Debito pubblico, decido anch’io

martedì, 5 novembre, 2013 13:34 0 commenti

Una rete per decidere cosa fare dei nostri soldi. Per ricordare a tutti gli italiani che dal 1992 abbiamo tagliato 672 miliardi di euro in spese e investimenti. E se abbiamo oltrepassato i 2mila miliardi di debito non è perché siamo «cicale irresponsabili» ma per gli interessi che dal 1980 sono costati ben 2.230 miliardi di euro

debito_pubblico_italiano_nuovo_record_toccata_a_marzo_quota_2_034_7_miliardi-0-0-363886Da più parti si sente dire che faremo la fine della Grecia: disoccupazione alle stelle, servizi soppressi, povertà dilagante. Ma se così sarà per gli effetti, non altrettanto si può dire per le strategie.
Quando, nel 2010, la Troika atterrò ad Atene, i conti della finanza pubblica greca facevano tremare i polsi ai creditori. Le entrate fiscali non coprivano neanche la spese della macchina pubblica, figurarsi se c’erano soldi per gli interessi. Il rischio era che la Grecia diventasse un debitore insolvente, procurando guai non tanto al suo popolo, quanto alle banche di mezza Europa che avevano i cassetti pieni di titoli del debito greco. Perciò intervennero i mastini del capitalismo finanziario mondiale per costringere Atene a organizzarsi affinché i soldi per gli interessi venissero trovati. Non importa se per riuscirci bisognava affamare i bambini, costringerli all’analfabetismo e alla morte per tetano. L’importante è che da qualche parte i soldi saltassero fuori. Perché l’unico obiettivo perseguito dal Fondo Monetario Internazionale, dall’Unione Europa e la Banca Centrale Europea, la troika appunto, è garantire gli interessi ai creditori, che poi sono quel famoso 1% della popolazione mondiale che da sola controlla il 40% dell’intero patrimonio privato mondiale.
E benché strutture pubbliche, che funzionano con i soldi di tutti (per cui dovrebbero prendere le nostre difese, non delle banche), non appena uno stato è in affanno i tre gendarmi gli saltano addosso per imporgli la solita camicia di forza: più tasse e meno spese in modo da generare un avanzo da destinare agli interessi. Eppure lo sanno che per questa strada si arriva a quel disastro economico che oltre a creare disoccupazione e povertà mette sempre più a repentaglio la finanza pubblica. Perché se l’economia si contrae si riduce, anche il gettito fiscale e i conti dello stato entrano in un circuito perverso che impone altri aumenti fiscali e altri tagli alle spese come unico modo per recuperare le somme da dare ai creditori. I signori della Troika lo sanno che in fondo a questo percorso non c’è che la morte del paese, ma vanno avanti imperterriti come lupi attratti dal sangue. E di fronte a una Grecia con un buco di bilancio colossale, non hanno sentito ragioni: hanno messo i greci in catene e hanno saccheggiato le loro case per prendersi tutte le cibarie possibili da consegnare ai creditori.
Mossa rischiosa, perché quando un popolo è sottoposto a sacrifici pesanti può anche ribellarsi nell’impeto dell’esasperazione. E allora addio sogni di gloria, perché nei conflitti sociali non si sa chi ne uscirà vittorioso. Non a caso le elezioni greche del 2012, con Syriza diventato secondo partito del paese, hanno tenuto il potere finanziario col fiato sospeso. Il che conferma che quando le condizioni lo permettono, il potere preferisce le mazzate per piccole dosi, perché inducono i popoli alla sottomissione per la nostra innata propensione ad adattarci alle piccole malversità. Se non fosse che di malversità in malversità si può arrivare alla morte.
In Italia si adotta la strategia delle piccole mazzate, anche detta del rospo bollito, da una trentina di anni ed è anche per questo se ci pieghiamo con estrema docilità alle politiche di austerità imposte dall’Unione Europea.
Controllando i numeri ci accorgiamo che l’Italia in austerità c’è dal 1992, come dimostrano gli avanzi primari che da allora produciamo ogni anno. Detta in un altro modo, dal 1992 le nostre spese per servizi e investimenti sono sempre state al di sotto del gettito fiscale. Ciò non di meno continuiamo a ripetere come un mantra che siamo indebitati perché abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e che i sacrifici a cui siamo sottoposti sono la giusta punizione per i nostri stravizi.
Qualcuno dovrà ben raccontarlo agli italiani che dal 1992 abbiamo risparmiato 672 miliardi di euro e se abbiamo oltrepassato i 2000 miliardi di debito non è per effetto delle nostre serate galanti, ma degli interessi che dal 1980 ci sono costati 2230 miliardi di euro. Ma chi lo farà? Non certo i partiti, le televisioni o i giornali. A loro i cittadini servono acefali.
La nostra unica speranza risiede in noi stessi, nella nostra capacità di auto-organizzarci. Per questo il Centro Nuovo Modello di sviluppo ha lanciato la campagna «Debito pubblico decido anch’io» con lo scopo di favorire l’attività dei gruppi locali decisi a promuovere sul proprio territorio l’informazione e l’attenzione sul debito pubblico attraverso le iniziative più varie: dalle rappresentazioni teatrali ai giochi di strada, dai momenti informativi ai dibattiti in consiglio comunale, dal controllo popolare sui bilanci comunali, alle verifiche sulle gare d’appalto.
Il primo obiettivo della campagna è favorire i contatti. Spesso le iniziative stentano a decollare semplicemente perché i militanti di uno stesso territorio non si conoscono fra loro. Per questo, il Centro invita chiunque condivida la campagna a segnalare la propria disponibilità tramite il formulario approntato nella pagina della campagna «Debito pubblico decido anch’io» pubblicata nel sito www.cnms.it
I dati raccolti serviranno a facilitare la formazione dei nodi locali, a partire dai quali potranno essere organizzati corsi e scambi di esperienze a livello regionale e nazionale.

