatto, aveva spiegato il senso della proposta. Dopo il clamore suscitato dall’intervista del segretario Fiom, torna sull’argomento. Le sembra che quella lanciata da Landini sia una proposta politica? Assolutamente sì. Anche perché, questa “coalizione sociale”, che io stesso avevo proposto, è una formula che aiuta a fare chiarezza. Non si […]

    Leggi tutto →
  • ACCADE A SINISTRA Dal jobs act alla mobilitazione sociale, cinque idee semplici semplici

    Dal jobs act alla mobilitazione sociale, cinque idee semplici semplici

    Proviamo a mettere un po’ di ordine nel caos di questi giorni e di queste settimane. 1. La vicenda del Jobs Act (la sua genesi e il suo epilogo) dimostra plasticamente perché è urgente una mobilitazione a sinistra di questo Partito democratico. Una legge delega (che esautora del tutto il Parlamento) passa in Consiglio dei ministri e impone, tutto d’un colpo, licenziamenti più facili e ulteriore precarietà (l’estensione dei voucher è paradigmatica). Mi sembra che il re sia nudo, o […]

    Leggi tutto →