Juve: idee diverse riguardo la società

Il parere del tecnico Allegri riguardo a quale categoria di giocatori affidarsi

Affidarsi a giocatori di nome, classe, età ed esperienza, oppure avere uno sguardo più proiettato al futuro attraverso profili di giocatori più giovani? La scelta della Juventus sembrava orientata verso la seconda ipotesi. Andrea Agnelli ha spesso parlato dell’esigenza di tornare ai vertici senza perdere di vista il bilancio: un progetto inizialmente condiviso da tutti, dirigenti e tecnico. Dopo aver anticipato il colpo grosso del mercato a gennaio, Vlahovic, il piano della Juventus prevedeva un mercato ben studiato. Tradotto: l’acquisto di un grande giocatore a centrocampo, perché è nella mediana che la squadra sembra necessitare maggiormente di rinforzi; riguardo questa ipotesi si è deciso di rinunciare a giocatori che si ritiene abbiano esaurito la propria fase, da Dybala a Morata. Compito di Max Allegri, con la sua esperienza, valorizzare i talenti e far tornare in alto la Juventus.

Andrea Agnelli potrebbe affidarsi a Pogba

Tuttavia, a causa forse dell’andamento di questa stagione e delle tante critiche, il piano pare aver convinto meno il tecnico, dato che il ds Cherubini ha esposto sul tavolo della società tre profili già bloccati: Pogba, su cui già c’erano convergenze di opinioni, sia tecniche sia anagrafiche, dato che ha 29 anni e non è giovanissimo sebbene con molta esperienza alle spalle, Perisic e Di Maria. Ultratrentenni e dagli ingaggi molto alti; l’ultima parola spetta ovviamente ad Andrea Agnelli che dovrà decidere se mantenere il progetto iniziale o puntare soltanto su un grande nome, quello di Pogba; idea molto approvata da Allegri, abituato a gestire giocatori già compiuti e affidabili.

Se ti piacciono le scommesse sportive, vai sul sito di https://www.bettiamo.it/

L’esempio del Milan

C’è chi, come Bonucci, ha evidenziato in diversi momenti della stagione, la poca esperienza di alcuni compagni, anche se l’età mediana Juventina è tutt’altro che bassa. E l’esempio del Milan, il cui monte ingaggi è meno della metà di quello della Juve, dimostra che si può lottare per vincere anche con giovani senza trofei nel curriculum. Se vorresti riprendere ad allenarti, ecco perché dovresti considerare l’home fitness.

Opportunità di mercato della Juve: le decisioni ad Agnelli

Non sarebbe uno scandalo se i piani dei bianconeri dovessero cambiare riguardo alle opportunità di mercato. In ogni società esistono correnti e spesso la sintesi tra posizioni diverse può risultare anche vincente. È comunque evidente che le richieste dell’allenatore, supportate dal ds, non sono esattamente allineate con l’iniziale piano tecnico-finanziario; e veder andare via Dybala, ieri, durante l’ultima partita con i bianconeri, a 28 anni, per motivi relativi all’ingaggio e poi affidarsi a giocatori di 33-34 anni farebbe un certo effetto. Tuttavia la palla passa ad Agnelli che dovrà prendere le decisioni conlcusive, dopo il confronto con i suoi dirigenti. 

LEAVE A REPLY

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.