Francesco Gesualdi - il manifesto

Scrivi un commento


Other News

  • APERTURA Il valore che rimane

    Il valore che rimane

    E’ sempre lui l’obiettivo dei liberisti e anche del governo Renzi che ne fa le veci: l’articolo 18 che difende dai licenziamenti arbitrari

    Leggi tutto →
  • APERTURA La festa che lavora

    La festa che lavora

    Un calendario di dibattiti ricchissimo di ospiti e di proposte per l’unità della sinistra

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Ancora non è sciopero, ma la Fiom vuole accelerare

    Ancora non è sciopero, ma la Fiom vuole accelerare

    Jobs Act. I sindacati pronti a mobilitarsi in difesa dell’articolo 18. Landini a un’iniziativa dei pensionati Spi: “Potremmo anticipare la manifestazione del 25 ottobre”. Cgil, Cisl e Uil in attesa di una decisione comune Il fronte sin­da­cale scalda i motori, e gra­dual­mente si com­patta. Dall’interno della Cgil, c’è da notare il sal­darsi dell’alleanza tra la Fiom e lo Spi (i pen­sio­nati, che in piazza por­tano grossi numeri): la segre­ta­ria Carla Can­tone ha ospi­tato ieri Mau­ri­zio Lan­dini a un diret­tivo a Cat­to­lica, e il segre­ta­rio della Fiom […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Un’Emilia Romagna migliore

    Un’Emilia Romagna migliore

    Esistono due forme di subalternità altrettanto pericolose, dalle quali sarebbe bene che la Sinistra di Alternativa rifuggisse: da un lato, l’idea che le alleanze locali col PD siano una soluzione indispensabile, dall’altro che esse possano essere percepite addirittura come un tradimento da lavoratori, studenti, giovani precari e da quanti pagano ogni giorno il prezzo della crisi. In mezzo a questi due estremi che hanno ridotto la Sinistra ad un arcipelago diviso e residuale, bisogna ricostruire l’autostrada della politica che antepone […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA Una sciagurata delega in bianco

    Una sciagurata delega in bianco

    Job act. Lavoro e diritti sotto attacco. La falsa «dialettica» nel Pd: la coppia Ichino/Sacconi senza scontentare Damiano Renzi deve dare la «prova d’amore» all’Europa dell’austerità, altro che pugni sul tavolo e cami­cie bian­che, quelli ser­vono per la stampa nazio­nale codina e pro­vin­ciale verso il potente di turno. E il pegno d’amore è ciò che resta dell’articolo18, svuo­tando il rein­te­gro pre­vi­sto oggi, in alter­na­tiva all’indennizzo, per i soli casi in cui il magi­strato accerti la discri­mi­na­zione nasco­sta dal licen­zia­mento per motivi eco­no­mici. E in sovrap­più la […]

    Leggi tutto →
  • ECONOMIA E LAVORO ECONOMIA E POLITICA Il Pd si beve l’articolo 18

    Il Pd si beve l’articolo 18

    Jobs Act. Sì di tutti i senatori in Commissione al nuovo contratto, ma il partito resta diviso. Damiano minaccia un «ping pong» del testo. Sel e M5S si alzano senza votare. E Sacconi stappa lo spumante, in siciliano: «Comu finisci, si cunta. Ne riparliamo alla fine. Ma intanto io festeggio già ora, non mi pare che altri lo facciano» La Com­mis­sione Lavoro del Senato ha appro­vato la delega lavoro: il Jobs Act modi­fi­cato dall’emendamento sul con­tratto a tempo inde­ter­mi­nato a tutele cre­scenti […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Un nuovo Italicum per tre

    Un nuovo Italicum per tre

    Legge elettorale. Nell’ultimo vertice del Nazareno, Renzi e Berlusconi hanno ipotizzato di spostare il premio di maggioranza dalle coalizioni alle liste. Una soluziono che sarebbe ideale anche per M5S Oppor­tu­na­mente taciuta, una novità sostan­ziosa potrebbe essere sal­tata fuori, mer­co­ledì pome­rig­gio, dal cilin­dro del Naza­reno. Non un ritocco appor­tato all’Italicum ma una modi­fica radi­cale delle sue fon­da­menta: l’assegnazione del pre­mio di mag­gio­ranza non più alla coa­li­zione ma alla lista che supera il 40%, o che, in caso con­tra­rio, si aggiu­dica il bal­lot­tag­gio. […]

    Leggi tutto →
  • INTERNI POLITICA INTERNA Articolo 18: vale per il 2,4% delle imprese e 6,5 milioni di lavoratori

    Articolo 18: vale per il 2,4% delle imprese e 6,5 milioni di lavoratori

    I dati della Cgia. La tutela ha una copertura limitata, ma un alto valore simbolico e politico. Gli artigiani di Mestre: “Più che accendere il conflitto sociale, il governo crei occupazione con investimenti e sostegno ai redditi” Sono poche le aziende sot­to­po­ste alla disci­plina all’articolo 18, ma oltre la metà dei lavo­ra­tori dipen­denti ita­liani del set­tore pri­vato sono tute­lati da que­sto isti­tuto. I numeri ela­bo­rati dalla Cgia di Mestre dicono che l’articolo 18 si applica al 2,4% delle aziende e al 57,6% […]

    Leggi tutto →