Storia della grappa

Le origini della grappa

Fu nel XIV secolo che si iniziò a distillare la vinaccia, dando vita cosi al liquore più famoso e utilizzato nel nostro Paese; uno tra i primi liquori a trovare largo uso sia tra le classi più ricche che tra quelle più povere. Da varie ricerche condotte in merito  alle origini della grappa viene spesso citato un certo  Enrico di ser Everardo da Cividale del Friuli; sembra che nel  testamento questo gentiluomo, avesse lasciato in eredità un “unum ferrum ad faccenda acquavitem” ; ovvero alambicco per distillare l’acquavite, che era il nome che veniva dato a quel tempo alla grappa.

Le differenze del distillato

Di fatto la grappa non era tutta uguale, veniva prodotta un’acquavite destinata ai signorotti e ai nobili ,ai quali era destinato  il distillato migliore,  alla popolazione invece veniva lasciata la seconda produzione, ovvero il distillato ottenuto dagli scarti della prima lavorazione. Inoltre la grappa di un tempo era molto differente da quella prodotta ai giorni nostri; quella di origine era  secca, satura di sostanze troppo pungenti al palato, ma la grappa attraversò le epoche e la raffinazione delle tecniche per distillare è migliorata molto ma rimane ricca di quelle caratteristiche che la contraddistinguono ed è ancora oggi un liquore s forte e semplice, ma più morbido, meno bruciante, grazie ai prolungati affinamenti in legno, e all’introduzione di abbinamenti con frutta e altri ingredienti.

La buona grappa

Liquore famoso anche per essere stata  l’unica bevanda alcolica utilizzata in guerra dagli alpini che ne fecero una fonte di calore e coraggio nei giorni bui sulle montagne; in seguito nel dopoguerra, lo sviluppo italiano senza precedenti, il rinnovato stile di vita, e la nuova condizione economica favorevole portò ad estimare questo liquore in nuovi termini di gusto e di finezza; iniziò la produzione di grappe sempre più sofisticate e rinomate destinate a vari usi e a tutte le tavole. Se non conoscete la grappa e ne volete assaggiare di ottima qualità visitate il sito  simielecakedesign

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*