Debito pubblico, decido anch’io

martedì, 5 novembre, 2013 13:34 0 commenti

Una rete per decidere cosa fare dei nostri soldi. Per ricordare a tutti gli italiani che dal 1992 abbiamo tagliato 672 miliardi di euro in spese e investimenti. E se abbiamo oltrepassato i 2mila miliardi di debito non è perché siamo «cicale irresponsabili» ma per gli interessi che dal 1980 sono costati ben 2.230 miliardi di euro

debito_pubblico_italiano_nuovo_record_toccata_a_marzo_quota_2_034_7_miliardi-0-0-363886Da più parti si sente dire che faremo la fine della Grecia: disoccupazione alle stelle, servizi soppressi, povertà dilagante. Ma se così sarà per gli effetti, non altrettanto si può dire per le strategie.
Quando, nel 2010, la Troika atterrò ad Atene, i conti della finanza pubblica greca facevano tremare i polsi ai creditori. Le entrate fiscali non coprivano neanche la spese della macchina pubblica, figurarsi se c’erano soldi per gli interessi. Il rischio era che la Grecia diventasse un debitore insolvente, procurando guai non tanto al suo popolo, quanto alle banche di mezza Europa che avevano i cassetti pieni di titoli del debito greco. Perciò intervennero i mastini del capitalismo finanziario mondiale per costringere Atene a organizzarsi affinché i soldi per gli interessi venissero trovati. Non importa se per riuscirci bisognava affamare i bambini, costringerli all’analfabetismo e alla morte per tetano. L’importante è che da qualche parte i soldi saltassero fuori. Perché l’unico obiettivo perseguito dal Fondo Monetario Internazionale, dall’Unione Europa e la Banca Centrale Europea, la troika appunto, è garantire gli interessi ai creditori, che poi sono quel famoso 1% della popolazione mondiale che da sola controlla il 40% dell’intero patrimonio privato mondiale.
E benché strutture pubbliche, che funzionano con i soldi di tutti (per cui dovrebbero prendere le nostre difese, non delle banche), non appena uno stato è in affanno i tre gendarmi gli saltano addosso per imporgli la solita camicia di forza: più tasse e meno spese in modo da generare un avanzo da destinare agli interessi. Eppure lo sanno che per questa strada si arriva a quel disastro economico che oltre a creare disoccupazione e povertà mette sempre più a repentaglio la finanza pubblica. Perché se l’economia si contrae si riduce, anche il gettito fiscale e i conti dello stato entrano in un circuito perverso che impone altri aumenti fiscali e altri tagli alle spese come unico modo per recuperare le somme da dare ai creditori. I signori della Troika lo sanno che in fondo a questo percorso non c’è che la morte del paese, ma vanno avanti imperterriti come lupi attratti dal sangue. E di fronte a una Grecia con un buco di bilancio colossale, non hanno sentito ragioni: hanno messo i greci in catene e hanno saccheggiato le loro case per prendersi tutte le cibarie possibili da consegnare ai creditori.
Mossa rischiosa, perché quando un popolo è sottoposto a sacrifici pesanti può anche ribellarsi nell’impeto dell’esasperazione. E allora addio sogni di gloria, perché nei conflitti sociali non si sa chi ne uscirà vittorioso. Non a caso le elezioni greche del 2012, con Syriza diventato secondo partito del paese, hanno tenuto il potere finanziario col fiato sospeso. Il che conferma che quando le condizioni lo permettono, il potere preferisce le mazzate per piccole dosi, perché inducono i popoli alla sottomissione per la nostra innata propensione ad adattarci alle piccole malversità. Se non fosse che di malversità in malversità si può arrivare alla morte.
In Italia si adotta la strategia delle piccole mazzate, anche detta del rospo bollito, da una trentina di anni ed è anche per questo se ci pieghiamo con estrema docilità alle politiche di austerità imposte dall’Unione Europea.
Controllando i numeri ci accorgiamo che l’Italia in austerità c’è dal 1992, come dimostrano gli avanzi primari che da allora produciamo ogni anno. Detta in un altro modo, dal 1992 le nostre spese per servizi e investimenti sono sempre state al di sotto del gettito fiscale. Ciò non di meno continuiamo a ripetere come un mantra che siamo indebitati perché abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e che i sacrifici a cui siamo sottoposti sono la giusta punizione per i nostri stravizi.
Qualcuno dovrà ben raccontarlo agli italiani che dal 1992 abbiamo risparmiato 672 miliardi di euro e se abbiamo oltrepassato i 2000 miliardi di debito non è per effetto delle nostre serate galanti, ma degli interessi che dal 1980 ci sono costati 2230 miliardi di euro. Ma chi lo farà? Non certo i partiti, le televisioni o i giornali. A loro i cittadini servono acefali.
La nostra unica speranza risiede in noi stessi, nella nostra capacità di auto-organizzarci. Per questo il Centro Nuovo Modello di sviluppo ha lanciato la campagna «Debito pubblico decido anch’io» con lo scopo di favorire l’attività dei gruppi locali decisi a promuovere sul proprio territorio l’informazione e l’attenzione sul debito pubblico attraverso le iniziative più varie: dalle rappresentazioni teatrali ai giochi di strada, dai momenti informativi ai dibattiti in consiglio comunale, dal controllo popolare sui bilanci comunali, alle verifiche sulle gare d’appalto.
Il primo obiettivo della campagna è favorire i contatti. Spesso le iniziative stentano a decollare semplicemente perché i militanti di uno stesso territorio non si conoscono fra loro. Per questo, il Centro invita chiunque condivida la campagna a segnalare la propria disponibilità tramite il formulario approntato nella pagina della campagna «Debito pubblico decido anch’io» pubblicata nel sito www.cnms.it
I dati raccolti serviranno a facilitare la formazione dei nodi locali, a partire dai quali potranno essere organizzati corsi e scambi di esperienze a livello regionale e nazionale.

