Guai ai vecchi

giovedì, 7 novembre, 2013 12:36 2 commenti

anzianiIl traghetto carico di turisti è giunto nel porto e sta ormeggiando. I passeggeri si affollano lungo la stretta scalinata che conduce ai vari livelli del garage. La discesa non è facile data la quantità di adulti, bambini, carrozzine, borse…Nella calca si fa strada in senso opposto un giovane corpulento. Ha imboccato un piano che non è quello dove ha parcheggiato l’auto e ora risale veloce sgomitando. Una donna esile, intorno ai sessant’anni ben portati, esclama: «Percorre le scale in senso inverso e pretende pure di farsi strada in questo modo!». Il giovane le urla contro, in italiano: «Stia zitta lei che è un’abusiva: i vecchi devono starsene a casa!». La donna in questione si sistema col marito in un residence, in un’area tra le meno frequentate dai turisti. Come vicini, divisi da un vetro sottile che taglia la terrazza comune, hanno una coppia francese sui trent’anni, con due bambine. Non sono loro a infastidirli ma la madre, che ha l’abitudine di gridare e trascinare rumorosamente le sedie in plastica. Un mattino la signora le chiede gentilmente, in buon francese, se per favore potrebbe sollevarle, le sedie, invece che trascinarle. In presenza delle piccole, lei grida con voce rabbiosa: «Se non le sta bene questo residence, se ne ritorni nella casa di riposo!».
La sala cinematografica è quasi vuota: si proietta un film di qualità. Oltre loro due, ci sono solo un’altra coppia e tre giovani che sembrano capitati lì per errore: durante la proiezione non fanno che sbuffare o parlare. Un paio di volte la donna e il marito li pregano di tacere. Prima che scorrano i titoli di coda, si alzano vociando e passano giusto davanti a loro. I due protestano che il film non è finito e che vorrebbero guardarli, i titoli di coda. Sconcertati e stizziti, i giovani replicano in malo modo. La coppia cerca di opporre qualche argomento razionale. Uno dei tre grida: «Voi non sapete chi sono io: mio padre è colonnello dei carabinieri!». La signora e il marito scoppiano in una risata. Il figlio del colonnello reagisce urlando con tutto il fiato: “Siete due vecchi di merda!».
Queste spiacevolezze, riportate fedelmente, sono accadute a una stessa coppia (chi siano è irrilevante) in un arco di tempo breve. Ora, comparate le frasi insultanti con espressioni analoghe, non rare, quali «Sta’ zitto tu che sei extracomunitario: gli africani devono restarsene nella giungla!», «Se non vi sta bene ‘sta baracca, tornatevene a casa vostra!», «Siete solo due negri di merda!». Accostatele, se volete, a locuzioni del tipo: «Fuori tutte le donne dal Parlamento, tutte a casa a fare la calza!» (così un lettore del quotidiano Il Giornale) e ad altre ricavabili dall’immenso repertorio sessista. Vi apparirà chiaro che la stigmatizzazione dei “vecchi” usa dispositivi analoghi a quelli del razzismo e del sessismo: soprattutto stereotipi generalizzanti e caricaturali, che inducono a cogliere non individui e singolarità, ma categorie indistinte, oltre tutto costruite, rappresentate, percepite secondo cliché svalorizzanti.
E’ per assonanza e analogia con razzismo e sessismo che nel 1969 Rober Butler, psichiatra e geriatra, coniò il termine ageism (da age: età), che trent’anni dopo sarebbe stato accolto nella lingua francese come âgisme e ben più tardi in quella italiana come ageismo: parola e concetto da noi poco consueti. Con questo termine si designa ogni forma di pregiudizio, segregazione, svalorizzazione in ragione della classe di età. Ma l’espressione più diffusa di ageismo è quella contro i “vecchi”: una delle forme di discriminazione tra le più invisibili e tollerate, insiste Jerôme Pellissier, ricercatore e autore di pubblicazioni sul tema. Vi si sofferma anche Enrico Pugliese nell’ultimo capitolo dell’ottimo La terza età. Anziani e società in Italia (il Mulino, 2011). Gli stereotipi e i pregiudizi più diffusi sono quelli per cui tutti gli anziani sarebbero immobilisti, conservatori, reazionari, inoperosi; e/o abbienti, privilegiati, potenti, perciò accusati d’impoverire i giovani, di occupare abusivamente posti e ruoli di prestigio, di rubare il lavoro: cosa, quest’ultima, in Italia particolarmente risibile dopo la riforma Fornero, che impedisce di andare in pensione prima dei 67 anni.