Francesco Gesualdi - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • ESTERI Il Pkk risponde al pugno di ferro di Ankara: uccisi tre soldati

    Il Pkk risponde al pugno di ferro di Ankara: uccisi tre soldati

    Bombe in Iraq, arre­sti di massa nel sud della Tur­chia: la guerra di Ankara al Pkk è senza quar­tiere. In un angolo resta lo Stato Isla­mico, “dimen­ti­cato” dai jet tur­chi. Dal 24 luglio sono morti nei raid nel nord dell’Iraq 190 com­bat­tenti kurdi, oltre 1.300 gli arre­stati nel sud della Tur­chia: di que­sti solo il 10% sono sospetti soste­ni­tori dell’Isis, il resto sono mem­bri o sim­pa­tiz­zanti del Par­tito Demo­cra­tico del Popolo (Hdp). La rispo­sta del Pkk c’è ed è signi­fi­ca­tiva per­ché l’attacco di […]

    Leggi tutto →
  • ESTERI Kiev sul baratro, Fmi spinge per ristrutturare il suo debito

    Kiev sul baratro, Fmi spinge per ristrutturare il suo debito

    La situa­zione eco­no­mica dell’Ucraina è sem­pre più vicina al col­lasso. Quelle appena tra­scorse sono state gior­nate di intense trat­ta­tive tra Kiev e i rap­pre­sen­tanti dei suoi cre­di­tori inter­na­zio­nali (ame­ri­cani, bra­si­liani e russi) per una fati­cosa e forse pro­ba­bile ristrut­tu­ra­zione del debito estero, che ammonta a circa 23 miliardi di dollari. Kiev, attra­verso i pro­pri organi mini­ste­riali ha pro­po­sto un piano nei giorni pre­ce­denti, che dovrà essere valu­tato: una prima risposa a quanto pro­po­sto dalla mini­stra delle finanza, Nata­lia Yare­sko, dovrebbe arri­vare oggi. Il Fondo mone­ta­rio spinge per […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI Il senato disarciona il governo

    Il senato disarciona il governo

    Nel Viet­nam di palazzo Madama il governo va sotto su un punto fon­da­men­tale. I due emen­da­menti sop­pres­sivi dell’articolo 4 del dise­gno di legge di riforma Rai, pre­sen­tati da Sel, M5S, Lega e Fi ma anche dalla mino­ranza del Pd, non sono un par­ti­co­lare. Affon­dano la riforma nel suo ele­mento stra­te­gico: sot­trag­gono la delega in bianco al governo per quanto riguarda il canone Rai e il rior­dino delle emit­tenti locali. Come dire, tutto quel che nel testo del governo esu­lava dalla riforma della governance. Sono […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO Il disastro al Sud, la nostra Grecia