In Occidente, tra le ragioni dell’ageismo v’è la rimozione della finitezza, così tipica del nostro tempo: le persone anziane testimoniano che la morte è ineluttabile e la decadenza fisica assai probabile. Il paradosso è che coloro che coltivano pregiudizi verso i “vecchi” contribuiscono a condannare se stessi all’appartenenza futura a una categoria svalorizzata o stigmatizzata.
Ma vi sono anche i mutamenti sociali che hanno investito la struttura e il ruolo della famiglia, non più allargata ma mononucleare, in quanto tale tendente a estromettere gli anziani. Si aggiunga il prevalere della cultura che esalta la produttività, la prestazione, la forma, l’aspetto esteriore, e che produce ideologie giovaniliste. Queste, ben lontane dal valorizzare effettivamente il ruolo dei giovani, inducono a coltivare, spesso in modo compulsivo, il mito dell’eterna giovinezza: al punto che il “Cavaliere”, oggi più vicino agli ottant’anni che ai settanta, per non pochi continua a incarnare il modello ideale del vincente che esercita potere anche nella sfera sessuale.
In Italia il giovanilismo ispira a sua volta le retoriche della “rottamazione”, dietro cui si dissimulano ambizioni personali e giochi di potere. Un indizio d’ideologia giovanilista è la convenzione lessicale, affermatasi negli anni recenti in ambito giornalistico ma non solo, che designa come ragazzi anche adulti fino alla fascia dei quarant’anni, salvo appartengano a categorie svalorizzate (migranti, rifugiati, rom…). E’ una spia della tendenza a semplificare drasticamente, secondo la dicotomia ragazzi/vecchi, le scansioni del ciclo della vita umana, di conseguenza il paesaggio sociale. Contrapposte le une alle altre, entrambe le categorie -arbitrarie più di altre- possono essere oggetto di stigmatizzazione: basta pensare alla progressione che va dagli insulti dell’allora ministro Brunetta contro i giovani precari all’invito sprezzante a non essere troppo choosy, rivolto dall’ex ministra Fornero.
Al tempo della Terza Grande Depressione, gli anziani (i non ricchi e non potenti) spesso divengono -insieme ad altri soggetti marginalizzati, discriminati o disprezzati (ancora una volta migranti, rifugiati, rom)- capri espiatori per settori di popolazione che sperimentano direttamente gli effetti sociali della crisi e delle politiche di austerità. E non solo: l’ideologia dell’austerità, le sue pratiche, nonché una certa demografia apocalittica fanno sì che l’invecchiamento della popolazione sia rappresentato -dai poteri ma anche da settori di opinione pubblica- come fardello sociale non più sopportabile. Così i tagli drastici al welfare, in specie alla sanità pubblica, nel nostro e in altri paesi europei incrementano la discriminazione delle persone anziane. In Europa sono soprattutto i medici a denunciare che l’età avanzata è la principale barriera rispetto all’accesso a cure sanitarie adeguate.
Specialmente in periodi di crisi e recessione, il pregiudizio e la discriminazione in ragione dell’età avanzata possono sommarsi a quelli in base al genere, all’origine, allo status, alla condizione sociale, producendo effetti drammatici. La svalorizzazione della vecchiaia, la rappresentazione di giovani e anziani quali unità sociali distinte e rivali è un inganno utile a occultare le fratture di classe e di potere, le crescenti ineguaglianze sociali, l’isolamento dei più deboli, la disoccupazione e l’impoverimento di massa.