    Il disastro al Sud, la nostra Grecia

    Il Sud, la nostra Gre­cia. Al set­timo anno di crisi – sostiene un’anticipazione del rap­porto Svi­mez sull’economia del Mez­zo­giorno 2015 pre­sen­tata ieri a Roma – l’emergenza con­cla­mata oggi è un disa­stro accer­tato. Il crollo della domanda interna, dei con­sumi e degli inve­sti­menti pro­dur­ranno uno stra­vol­gi­mento demo­gra­fico impre­ve­di­bile che ampli­fi­cherà la deser­ti­fi­ca­zione indu­striale e alla civile. Come in guerra Per il set­timo anno con­se­cu­tivo il Pil del Mez­zo­giorno è nega­tivo (1,3%, nel 2013 era –2,7%), cre­sce il diva­rio rispetto al Centro-Nord (-0,2%). La mappa di que­sto […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Il nazionalismo, la Ue e la sua disintegrazione

    Il nazionalismo, la Ue e la sua disintegrazione

    Nata per scon­giu­rare i nazio­na­li­smi che ave­vano deva­stato il Vec­chio Con­ti­nente e il mondo nella prima metà del ’900, l’Ue ritorna sui suoi passi. Torna ad ali­men­tarli con rin­no­vato vigore. E lo fa per ini­zia­tiva del paese che avviò, ogni volta, la car­ne­fi­cina: la Ger­ma­nia. Oggi il nuovo nazio­na­li­smo ege­mo­nico tede­sco pos­siede tutti i pre­sup­po­sti per durare ed espandersi. L’Unione tutte le con­di­zioni mate­riali e poli­ti­che per disin­te­grarsi. Come tutti i vedenti hanno potuto osser­vare, la vicenda greca l’ha mostrato in maniera esemplare. Alla base dell’egoismo […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO La sfida di Tsipras a Syriza

    La sfida di Tsipras a Syriza

    Ale­xis Tsi­pras pro­pone una sfida su due fronti, chie­dendo a Syriza di deci­dere: un con­gresso straor­di­na­rio a set­tem­bre e l’organizzazione di un refe­ren­dum interno al par­tito dome­nica pros­sima, per deci­dere quale sarà la linea da seguire. Per deci­dere, quindi, se devono essere por­tate avanti le trat­ta­tive con il quar­tetto dei cre­di­tori, o se sarà neces­sa­rio andare subito ad ele­zioni anti­ci­pate, per­ché la linea del governo non viene condivisa. «Dob­biamo com­pren­dere che all’interno del nostro par­tito non ci sono espo­nenti più di sini­stra di altri, […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Un paese perduto

    Un paese perduto

    La drammaticità della crisi economica nazionale impone delle riflessioni coraggiose. Questa crisi italiana è più lunga e profonda di quella del ’29. La Svimez ricorda a tutti noi quanto in basso si possa cadere

    Leggi tutto →
  • APERTURA Quando Krugman iniziò a parlare di «mezzogiornificazione» d’Europa

    Quando Krugman iniziò a parlare di «mezzogiornificazione» d’Europa

    È stato il pre­mio Nobel dell’economia Paul Krug­man a par­lare per la prima volta di «mez­zo­gior­ni­fi­ca­zione» dell’Europa nel 1991 nel libro «Geo­gra­fia e com­mer­cio inter­na­zio­nale». Il dua­li­smo eco­no­mico che ha segnato i rap­porti tra Nord e Sud Ita­lia si è allar­gato a quello tra i paesi del Nord e del Sud dell’Europa e all’interno di tutti i paesi, a comin­ciare della Ger­ma­nia, uni­fi­cata, ma divisa ancora tra un Ovest e un Est. Gli eco­no­mi­sti ita­liani Emi­liano Bran­cac­cio e Ric­cardo Real­fonzo hanno ripreso que­sta cate­go­ria in uno stu­dio del 2008, inti­to­lato «L’Europa è a rischio […]

    Leggi tutto →