Annamaria Rivera - il manifesto

2 Commenti

  • ok: è così: non ci fa una piega!

  • Carissima Annamaria,
    ho letto il Tuo articolo con interesse trasporto e condivisione. Ho apprezzato i passaggi ironici,ma di gusto
    e mi sono compiaciuto della cultura che dallo scritto si percepisce senza esibizione.
    La cosa che mi ha più sorpreso è quando ho letto “il manifesto” “comunisti on line”.
    Mi reputo di destra e questo ha reso ancora la cosa ancora più piacevole. A rileggerti…… andrea!

Scrivi un commento


Other News

  • APERTURA Riforme, Boschi torna a provocare i partigiani: ‘Quelli veri voteranno sì al referendum’. Bersani: ‘Come si permette?’

    Riforme, Boschi torna a provocare i partigiani: ‘Quelli veri voteranno sì al referendum’. Bersani: ‘Come si permette?’

    Ospite di Lucia Annunziata la ministra torna a etichettare gli iscritti all’Anpi. Dieci giorni fa aveva paragonato chi vota “no” a CasaPound. Civati: “Quella del governo è una campagna volgare, oscena e dissennata”. Il partigiano Eros: “Si vede che non conosce partigiani veri, perché siamo tutti per il no”. Alla fine Boschi fa marcia indietro: “Evidenti strumentalizzazioni”. E nega (mentendo) di aver fatto distinzione tra partigiani veri e non “I partigiani veri voteranno sì”. Dieci giorni dopo la polemica su […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Il Venezuela non sarà il nuovo Iraq

    Il Venezuela non sarà il nuovo Iraq

    Altro che referendum revocatorio nei confronti del presidenteNicolas Maduro. Consapevole delle crescenti difficoltà che comporta una scelta del genere, dettagliatamente regolamentata dallaCostituzione bolivariana (art. 72), che pone precisi requisiti in termini di firme da raccogliere e di voti da esprimere, evidentementefuori dalla portata della destra di opposizione, i leader di quest’ultima stanno rivolgendo chiari appelli agli Stati Uniti affinché intervengano militarmente contro il governo chavista. Il “la” al vergognoso coro di invocazioni della guerra l’ha dato un professionista dei crimini contro […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Lo tsunami referendario

    Lo tsunami referendario

    Con un articolo apparso su Repubblica, critico su Renzi e la minoranza Pd incapace di incalzarlo a dovere sulle riforme costituzionali, Alfredo Reichlin ha un po’ riscattato l’onore politico degli antichi scolari di Togliatti. Tranne Aldo Tortorella (che però è più legato a Luigi Longo che al Migliore e quali referenti culturali ha il razionalismo critico di Antonio Banfi e non lo storicismo), nessuno tra gli eredi di Togliatti (cioè la più preparata generazione politica della Repubblica) aveva preso una […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Da Occupy Wall Street a Bernie Sanders

    Da Occupy Wall Street a Bernie Sanders

    Bernie Sanders è un populista? Sicuramente si autodefinisce tale (in più occasioni ha dichiarato «sono socialista e populista»). Rivendi­cazione che suona male alle orecchie di una sinistra europea che, pur se simpatizza per lui, è abituata ad associare il populismo ai movimen­ti nazionalisti e xenofobi di casa propria (nemmeno l’esordio sullo scenario europeo di movimenti come Podemos è riuscito a scalzare del tutto tale pregiudizio). E ancor più suona male sulle pagine dei big media americani, i quali, unanimemente schierati […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO La bomba sociale è innescata, la miccia tagliamola collettivamente prima che esploda

    La bomba sociale è innescata, la miccia tagliamola collettivamente prima che esploda

    Il nuovo rapporto istat su lavoro, giovani e famiglie, in occasione dei 90 anni di vita dell’istituto raccontato vividamente sulle pagine del manifesto di oggi (Ciccarelli, Carra, Gonnelli e Saraceno) è sconfortante, fa male al cuore e per quanto prevedibile racconta di un paese socialmente terremotato e inospitale. Andiamo sinteticamente a vedere alcune statistiche e dati, anche se mi permetto di consigliarvi la lettura integrale, solo dopo esservi seduti comodi. GENERALE – La disuguaglianza economica tra benestanti e indigenti cresce […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Senza categoria No a una riforma che restringe gli spazi di partecipazione e rappresentanza

    No a una riforma che restringe gli spazi di partecipazione e rappresentanza

    In queste settimane stiamo entrando nel vivo della campagna elettorale relativa al referendum sulle modifiche costituzionali previsto per ottobre. Abbiamo già detto, ma non è inutile ripeterlo, che l’orientamento largamente condiviso all’interno della nostra associazione sul merito della materia referendaria parte dalla considerazione che la riforma proposta rischia di assecondare e accelerare la tendenza ad un restringimento della partecipazione democratica e della rappresentanza. Per questo, pur consapevoli che sarebbero necessari aggiornamenti alla seconda parte della Costituzione, siamo invece convinti che […]

    Leggi tutto →
  • APERTURA Sinistra Unita

    Sinistra Unita

    I sondaggi pubblicato oggi da Repubblica sono molto interessanti. Nei 4 comuni più importanti dove si vota (Torino, Milano, Bologna e Roma), le liste e i candidati a Sindaco della Sinistra Unita raccolgono un consenso che oscilla tra il 5 e l’8%. A Napoli il candidato a Sindaco che sosteniamo (De Magistris) è nettamente in vantaggio sugli altri candidati. In queste due settimane che ci separano dal voto dobbiamo intensificare le iniziative al fine di migliorare ulteriormente questi risultati. In […]

    Leggi tutto →
  • SOTTOLINEATO Strappata autorizzazione per piazza dell’Esquilino. Casapound non potrà attraversarla

    Strappata autorizzazione per piazza dell’Esquilino. Casapound non potrà attraversarla

    Grazie alle pressioni di queste giorni, la Roma antifascista ha ottenuto l’autorizzazione a manifestare all’Esquilino. Casapound non potrà sfilare fino al Colosseo lungo il percorso che aveva scelto. Ma non finisce qua: si è scoperto che il Comune ha autorizzato un concerto nazirock al centro di Roma. Le piazze e le strade di Roma sono di chi ogni giorno le vive, le attraversa e le anima con le proprie lotte politiche e sociali. È così che le pressioni di un […]

    Leggi tutto →